Giugno 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I ministri degli Esteri israeliano e libico si incontrano per la prima volta in Italia

I ministri degli Esteri israeliano e libico si incontrano per la prima volta in Italia

Il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha avuto un incontro con il ministro degli Esteri libico in Italia la scorsa settimana, sebbene i due paesi non abbiano relazioni diplomatiche, si legge domenica in una dichiarazione del ministero degli Esteri israeliano.

L’incontro tra Cohen e il ministro degli Esteri libico Najla Mangoush sarebbe stato organizzato dal ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani.

“Ho parlato con il ministro degli Esteri del rapporto tra i due paesi e dell’importanza di preservare il patrimonio degli ebrei libici, compresa la ristrutturazione delle sinagoghe e dei cimiteri ebraici nel paese”, ha detto Cohen in una nota. emesso domenica dal suo ministero.

I ministri hanno discusso dei legami storici tra i due Paesi e della “possibilità di cooperazione e assistenza israeliana nelle questioni umanitarie, nell’agricoltura e nella gestione dell’acqua”.

Nessun annuncio ufficiale è stato ancora fatto dal Ministero degli Affari Esteri libico.

Nessun accordo diplomatico formale è stato stipulato tra Libia e Israele nel corso della storia dei due paesi.

Come altri paesi del Nord Africa, la Libia ha una ricca eredità ebraica. Ma durante il regno del presidente libico Muammar Gheddafi, deposto e assassinato, si stima che 38.000 ebrei furono espulsi e la maggior parte delle sinagoghe furono distrutte e successivamente convertite in moschee.

Gheddafi era un noto oppositore di Israele e un sostenitore dei palestinesi, compresi i gruppi militanti armati.

Dalla sua cacciata e assassinio nel 2011, la Libia è stata sprofondata nella guerra civile, che ha diviso il paese tra i governi rivali di Bengasi a est e Tripoli a ovest.

La signora Mangoush proviene dal governo libico di Tripoli, guidato dal primo ministro Abdelhamid Dbeibeh, noto per la sua vicinanza all’Italia.

READ  Vale la pena scommettere in Italia?

L’incontro tra i due ministri e ciò che esso comporta, tuttavia, potrebbe portare cambiamenti nella politica interna in Libia e cambiamenti geopolitici in Nord Africa.

Qualsiasi potenziale riavvicinamento tra Libia e Israele potrebbe portare a una nuova crisi tra i governi dell’est e dell’ovest, e una possibile reazione da parte del popolo libico all’interno e all’esterno del paese.

La Libia potrebbe affrontare una crisi con i suoi vicini Tunisia e Algeria, le cui politiche estere rifiutano qualsiasi normalizzazione o relazione formale con Israele.

Il possibile default della Libia nei confronti di Israele potrebbe dividere ulteriormente la regione nordafricana dal suo blocco economico e politico, l’Unione del Maghreb Arabo.

Aggiornato: 27 agosto 2023, 17:35