Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I cani e la foresta oscura: come i cacciatori di tartufi hanno conquistato un mondo bello e pericoloso | documentari

unChi cerca un antidoto al sovraccarico digitale potrebbe fare di peggio che passare 90 minuti in compagnia di alcuni paesani piemontesi mentre frugano tra le foglie alla ricerca del tesoro della propria regione: il tartufo bianco. È questa semplicità che fa un nuovo documentario cacciatori di tartufi Questo è un balsamo. Senza voce fuori campo, questo film girato in modo affascinante segue una manciata di raccoglitori e i loro cani, mentre vagano per le foreste del nord Italia durante l’inverno alla ricerca di funghi sfuggenti.

“Ecco perché abbiamo realizzato questo film”, afferma il co-regista Gregory Kershaw. “Per sfuggire alle nostre vite digitali e trascorrere del tempo in un posto come questo. Ti rendi conto di quante cose molto importanti per l’esistenza umana mancano dalla nostra vita quotidiana. Come cosa significa non pensare alla natura come una natura selvaggia da esplorare, ma piuttosto per farlo intrecciare con la tua vita di tutti i giorni”.

Questa sinergia sembra funzionare con i tartufai, che sono per lo più tra i 70 e gli 80 anni. “Sono tutti davvero sani”, dice un collega regista Michael Dweck. “Non abbiamo visto nessun farmaco, nessuno zoppicare, nessun fianco rotto, niente del genere. Ed è stato molto pericoloso. [in the forests at night]. “

Per sottolineare la loro visione della vita moderna, Dweck, Kershaw e io siamo imprigionati in piccoli rettangoli zoom che parlano del film, il cui flusso meditativo lo rende in qualche modo ideale per l’era del Lockdown. Dweck, 63 anni, un ex artista pubblicitario diventato artista visivo, ha i capelli caschetto e i capelli crespi del New Yorker. Kershaw, 47 anni, ha un background documentaristico ed è più collegiale e pulito.

La coppia si è imbattuta autonomamente nella zona, della quale non sveleranno esattamente dove si trovino in Piemonte, essendosi andata in vacanza lì. Kershaw è stato influenzato dall’atmosfera “da favola” di tutti i villaggi in collina, così come dal senso di comunità profondamente radicato diventato “segreto” come tartufo bianco – che è quasi impossibile da coltivare e vale migliaia di euro al chilogrammo – era preoccupato. I cacciatori spesso fanno il loro giro di notte per mantenere segreti i punti.

“È tutto fatto con il favore della notte”, dice Kershaw. “I broker stanno facendo accordi con gli acquirenti in questi vicoli. Di giorno in giorno, nessuno sa quale dovrebbe essere il prezzo. ” La concorrenza è così agguerrita che alcune persone l’hanno abbandonata Un’esca rivestita di stricnina per i loro concorrenti.

Dweck e Kershaw hanno trascorso tre anni a penetrare in questo mondo nascosto, finché non sono stati abbastanza abili per catturarne i veri ritmi. “La gente del posto ha impiegato un po’ di tempo per capire cosa stavamo cercando”, dice Dweck. “Non eravamo come i reality show, o lì come giornalisti per esporre un mondo nascosto ai turisti. Ci è voluto solo tempo”. Patience spiega la natura luminosa del film, con sequenze in cui il cacciatore di tartufi Sergio canta trionfante nella sua jeep dopo la partitura, o l’84enne Aurelio che spiega alla sua cara cagnolina Berba cosa le accadrà dopo la sua morte.

I registi hanno cercato di trattare i loro set di riprese come una “conversazione”, ha detto Kershaw, con la gente del posto – non hanno mai imposto nulla. A volte filmavano un pranzo completo di tre ore, con il marito e la macchina fotografica dietro una tenda nera, come fotografi naturalisti in una tana. Di solito sparavano un colpo al giorno; Ci sono solo 107 inquadrature nell’intero film (la media è di oltre 1.250).

Non essere sorpreso da... due star del documentario.
Non essere sorpreso da… due star del documentario. Foto: Immagini di intrattenimento/scienza

La loro infiltrazione è scesa al livello degli occhi del cane. Di tanto in tanto, lo schema classico scompone sequenze “dogcam” che, con il naso bagnato nell’inquadratura, seguono canini che si inseguono lungo i sentieri della foresta dopo il profumo del tartufo. Dweck e Kershaw hanno attaccato le videocamere GoPro alle teste dei cani utilizzando imbracature che sono state infine progettate, dopo diversi tentativi falliti, da un ciabattino del villaggio. Kershaw dice che i colpi che hanno ottenuto sono stati sorprendenti nel sbloccare l'”unità” tra i cacciatori di tartufi e i loro cani. Rivedendolo, si sono resi conto che gli umani stavano usando un dialetto unico, che il loro interprete, che era della regione, non riconosceva, per parlare ai loro animali. Il legame tra un uomo e un cane è profondo quanto lo è tra un tartufo e un albero.

Reprimere le sottoculture nascoste e in via di estinzione è la specialità della coppia. “Siamo entrambi ossessionati da loro”, dice Dweck. “Ma è molto difficile da trovare.” Il primo film in cui hanno lavorato insieme, L’ultima gara, incentrato sul restante circuito automobilistico di Long Island, che lotta per non essere inghiottito dallo sviluppo immobiliare. Nel caso di The Truffle Hunters, il capitalismo moderno è di nuovo il fattore di stress, ponendo una domanda insostenibile su una risorsa limitata e sensibile e minacciando di fare a pezzi la cultura circostante. Per il pugno di pensionati che lo sponsorizzano, questo va al di là degli scandalosi soldi che circolano nei lontani circoli gastronomici. Angelo, un barbuto originario di Rasputin che vive in una villa fatiscente, odia così tanto la corruzione che ha rinunciato del tutto alla caccia al tartufo per qualsiasi motivo.

Interni Chiaroscuro... I tartufai.
Interni Chiaroscuro… I tartufai. Foto: Immagini di intrattenimento/scienza

Nonostante ciò, Dweck crede che “i film siano molto forti” e possano proteggere questi angoli intrappolati. L’attenzione portata dall’ultima gara Ippodromo di Riverhead Incoraggia i proprietari a vendere a qualcuno impegnato a tenerlo aperto, e ora il percorso è fiorente. Il suo piano per aiutare a proteggere la cultura del tartufo in Piemonte è duplice: uno sforzo per conservare i fondi per l’acquisto di terreni per conto dei residenti locali e per prevenire la deforestazione delle querce su cui crescono i tartufi; E un’iniziativa educativa per crescere la prossima generazione di cacciatori di tartufi e insegnare loro come fareتعليم Gestire il ciclo di vita dei microfunghi e il più ampio ecosistema forestale.

Dweck vuole educare anche il pubblico. Dice che i paesaggi mozzafiato del film e gli interni in chiaroscuro sono progettati per insegnare alle persone “come vedere di nuovo”; Per calmarci per vivere appieno questa vacanza silvana. Sicuramente, però, il cinema non potrà mai duplicare i due sensi più importanti nel caso del tartufo: gusto e aroma? Dweck coraggio. Abbiamo quasi finito. Siamo davvero vicini. Come nella scena verso la fine in cui il giudice del tartufo mangia la pasta. Si inizia con il suono dal punto di vista oggettivo, e lui prende sempre più morsi, e si sente quell’opera, la registrazione di Caruso del 1926. E poi sei nel suo cervello, e tutto questo piacere consuma il suo corpo.

Sono abbastanza trasportato da supplicare un amico di presentarmi a un commerciante di tartufi nelle Sette Montagne vicino a dove vivo in Francia. Pochi giorni dopo, mi sono ritrovato a porgergli 63 euro – per un piccolo fungo. Frittura piccola nella terra del tartufo.

READ  Austin Hopper di Brown pensa che l'attacco sarà migliore nel 2021