Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scavi archeologici a Türkiye rivelano la vera casa dei Cimmeri

Gli scavi archeologici a Türkiye rivelano la vera casa dei Cimmeri

Conan il Barbaro ha reso popolare il nome dei Cimmeri, un nomade equestre dell’Anatolia per chi non lo sapesse, e sono tornati nelle notizie per ragioni meravigliose. Gli scavi in ​​corso condotti da un archeologo giapponese nella provincia turca di Kirikkale hanno evidenziato il fatto che il villaggio di Poklukale fu il principale, anzi il primo, insediamento dei Cimmeri. Anche i notevoli reperti scoperti nel sito confermano questo fatto storico, rivelando prove di guerra all’interno del castello costruito sul sito!

Nessuna paura per: comprendere la cavalleria cimmeria e la loro cittadella

Gli scavi archeologici in corso nella provincia di Kirikkale nella Turchia centrale, che quest’anno è giunta al suo 14esimo anno, su iniziativa del Ministero della Cultura e del Turismo, hanno rivelato l’esistenza di due siti archeologici conosciuti come la “Città Alta” e la “Città Bassa” Città”. Questi scavi sono stati condotti sotto la guida dell’archeologo giapponese Kimiyoshi Matsumura, professore associato alla Kirsehir Ahi Evran University. Mattina quotidiana .

“All’interno di questa fortezza, abbiamo trovato materiale animale appartenente agli Sciti. Inoltre, abbiamo scoperto una piccola statuetta di una persona a cavallo, che riteniamo sia probabilmente imparentata con i Cimmeri. Speriamo di aver identificato il loro primo insediamento o fortezza in Anatolia. Negli scavi di quest’anno fuori dalle mura della città, abbiamo anche deciso che sarebbe stato costruito un grande forte. Sarebbe fantastico. Non ci sono informazioni su ciò che hanno fatto in Anatolia”, ha detto Matsumara.

Si ritiene che Büklükale sia il primo insediamento cimmero in Anatolia e i manufatti recuperati forniscono spunti vitali su questa cultura, rivelando al contempo tracce di guerra all’interno delle strutture fortificate. Ritrovamenti degni di nota includono figure a cavallo, con motivi animali del periodo scita, così come punte di frecce che si pensa risalgano al periodo cimmero, fornendo prove tangibili del coinvolgimento in battaglie.

READ  Si prevede che i partiti di opposizione della Corea del Sud manterranno la maggioranza nel Consiglio legislativo Notizie sulle elezioni

I Cimmeri erano famosi per la loro abilità militare e le incursioni nei regni vicini. Erano abili cavalieri e conosciuti come arcieri. Hanno spesso fatto irruzione nelle terre assire e urartiane, provocando disordini e saccheggiando varie città. Ad esempio, la loro invasione più famosa fu il sacco di Sardi, la capitale del regno di Lidia, nel 644 a.C., che alla fine portò alla caduta dei Lidi. Le loro incursioni non si limitarono all’Anatolia, dove si avventurarono anche nel Levante e si scontrarono persino con il potente impero neo-assiro.

Molteplici civiltà e strati archeologici registrati

Matsumara ha rivelato che nel sito sono state registrate prove di più civiltà. Büklükale si trova in un punto strategico lungo il fiume Kızılırmak, il fiume più lungo della Turchia, e si ritiene che sia stato abitato dalla prima età del bronzo all’era ottomana. Questa città ha svolto un ruolo cruciale all’incrocio tra Oriente e Occidente, fungendo da ponte naturale nel corso della storia. Accanto a Büklükale si trova il ponte Çeşnigir, una meraviglia architettonica costruita durante il periodo selgiuchide.

E nello strato superiore abbiamo trovato resti dell’era ottomana. Di seguito, abbiamo scoperto manufatti del periodo ellenistico, l’epoca dell’arrivo di Alessandro Magno. Sotto di esso, abbiamo identificato resti architettonici. Prima di allora, abbiamo trovato tracce di mani. Al di sotto, troviamo la cittadella costruita dai Cimmeri, che è ciò a cui puntavamo. E al di sotto di questo, abbiamo scoperto insediamenti risalenti al 2000 a.C. in epoca ittita. Al momento, abbiamo raggiunto questo livello.

Tra i ritrovamenti spicca una struttura fortificata legata ai Cimmeri. Matsumura ha sottolineato che l’arrivo dei Cimmeri in Anatolia è menzionato nelle opere di Erodoto, noto come il “Padre della Storia”. Ha anche detto che hanno trovato punte di freccia usate in guerra durante i lavori di scavo, secondo i rapporti Arkeonews.

“Gli scavi sono ancora in corso, ma ciò che è interessante è che abbiamo portato alla luce quasi sette punte di freccia dal castello. Tra queste, ne abbiamo trovate alcune piegate. Questo indica che c’è stata una battaglia qui, e sono state lanciate frecce che hanno provocato le punte delle frecce essere piegato Ciò indica che durante quel periodo, molto probabilmente durante il periodo cimmero o un’era successiva, qui scoppiò una guerra.

I Cimmeri: Ascesa e caduta

I Cimmeri, popolo nomade, sono conosciuti da diversi testi assiri che li chiamano Ga-mir o Gi-mir-aa. Queste persone, di cui non sappiamo molto, potrebbero aver vissuto nel sud dell’Ucraina, dove si trova la Crimea, secondo alcuni studiosi. Gli archeologi li hanno identificati con la cultura Novoserkassk sulle pianure erbose tra il fiume Prut e il Lower Don (c. 900 – 650 aC).

READ  In centinaia si riuniscono a Sydney per sostenere l'Ucraina

Nonostante i loro successi militari, i Cimmeri non stabilirono mai un’entità politica permanente in Anatolia. Funzionavano più come una federazione di tribù che come uno stato centralizzato. La mancanza di documenti scritti del loro punto di vista rende difficile comprendere appieno la loro organizzazione sociale e politica.

Si ritiene che il declino dei Cimmeri sia avvenuto intorno al VI secolo a.C. Persero gradualmente la loro egemonia a favore di altre potenze emergenti come gli Sciti e i Medi. L’esatto destino dei Cimmeri è incerto, poiché i resoconti storici diventano scarsi dopo questo periodo. Matsumara ha affermato che è probabile che i futuri scavi facciano più luce su questo argomento e ci forniscano maggiori dettagli storici e accuratezza sui Cimmeri.

Foto in alto: Insediamento archeologico di Boklucale, Türkiye. fonte: Ministero turco della cultura e del turismo .

Scritto da Sahir Pandey