Maggio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Guerra tra Russia e Ucraina: Mosca ignora i mandati di arresto per i leader di Putin

Guerra tra Russia e Ucraina: Mosca ignora i mandati di arresto per i leader di Putin

Commenta la foto,

Secondo quanto riferito, Viktor Sokolov è stato licenziato dopo una serie di attacchi riusciti di droni ucraini contro navi da guerra russe.

La Russia ha affermato di non riconoscere i mandati di arresto emessi dalla Corte penale internazionale nei confronti di due alti comandanti militari russi per presunti crimini di guerra in Ucraina.

Martedì la corte ha nominato Sergei Kobylash e Viktor Sokolov.

“Non siamo partiti [Rome] “Non lo riconosciamo”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Questa è la seconda volta che vengono emessi mandati di arresto contro russi in relazione alla guerra in Ucraina.

Mercoledì, parlando ai giornalisti, Peskov ha detto: “Questa non è la prima decisione. Sappiamo anche che ci sono molte operazioni chiuse in corso lì, che rimangono segrete, e affrontiamo tali decisioni di conseguenza”.

Peskov ha affermato che il fatto che la Russia non sia firmataria dello Statuto di Roma, il trattato internazionale che ha istituito la Corte penale internazionale, significa che la Russia non ha riconosciuto i mandati di arresto.

È improbabile che i cittadini russi vengano estradati per far fronte alle accuse.

In una dichiarazione di martedì, La Corte penale internazionale ha affermato che gli ultimi mandati di arresto sono stati emessi perché c’erano fondati motivi per ritenere che i due sospettati fossero responsabili di “attacchi missilistici effettuati dalle forze sotto il loro comando contro… le infrastrutture elettriche ucraine”.

La Corte penale internazionale ha affermato che i presunti crimini sono avvenuti tra ottobre 2022 e marzo 2023.

La corte ha affermato che gli attacchi hanno causato danni civili chiaramente eccessivi e non hanno comportato alcun vantaggio militare.

La corte ha affermato che i due uomini “sono presumibilmente responsabili ciascuno del crimine di guerra di aver diretto attacchi contro obiettivi civili” e sono anche accusati di aver commesso un “crimine contro l'umanità avendo commesso atti disumani”.

Kobylash, 58 anni, era il comandante dell'aviazione a lungo raggio dell'aeronautica russa al momento dei presunti crimini.

Sokolov, 61 anni, era un ammiraglio della Marina russa e comandava la flotta del Mar Nero nel periodo a cui si riferiscono le accuse, secondo la Corte penale internazionale.

Il mese scorso, è stato riferito che era stato licenziato dopo una serie di attacchi riusciti di droni ucraini contro navi da guerra russe. Tuttavia, le sue dimissioni non sono state confermate ufficialmente.

I due ufficiali non hanno commentato pubblicamente questo caso.

Mosca in passato ha negato di aver preso di mira le infrastrutture civili in Ucraina, nonostante le numerose prove raccolte dagli investigatori ucraini e internazionali.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha accolto con favore l'ultimo passo compiuto dalla Corte penale internazionale.

“Ogni comandante russo che ordina attacchi contro i civili ucraini e le infrastrutture critiche dovrebbe sapere che sarà fatta giustizia”, ha affermato sui social media.

Ha aggiunto: “Tutti coloro che commettono tali crimini devono sapere che saranno ritenuti responsabili”.

La Corte penale internazionale indaga e consegna alla giustizia i responsabili di genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra, e interviene quando le autorità nazionali non sono in grado o non vogliono perseguirli.

Nel marzo dello scorso anno, la Corte penale internazionale ha emesso due mandati di arresto contro il presidente Putin e il commissario russo per i diritti dell'infanzia, Maria Lvova Belova. I mandati di arresto riguardano la presunta deportazione illegale di bambini dall'Ucraina alla Russia.

Mosca ha negato le accuse e ha definito i mandati di arresto “oltraggiosi”.

READ  Twitter ha lanciato un abbonamento da $ 8 con un segno di spunta blu dopo l'acquisizione di Elon Musk