Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I feroci “vermi del pene” erano i paguri negli antichi mari

Il periodo Cambriano (da 543 milioni a 490 milioni di anni fa) ha portato la prima grande esplosione di biodiversità terra, con gli antenati di quasi tutti gli animali moderni che appaiono per la prima volta. Uno dei più terrificanti era il verme del pene.

Tecnicamente conosciuti come priapulidi – dal nome di Priapo, il dio greco con una buona dotazione di organi riproduttivi maschili – i vermi del pene, come sono generalmente conosciuti, sono una divisione di vermi marini che sono sopravvissuti negli oceani del mondo per 500 milioni di anni. I loro discendenti moderni vivono in gran parte invisibili in tane fangose ​​profonde sott’acqua, a volte spaventando i pescatori con i loro corpi flessibili a forma di bastoncino. Ma i fossili risalgono a un’epoca precedente Cambriano Si scopre che i vermi del pene un tempo erano un flagello di antichi mari, diffusi in tutto il mondo e dotati di bocche elastiche munite di zanne che potevano fare uno spuntino dalla povera creatura marina che li attraversava.