Aprile 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I parlamentari delle Isole Salomone chiedono risposte sulle armi “false” provenienti dalla Cina | Novità sulle armi

I parlamentari delle Isole Salomone chiedono risposte sulle armi “false” provenienti dalla Cina |  Novità sulle armi

Il leader dell’opposizione Matthew Weil accusa il commissario di polizia di aver ingannato l’opinione pubblica dopo il rapporto di Al Jazeera.

Taipei, Taiwan- Il leader dell’opposizione delle Isole Salomone Matthew Weil ha chiesto al commissario di polizia del paese di “rivelare” se la Cina abbia spedito segretamente armi da fuoco autentiche a Honiara l’anno scorso dopo che nuovi dettagli sulla spedizione sono stati rivelati da Al Jazeera.

La settimana scorsa, Al Jazeera ha rivelato che al momento della spedizione, nel marzo 2022, i diplomatici statunitensi credevano che le armi da fuoco fossero in realtà pistole e fucili reali e non “repliche” destinate a scopi di addestramento come sostiene il governo.

L’ambasciata americana in Papua Nuova Guinea ha dichiarato in un dispaccio diplomatico ottenuto da Al Jazeera attraverso una richiesta di libertà di informazione: “Le armi nella foto erano imballate in scatole di legno, sembravano vere e avevano numeri di serie unici”.

I funzionari statunitensi ritenevano inoltre che le repliche di armi da fuoco successivamente offerte dalla Royal Solomon Islands Police Force (RSIPF) per sedare la controversia non fossero le stesse della spedizione e si chiedevano perché le armi fossero state scaricate nel cuore della notte senza essere. documentazione.

Martedì, Weill ha accusato il commissario della RSIPF Mostin Manjau e il primo ministro Manasseh Sogavare di ingannare volontariamente le Isole Salomone e di agire più come un’organizzazione criminale che come un governo sovrano.

“Quando le istituzioni incaricate di proteggerci sono coinvolte in tali atti ingannevoli, diventa chiaro che non ci si può fidare di questo governo, soprattutto su questioni critiche come la sicurezza nazionale”, ha affermato Will in una nota.

READ  McDonald's si allontana da un uomo anziano per non avere uno smartphone

In un’intervista con l’Australian Broadcasting Corporation, un altro parlamentare dell’opposizione, Peter Kynneloria Jr, ha chiesto un’inchiesta per andare a fondo della controversia.

competizione geopolitica

L’opposizione politica delle Isole Salomone si è precedentemente opposta alle spedizioni di armi da altri paesi, tra cui l’Australia, che l’anno scorso ha donato fucili MK18 e veicoli della polizia alla nazione del Pacifico.

Sogavare e RSIPF non hanno risposto pubblicamente alle rivelazioni contenute nei dispacci diplomatici.

Ma Colin Beck, capo del ministero degli Esteri delle Isole Salomone, ha dichiarato sabato che il rapporto di Al Jazeera “non conteneva alcuna verità” e faceva parte di una “narrativa controversa” sul paese.

reclamo [Solomon Islands] Ricezione di armi [China] Questo non è vero e non aiuta di fronte al sistema internazionale in rapido cambiamento di oggi. [The Solomon Islands] “Rimarremo vigili e flessibili”, ha scritto Beck su X, la piattaforma di social media precedentemente nota come Twitter.

Durante il suo mandato, Sogavare ha adottato una serie di misure per approfondire le relazioni con la Cina, tra cui la firma di un accordo di cooperazione in materia di sicurezza e la sospensione del riconoscimento dell’autogoverno di Taiwan.

Lo spostamento del Paese verso Pechino ha allarmato i funzionari di Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, che temono l’invasione cinese nel Pacifico.

Le Isole Salomone, con una popolazione di poco più di 700.000 abitanti, e altre piccole nazioni insulari del Pacifico sono state coinvolte in un’accesa competizione tra le maggiori potenze a causa della loro posizione strategica.

La RSIPF non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Al Jazeera.

L’ufficio del primo ministro non ha risposto alle precedenti domande di Al Jazeera sulle accuse mosse dai funzionari statunitensi.

READ  La guerra russo-ucraina: cosa sappiamo il giorno 167 dell'invasione | Ucraina