Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I migliori film e serie TV del 2021

I migliori film e serie TV del 2021

Sono le 9:35 a Storm Lake, Iowa, e Art Cullen esce per fumare una sigaretta. I suoi giornalisti lo stanno facendo di nuovo. Non consegnare la loro copia in tempo, impiegando troppo tempo per rifinire le frasi e in qualche modo non riuscendo a cogliere il tipo di verità esistenziali che affliggono l’editore di uno degli ultimi dinosauri viventi sulla stampa. Che è un altro modo per dire, Collins è un giornale cartaceo bisettimanale a conduzione familiare che è stato tenuto abbastanza fin dall’antichità. Un dinosauro ha finora sfidato un asteroide di Internet, nonostante la minaccia di estinzione che comporta.

Il primo suono che senti lago tempesta Un nuovo documentario su Tempi del lago tempestoso, giornale con circa 3.000 lettori, è il crepitio delle tastiere dei computer. Ma in questa mattina in particolare, la loro musica sembra smentire l’assenza di un ritmo adeguato. “Sono davvero preoccupato per le scadenze”, dice Colin, dopo essere uscito di casa per una pausa fumante.

Prende la sigaretta con le spalle alla telecamera. Poi torna indietro.

“Ogni ora siamo in ritardo, ci costa $ 100.”

Un altro tiro.

“Sai…” Qui, fa un bel sorriso alla fotocamera del documentarista che è diventata un punto fermo nella sua sala di montaggio. “Gesù, lo fai da 40 anni e la gente ancora non sa che ore sono adesso.”

Da un lato, era una presa in giro dei giornalisti anonimi che non davano una scadenza. Ma parla anche di tutto ciò che accade fuori dalla sala di montaggio di famiglia piena di fogli Tempi del lago tempestoso. Che ora è esattamente, nel giornalismo di oggi, quando le vecchie regole che ci hanno portato qui a volte si sentono mal equipaggiate per impedire che i muri si chiudano e mettano in piedi un’interminabile processione di giornalisti disoccupati? “Mio fratello ha fondato il giornale nel 1990”, ha detto Colin a un certo punto in questo documentario, uno dei migliori film e programmi TV sulla professione nel 2021. “Con la convinzione che un reportage onesto attirerebbe il pubblico. È così. “Ma non andrà avanti all’infinito.

A questo punto, passiamo a quella che è diventata una vecchia storia frustrante. Questa storia finisce solo in uno dei due modi. Entrambe le venerabili organizzazioni di notizie stanno ancora morendo. Oppure, come Blanche DuBois, devono continuare a riattaccare. Affidarsi alla gentilezza degli estranei.

Di conseguenza, il 2021 ha prodotto molti programmi TV e film come lago tempestaOgnuno di loro, a modo suo, dimostra la necessità di un forte progetto giornalistico per la vita civile da qualche parte. Inoltre, quanto sia importante la professione in tutto il mondo e il prezzo che i giornalisti pagano per portare avanti questo lavoro. Questi sono alcuni dei miei preferiti dell’anno scorso, senza un ordine particolare:

Notizie sulle piccole città: KPVM Pahrump

Serie di documentari HBO in sei parti A proposito di una stazione televisiva di notizie su piccola scala, situata a circa un’ora da Las Vegas, è un po’ come la scrivania Incontra… beh, una redazione televisiva. Uno in cui i giorni sono definiti da notiziari regolari, segmenti di notizie in diretta e punteggio degli annunci per consentire ai clienti di risparmiare denaro pubblicitario.

Le persone sono il cuore e l’anima di questa storia su un certo tipo di giornalismo: il telegiornale locale che viene facilmente trascurato quando tutto è a portata di clic su uno smartphone. C’è Vern Van Winkle, il proprietario della stazione, con la moglie più sposata, Rhonda. “Ho sempre voluto che le persone avessero un’idea visiva di ciò che stava accadendo nella loro comunità”, mi ha detto Verne. “In modo che possano vederlo e affrontarlo in prima persona. Invece di una copia cartacea, ciò che qualcuno è Lei disse Evento. “

Il cuore della stazione è Deanna, una figura satirica di tutte le professioni che svolge il triplo compito di conduttrice, direttrice del telegiornale e giornalista di arena. Eunette, un’annunciatrice con un sorriso da megawatt, irradia positività. Poi c’è un’altra squadra di marito e moglie: Missy e John, trapiantati dall’Alaska. Missy aiuta dietro la scrivania dell’ancora. E John interviene come meteorologo, perché… beh, sa leggere il gobbo, quindi perché no? Dall’inizio alla fine, questa serie è tanto divertente quanto una lettera d’amore al giornalismo.

Questa stagione ha reso lo spettacolo ancora più interessante: ha coinciso con le elezioni presidenziali del 2020 e con lo scoppio della pandemia di coronavirus.

vendetta

Non capisco come sia ancora vivo il giornalista televisivo italiano Pino Manyacchi. A pensarci bene, anche questo fatto sembra confondere lui. “Ogni volta che accendo la mia macchina, chiudo gli occhi”, dice Maniaci nel trailer della serie Netflix. Vendetta: verità, bugie e mafia.

A prima vista, Maniaci, che gestisce una stazione televisiva in Sicilia chiamata Telejato, sembra quello che potresti ottenere se gli animatori della Pixar producessero lo schizzo di un giornalista. Non è fisicamente imponente, ma tutto il resto su di lui, dai baffi quasi enormi alla personalità audace che porta alla sua copertura antimafia. La catena alla fine si unisce nel modo in cui si rinchiude con il pubblico ministero. Manyasi accusa di appartenere alla banda mafiosa. La accusa con la stessa forza: no, sei corrotta. Sei in standby.

In una e-mail, i registi David Gambino e Ruggiero DiMaggio mi dicono che la genesi di questo progetto risale a 15 anni fa, quando Ruggiero stava guardando una trasmissione televisiva a Manyashi, dove i boss mafiosi venivano chiamati “parti di (imprecazione)” in onda. Inutile dire: “Questo era un modo unico e pericoloso per affrontarlo”. Segui le loro note per me:

“Per noi siciliani e italiani Pino è uno dei personaggi più emozionanti di sempre. Dentro di lui ci sono verità e bugie, luci e ombre. Più che ci interessa un santo o degli eroi, ci interessano i personaggi tridimensionali che motivano il persuasivo (narrazione).”

Successione (stagione 3)

Ah, Media Twitter Serie HBO preferita. La storia parla di un conglomerato di media simile a News Corp gestito da un fondatore e CEO simile a Murdoch, come Murdoch. E che, con la sua tanto attesa terza stagione in arrivo a metà ottobre, ancora una volta ci ha regalato un’istantanea deliziosamente brutta di come i capricci e le inclinazioni di una famiglia ricca e sciatta determinano il destino di una grande azienda di media. Sì, è finzione, ma qui può essere utile introdurre qualcosa sull’arte che imita la vita.

A volte sono le tendenze del settore che diventano dure per le istituzioni del giornalismo coraggioso. altri tempi? Sono gli uomini d’affari avidi più a loro agio nei consigli di amministrazione che nelle redazioni – che, come Kendall Roy, dice cose come “A livello stupido, vorrei che il mio Twitter fosse fuori dai guai” – che hanno una certa responsabilità per ciò che trattiene l’industria.

lago tempesta

Una cosa che vale la pena ripetere lago tempesta è che scorre durante la metà di dicembre in pbs.org. Successivamente, il film sarà disponibile tramite piattaforme VOD come Amazon e iTunes.

I giornalisti di tutto lo spettro sono interessati a questo documentario, che ricorda il 2011 Prima pagina: Dentro il New York Times. Mentre il defunto editorialista del New York Times David Carr era il personaggio più memorabile in quel documento precedente, Colin è il personaggio simile a Carr al centro di questo nuovo personaggio. Della stampa nazionale si parla spesso con toni cupi e orribili, tanto che è facile dimenticare che esistono ancora giornali come questo, con persone senza contratto televisivo e redazioni grandi e splendide. Chi ancora telefona, bussa alle porte, copre riunioni, racconta la storia di un luogo, uno per uno.

Jill Lawrence è editorialista di USA Today Twitter ha preso il sopravvento Con il suo verdetto sul film: “Riderai, piangerai, ricorderai il disastro del caucus dell’Iowa del 2020 e la diffusione nascosta del COVID nelle fabbriche di carne rurali prima che esplodesse all’orizzonte. E pregheresti per la stampa locale».

Spedizione francese

L’ultimo film del regista Wes Anderson è un appassionato San Valentino anticipato per il giornalismo, allo stesso modo di un film della HBO notizie di piccola città È – mentre, ovviamente, offre un prodotto finale completamente diverso.

Lo aggiungo alla lista perché – mentre, sì, è finzione, c’è anche qualcosa di incredibilmente senza tempo, oggettivo e significativo da trovare qui. Il succo della storia è che Bill Murray è/era l’editore di una rivista americana nella città francese più instagrammabile su cui potresti posare gli occhi. Il suo staff si riunisce per preparare un numero finale della rivista, che dovrebbe cessare la pubblicazione alla sua morte. In effetti, l’Unlimited Editor di Murray afferma questo fatto nel suo testamento.

Gli adorabili e stravaganti giornalisti della rivista preparano alcune storie straordinarie, oltre a una rubrica sui viaggi e al necrologio dell’ultimo numero. È tutto stravagante, strano e avvincente, guardare le storie di questi scrittori svolgersi – la cosa reale è più reale e poco romantica – ed è facile lasciare un film come questo e sentirsi come se non stessimo inseguendo abbastanza bellezza fine a se stessa nel premere. Spedizione franceseE, più o meno tutti i film e gli spettacoli qui elencati, potrebbero farti apprezzare, se non l’hai già fatto, gli uomini e le donne che scattano foto Polaroid nei loro piccoli angoli di mondo.

Ci sono modi peggiori per guadagnarsi da vivere. Dopotutto, sembra il personaggio di Jeffrey Wright – uno scrittore di cibo di nome Roebuck Wright – con zelo per un finale. Spedizione francese:

“Forse, fortunatamente, troveremo ciò che ci è sfuggito nei luoghi che un tempo chiamavamo casa”.

READ  Dallas Symphony e Fabio Luizi introducono vividamente l'Aus Italien di Strauss "di rado ascoltato"