Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ha truffato gli utenti a registrarsi sulla sua piattaforma e non ha segnalato la raccolta dei dati immediatamente e in modo adeguato.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sta nuovamente consentendo a Facebook di elaborare i dati degli abbonati “imbrogliati”, ha detto Radar citando Il Fatto Quotidiano.

Secondo l’autorità, Facebook Ireland Limited e Facebook Inc. “Non ha rispettato l’avvertenza di rimuovere la cattiva condotta legata all’uso dei dati degli utenti e non ha rilasciato la dichiarazione di modifica richiesta dall’autorità”, che era stata raccomandata nel regolamento emesso contro di loro nel novembre 2018.

Quindi ora viene multato di 7,7 milioni: questo non è certo un ostacolo al social networking, che ha registrato un profitto di 29 miliardi di dollari lo scorso anno.

Nel 2018 Facebook “ha indotto in errore gli utenti a registrarsi sulla sua piattaforma e non ha informato immediatamente e adeguatamente – durante l’attivazione dell’account – la raccolta aziendale dei dati forniti. Tra questi, in generale, sottolineano il servizio per pagare le intenzioni e sottolineare la gratitudine ”, ricorda una dichiarazione.

Allo stesso tempo, secondo l’Antitrust, le informazioni fornite da Facebook sono “generali e incomplete, e non forniscono una distinzione sufficiente tra l’uso dei dati necessari per personalizzare il servizio (per facilitare la socializzazione con altri utenti) e l’uso dei dati per campagne pubblicitarie specifiche. “

Oltre ai 7 milioni di dollari riscossi su Facebook, la Commissione ha bandito la diffusione di pratiche fraudolente e ha disposto la pubblicazione di un report emendato sulla home page del sito dell’azienda italiana, sull’applicazione Facebook e su ogni italiano registrato. Utente.

Tuttavia, l’indagine è riuscita a scoprire che entrambe le società non hanno rilasciato il rapporto di revisione e non hanno fermato il malcostume: “Sebbene abbia rimosso la domanda di registrazione gratuita sulla piattaforma, non sono state fornite informazioni chiare e immediate sulla raccolta e l’utilizzo dei dati dell’utente per scopi commerciali.

READ  Case in vendita in Italia - alcune completamente arredate - con prezzo di vendita trattabile, per 000 12.000

Secondo l’autorità, alla luce del valore economico per Facebook derivante dai dati forniti dall’utente, spetta al consumatore decidere se aderire o meno al servizio, che è il corrispettivo per l’utilizzo del servizio.

Fonte: Verità quotidiana/ Radar / Traduzione: Ona Avram