Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati affermano che i modelli riguardanti l’origine della polvere atmosferica sono obsoleti

Per decenni, gli scienziati hanno ipotizzato che la maggior parte delle emissioni globali di polvere provenissero dai deserti spazzati dal vento del Nord Africa. Ma nuove analisi capovolgono questa ipotesi.

Due studi pubblicati in Ambiente JGR E Ecologia olisticaSupponiamo che le emissioni di polvere in realtà varino in base alla stagione e tra gli emisferi e che la quantità totale di emissioni di polvere in tutto il mondo sia molto inferiore a quanto si pensasse in precedenza.

Secondo il team internazionale di ricercatori dietro questi studi, i modelli attuali sono obsoleti e non hanno alcuna relazione con la realtà sul campo.

“Quando sono stati sviluppati i modelli di emissione di polveri, c’erano solo pochi set di dati globali in costante cambiamento e sono state fatte ipotesi semplificatrici per implementarli”, hanno scritto nel documento JGR Atmospheres. Queste semplificazioni includevano il presupposto che la superficie terrestre non contenga piante, che la maggior parte della polvere provenga dal Nord Africa e dal Medio Oriente e che sulla superficie sia presente una quantità infinita di sedimenti secchi e sciolti.

In realtà, i ricercatori hanno scoperto che non è così. Quando hanno calcolato le emissioni annuali calibrate di polvere dal 2001 al 2020 utilizzando osservazioni satellitari giornaliere delle fonti di emissione di polvere ogni 500 metri sulla Terra, il team ha scoperto che la polvere emessa in superficie è molto inferiore a quanto ipotizzato dal modello prevalente.

La nuova analisi, pubblicata sulla rivista Science of the Total Environment, ha anche scoperto che le principali fonti di polvere della Terra si spostano nel corso dell’anno tra i deserti dell’Asia orientale, del Medio Oriente e del Nord Africa e le zone arbustive in Australia e Nord America. che sono nascosti dal modello attuale. .

READ  Supermoon di luglio: quando e come vedere Buck Moon

La polvere atmosferica influisce sul clima e sulla salute umana, anche in aree lontane dalla fonte. Nel complesso, hanno scritto i ricercatori nello studio JGR Atmospheres, il vecchio modello differisce dalle osservazioni satellitari fino a due ordini di grandezza.

“I modelli attuali raccontavano solo una piccola parte della storia”, afferma Adrian Chappell, professore di impatti dei cambiamenti climatici presso la School of Earth and Environmental Sciences dell'Università di Cardiff e autore principale di entrambi gli articoli. Lo ha detto in un comunicato stampa.

I ricercatori avvertono che l’utilizzo del vecchio modello rischia di ritardare il progresso scientifico e migliorare le previsioni sui cambiamenti climatici. Suggeriscono che il campo abbracci il nuovo paradigma più sensibile per promuovere la ricerca continua.