Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli oceani raggiungono temperature record a febbraio, il mese più caldo del mondo Notizie sulla crisi climatica

Gli oceani raggiungono temperature record a febbraio, il mese più caldo del mondo  Notizie sulla crisi climatica

L’ondata si è verificata durante quello che è stato anche il febbraio più caldo mai registrato, segnando il nono mese consecutivo con un’impresa del genere per il mese in questione.

Le temperature dell’oceano hanno raggiunto un livello record il mese scorso, che è stato anche il febbraio più caldo mai registrato a livello globale, hanno detto gli scienziati dell’Unione Europea.

La temperatura media globale della superficie del mare ha raggiunto i 21,06 °C (69,91 °F) a febbraio, superando il precedente record di 20,98 °C (69,77 °F) stabilito nell'agosto 2023, in un set di dati risalente al 1979, secondo Copernicus Climate. Servizio Cambiamenti dell'Unione Europea. (C3S) ha detto giovedì.

Nel frattempo, la temperatura media dell’aria a febbraio è stata di 13,54 °C (56,4 F), 1,77 °C (3,18 F) più calda rispetto alla media preindustriale del mese. Questo è stato il nono mese consecutivo più caldo mai registrato per il rispettivo mese dell'anno.

In precedenza, gennaio era stato anche registrato come il primo mese più caldo dell’anno, superando il precedente gennaio più caldo del 2020, secondo i registri C3S risalenti al 1950.

Il mese scorso, dopo che gli scienziati avevano avvertito del gennaio più caldo mai registrato mentre il mondo stava subendo un’eccezionale ondata di caldo alimentata dai cambiamenti climatici, Samantha Burgess, vicedirettore di C3S, ha dichiarato: “Una rapida riduzione delle emissioni di gas serra è l’unico modo per fermare l’aumento delle temperature globali. .”

READ  Cane segue il proprietario in ambulanza in ospedale

Mentre il modello climatico El Niño ha continuato a indebolirsi nel Pacifico tropicale a febbraio, le temperature dell’aria marina sono rimaste a un livello insolitamente alto, hanno detto gli scienziati di C3S.

Gli scienziati marini hanno avvertito questa settimana della possibilità di un quarto evento globale di sbiancamento di massa dei coralli nell’emisfero australe, guidato dall’aumento della temperatura dell’acqua e forse il peggiore nella storia del pianeta.

Il corallo sbianca sotto stress termico, espellendo le benefiche alghe colorate che vivono nei suoi tessuti, lasciando dietro di sé uno scheletro pallido. Ciò li rende vulnerabili alla fame e alle malattie e molti di loro muoiono. Ciò potrebbe portare al collasso dei fragili ecosistemi della barriera corallina, lasciando le coste non protette dall’erosione, dalle tempeste e dalla pesca.

El Nino, causato da acque superficiali più calde del normale nell’Oceano Pacifico orientale, combinato con i cambiamenti climatici causati dall’uomo, sta alimentando il calore in eccesso.

“Ciò che più sorprende è che le temperature della superficie del mare hanno raggiunto livelli record in aree lontane dal centro di El Niño, come l'Atlantico tropicale e l'Oceano Indiano”, ha affermato lo scienziato del clima Richard Allan dell'Università di Reading.

Ha aggiunto che ciò indica il forte impatto dell’aumento delle emissioni di gas serra nell’atmosfera.

Sebbene le temperature medie globali della superficie del mare escludano gli oceani polari, anche lì le cose vanno male.

Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto il suo minimo annuale a febbraio, registrando la terza estensione più bassa mai registrata, pari al 28% sotto la media.