Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati si aspettano che il sistema solare collassi a causa del passaggio di una stella

Gli scienziati hanno avvertito che se una stella in transito spostasse l’orbita di Nettuno solo dello 0,1%, il caos risultante potrebbe causare la collisione di altri pianeti nel nostro sistema solare.

Ricerca presentata in Avvisi mensili della Royal Astronomical Societysuggerisce che il “sorvolo stellare” – un evento relativamente comune nell’universo – potrebbe essere sufficiente per inviare altri pianeti l’uno all’altro.

È possibile che se Mercurio e il perielio di Giove – il punto in cui i pianeti raggiungono il più vicino al Sole – coincidono, potrebbero verificarsi due possibilità. Mercurio può essere tirato fuori dalla sua orbita e sparare fuori dal sistema solare o andare in rotta di collisione con Venere, il Sole o la Terra.

Questi cambiamenti si verificheranno nel corso di milioni di anni, ma i ricercatori hanno simulato la situazione circa 3.000 volte.

In quasi 2.000 di loro, 26 hanno finito per frantumare i pianeti, espellendo del tutto Urano, Nettuno o Mercurio dal sistema solare.

“La misura in cui l’asterismo gioca un ruolo importante nell’evoluzione dei sistemi planetari rimane un’area attiva di ricerca. Per i sistemi planetari che si formano in un ammasso stellare, il consenso è che il volo stellare svolge un ruolo importante mentre il sistema planetario rimane all’interno dell’ammasso stellare”, Garrett Brown, studente laureato in Fisica computazionale presso il Dipartimento di scienze fisiche e ambientali (PES) dell’Università di Toronto, per Universe Today.

“Questo è di solito i primi 100 milioni di anni di evoluzione planetaria. Dopo che l’ammasso stellare si è dissipato, l’incidenza della mosca stellare diminuisce drasticamente, riducendo il suo ruolo nell’evoluzione dei sistemi planetari”.

READ  L'ultimo vaccino Covid-19 e le notizie dal mondo

Inoltre, dato che è probabile che il Sole si espanda e inghiotti il ​​pianeta entro cinque miliardi di anni, la possibilità che ciò interrompa la nostra esperienza nel sistema solare “non è un problema di cui dovremmo preoccuparci”, ha detto Brown.