Giugno 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli USA non possono dettare gli interessi strategici dell’Ue: l’ex premier italiano

L’ex primo ministro italiano ha criticato come si sta muovendo il Paese nei confronti di Ucraina e Russia e come stia alimentando le fiamme dei colloqui di pace invece di incoraggiarli.

  • L'ex presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte
    L’ex presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte

Gli interessi strategici dell’Unione europea non possono essere ridotti a quelli degli Stati Uniti, ha affermato domenica l’ex presidente del Consiglio italiano e leader del Movimento Cinque Stelle di opposizione, Giuseppe Conte.

Conte, ex capo di uno dei più importanti Stati membri dell’Ue, ha inoltre sottolineato che Bruxelles deve prendere l’iniziativa per trovare una soluzione pacifica alla crisi ucraina.

“L’Ue deve perseguire interessi strategici che non possono essere ridotti a quelli di Washington. L’Ue deve tenere la testa alta. L’Europa deve mostrare una leadership credibile che porti a una soluzione stabile e duratura di questo conflitto”, ha detto al quotidiano italiano. Quotidiano Nazionale.

Ha anche criticato i piani di Roma di pompare armi in Ucraina.

“Riteniamo che ora debba esserci un cessate il fuoco e un ritorno alle trattative. Non crediamo sia giusto perseguire una strategia di fornitura di nuove armi”, ha sottolineato Conte.

“Abbiamo armato completamente l’Ucraina e ora dobbiamo passare a un cessate il fuoco e colloqui di pace”, ha aggiunto l’ex leader, ribadendo il suo appello per una soluzione pacifica all’attuale crisi.

Conte ha preso parte sabato a una manifestazione di massa a Roma per chiedere colloqui di pace nella guerra in Ucraina.

Secondo l’ex premier, la manifestazione è stata guidata da molti cittadini che non sono stati ancora ascoltati e sono “profondamente preoccupati per la strategia che ha portato all’attuale espansione militare.

Viene dopo che il nuovo premier italiano di estrema destra Giorgia Meloni ha detto durante il suo primo discorso parlamentare che il suo paese Continua a sostenere l’Unione Europea e NATO. “L’Italia è a pieno titolo parte dell’Europa e del mondo occidentale” e “continuerà ad essere un partner affidabile della Nato nel sostenere l’Ucraina”.

READ  Renzo Rosso, OTB presenta la campagna Made in Italy Fashion - WWD

Il suo predecessore, Mario Draghi, uno dei maggiori sostenitori dell’UE delle sanzioni economiche contro la Russia per la sua guerra in Ucraina, ha inviato armi a Kiev. Lui assemblato Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, insieme al presidente francese Emmanuel Macron e al cancelliere tedesco Olaf Scholz, hanno espresso il suo sostegno a Kiev a giugno.

Nonostante l’opposizione, Meloni ha anche sostenuto di sostenere Kiev, pur ammettendo che l’Italia dipende troppo dal gas russo.

Finora l’Italia ha fornito all’Ucraina poco più dello 0,15% del suo PIL annuo dall’inizio della guerra, mentre l’UE insieme ha fornito all’Ucraina il 40% del suo PIL sotto forma di “aiuti”.

Da un lato, gli Stati Uniti e l’Unione Europea continuano ad accumulare pacchetti di aiuti militari. Fornitura di armi da 3 miliardi di dollari e quest’ultimo attraverso i continui trasferimenti di armi della Germania all’Ucraina, comprese le nuove attrezzature forze armate tedesche Non abbastanza, secondo il cancelliere tedesco Olaf Scholes.

La Russia, invece, critica il flusso di armi verso l’Ucraina dall’Occidente, dicendo che aggiunge benzina al fuoco, e avverte che qualsiasi esportazione militare in territorio ucraino sarebbe “obiettivi legittimi“Per le forze russe.