Febbraio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I dati del rover su Marte confermano antichi depositi lacustri sul Pianeta Rosso

I dati del rover su Marte confermano antichi depositi lacustri sul Pianeta Rosso

Scritto da Steve Gorman

LOS ANGELES (Reuters) – La sonda spaziale Perseverance della NASA ha raccolto dati che confermano la presenza di antichi sedimenti lacustri depositati dall'acqua che un tempo riempiva un gigantesco bacino su Marte chiamato Jericho Crater, secondo uno studio pubblicato venerdì.

I risultati delle osservazioni radar del rover robotico che penetrano nel terreno supportano precedenti immagini orbitali e altri dati che hanno portato gli scienziati a ipotizzare che parti di Marte una volta erano coperte d'acqua e potrebbero aver ospitato vita microbica.

La ricerca, condotta da team dell'Università della California, Los Angeles (UCLA) e dell'Università di Oslo, è stata pubblicata sulla rivista Science Advances.

Ciò si basava sulle scansioni del sottosuolo condotte dal rover a sei ruote, grande quanto un’auto, per diversi mesi nel 2022, mentre si faceva strada attraverso la superficie marziana dal fondo del cratere fino a una distesa adiacente di strutture intrecciate simili a orbite. Delta dei fiumi sulla Terra.

I sondaggi dello strumento radar RIMFAX della navicella spaziale hanno permesso agli scienziati di scrutare sottoterra per ottenere una vista in sezione trasversale degli strati rocciosi profondi 20 metri, “quasi come guardare una sezione di una strada”, ha detto David Page, uno scienziato planetario della NASA. l'Università della California, Los Angeles, e primo autore. “. Dal giornale.

Questi strati forniscono prove inequivocabili che i depositi di suolo trasportati dall’acqua si sono depositati nel cratere Jerezo e nel suo delta da un fiume che lo alimentava, proprio come avviene nei laghi sulla Terra. I risultati rafforzano ciò che studi precedenti avevano suggerito da tempo: che Marte, freddo, secco e senza vita, un tempo era caldo, umido e forse abitabile.

READ  La NASA fa marcia indietro con il suo enorme razzo dopo aver fallito nel completare il test del conto alla rovescia

Gli scienziati stanno cercando di esaminare da vicino i depositi geyserosi – che si ritiene si siano formati circa 3 miliardi di anni fa – nei campioni raccolti dal rover Perseverance per il futuro trasporto sulla Terra.

Nel frattempo, l’ultimo studio è una gradita conferma che, dopo tutto, gli scienziati hanno svolto i loro sforzi geobiologici attorno a Marte nel posto giusto sul pianeta.

L’analisi remota dei primi carotaggi perforati dal rover Perseverance in quattro siti vicino a dove è atterrato nel febbraio 2021 ha sorpreso i ricercatori rivelando rocce di natura vulcanica, non sedimentarie come previsto.

I due studi non sono contraddittori. Anche le rocce vulcaniche mostravano segni di alterazione dovuta all’esposizione all’acqua e gli scienziati che hanno pubblicato questi risultati nell’agosto 2022 hanno concluso che i depositi sedimentari erano stati probabilmente erosi.

Page ha detto che le letture radar RIMFAX riportate venerdì hanno trovato segni di erosione prima e dopo la formazione degli strati sedimentari identificati sul bordo occidentale del cratere, prova di una complessa storia geologica lì.

“C'erano rocce vulcaniche su cui siamo atterrati”, ha detto Paige. “La vera notizia è che ora siamo entrati nel delta e ora stiamo vedendo prove di sedimenti lacustri, che è uno dei motivi principali per cui siamo finiti in questo luogo. Quindi è una storia felice a questo riguardo.”

(Segnalazione di Steve Gorman a Los Angeles; montaggio di Will Dunham e Kim Coghill)