Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ci sono prove crescenti che gli insetti provano dolore proprio come il resto di noi

Abbiamo sempre visto gli insetti come creature innate e senza cervello con reazioni simili a quelle robotiche al mondo e a tutti i suoi impulsi.

Ma più guardiamo da vicino, più comportamenti sorprendentemente complessi riscontriamo Le api comunicano ballando Alle incredibili imprese di cooperare con le formiche, e ora abbiamo prove crescenti che queste minuscole creature che gestiscono il nostro mondo possono anche soffrire di dolore.

sensazione La scoperta del sistema nervoso sensoriale di stimoli spiacevoli tra cui ustioni chimiche, tagli acuti e pressioni da lividi portano a una varietà di risposte fisiologiche e comportamentali negli animali. Una di queste cose potrebbe essere la percezione del dolore.

È ben documentato che gli insetti hanno risposte per evitare contatti potenzialmente dannosi.

Inoltre, gli esperimenti del 2019 hanno rivelato che la mosca della frutta comunemente studiata, Mosca della fruttaE il Aveva sintomi di dolore cronico Dopo che i ricercatori hanno rimosso il gambo del moscerino della frutta. Una volta che il moscerino della frutta era completamente guarito, i ricercatori hanno scoperto che la zampa corrispondente del moscerino della frutta era diventata ipersensibile.

Gli autori hanno fatto risalire questo al fatto che la mosca lo perde Meccanismo di freno del dolore In una corda nervosa. Il meccanismo del freno-dolore modera la sensazione di dolore, ma nei moscerini della frutta, quando i nervi sensoriali sono eccessivamente stimolati, elimina completamente i freni.

Ma, così come i batteri Evita gli stimoli spiacevoliRilevare il dolore nell’aldilà non è così semplice come osservare una reazione negativa a un contatto dannoso. Per registrare consapevolmente la sensazione di dolore, abbiamo bisogno di un complesso sistema fisiologico che si connetta al nostro cervello e Forse anche le emozioni.

READ  Il satellite Measat-3 della Malesia si deteriora in orbita geostazionaria

Nei mammiferi, i recettori del dolore (recettori del dolore) inviano un avviso di cattivi stimoli al nostro cervello, dove i neuroni generano la sensazione di dolore negativo, soggettivo, fisico ed emotivo.

Gli studi dimostrano che la sensazione di dolore e dolore può essere regolata indipendentemente l’una dall’altra e sono stati identificati sistemi distinti per regolarli ciascuno.

Questi sistemi non sono stati completamente identificati negli insetti.

“Uno dei tratti distintivi della percezione del dolore umano è che può essere modulato dai segnali nervosi del cervello”, ha affermato Matilda Gibbons, neurobiologa della Queen Mary University. Raccontare Settimana delle notizie.

“I soldati a volte ignorano gravi ferite sul campo di battaglia perché gli oppioidi del corpo sopprimono il segnale che causa dolore. Pertanto, ci siamo chiesti se il cervello dell’insetto contenga i meccanismi neurali che rendono ragionevole sperimentare una percezione simile al dolore, piuttosto che semplicemente provare dolore di base”.

Gibbons e colleghi hanno esaminato la letteratura scientifica e hanno trovato diverse linee di prova che indicano che questo meccanismo è presente negli insetti.

Mentre mancano i geni per Recettori oppioidi che regolano il dolore in noiDurante gli eventi traumatici, producono altre proteine ​​che possono servire allo stesso scopo.

L’evidenza comportamentale indica anche che gli insetti hanno percorsi molecolari che bloccano le risposte al contatto nocivo, sia con il sistema nervoso periferico che centrale. Ad esempio, avere una soluzione di zucchero Limita la naturale evitamento da parte delle api di stimoli spiacevoli.

Anatomicamente parlando, gli insetti hanno cellule nervose che scendono dal cervello alla parte del cordone nervoso da cui deriva la loro reazione difensiva contro il tocco dannoso.

READ  Lancio del telescopio spaziale James Webb: aggiornamenti in tempo reale

Inoltre, viene persino utilizzato il verme del tabacco comportamenti attenuanti Dopo una ferita, come la toelettatura.

Ognuna di queste cose potrebbe non essere definitiva isolatamente, ma nel loro insieme suggeriscono che gli insetti hanno una sorta di sistema di controllo della risposta al dolore, simile al nostro.

Il team ha concluso che “gli insetti probabilmente possiedono il controllo nervoso centrale sul dolore, sulla base di prove neuroscientifiche comportamentali, molecolari e anatomiche”. un permesso. “Tale controllo corrisponde ad avere l’esperienza del dolore.”

Poiché gli insetti sono un gruppo così ampio e diversificato, è del tutto possibile che la complessità della regolazione del loro risveglio e le possibili sensazioni di dolore differiscano in modo significativo tra loro.

Tuttavia, la possibilità del loro dolore solleva importanti questioni etiche per ulteriori indagini, in particolare alla luce della proposta di allevamento collettivo di questi animali in futuro.

“Ci troviamo a un bivio importante su come nutrire una popolazione che dovrebbe raggiungere i 10 miliardi entro il 2050”, hanno affermato i ricercatori. Dire.

Mentre l’allevamento di bestiame tradizionale è un importante contributo al Cambiamento climaticoLe Nazioni Unite raccomandano la produzione di massa di insetti per il cibo. Tuttavia, le implicazioni etiche non sono state attentamente considerate, perché le protezioni per il benessere degli animali tendono a non coprire gli insetti”.

Questa ricerca è stata pubblicata in Atti della Royal Society B: Scienze biologiche.