Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli elicotteri italiani NH-90 hanno raggiunto le 5.000 ore di volo in Iraq

Gli elicotteri italiani NH-90 hanno raggiunto le 5.000 ore di volo in Iraq
Cinque elicotteri italiani UH-90A effettuano un sorvolo sull'aeroporto di Erbil per celebrare il completamento di 5.000 ore di volo in Iraq. (Foto: Ministero della Difesa italiano)

Gli elicotteri sono assegnati all'Airmobile Task Group Griffon per l'Operazione Prima Partica, il contributo italiano all'Operazione Inherent Resolve.

Gli elicotteri UH-90 dell'Esercito Italiano (NH90 designati dal Ministero della Difesa italiano Mission Design Series) schierati all'aeroporto di Erbil, in Iraq, hanno completato 5.000 ore di volo nel Paese a sostegno della coalizione multinazionale Operazione Inherent Resolve. Un anno dopo aver raggiunto il traguardo delle 4.000 ore. Gli elicotteri sono assegnati all'Airmobile Task Group Griffon nell'ambito dell'Operazione Prima Partica, il contributo italiano all'OIR.

Gli elicotteri UH-90 soddisfano le esigenze di trasporto del gruppo militare italiano schierato, oltre a contribuire alla missione di mobilità aerea a sostegno delle forze internazionali in Iraq per l'OIR e la NATO Mission Iraq. Il Task Group Griffon sta lavorando con la Task Force Gambler dell'aviazione dell'esercito americano con sede a Erbil.

Elicotteri italiani sono stati schierati a Erbil nel 2014, inizialmente con i soli ruoli di salvataggio del personale e ricerca e salvataggio in combattimento a sostegno della coalizione internazionale. L'unità è stata schierata per conto della Brigata Aerea da Combattimento della Coalizione, sebbene tutte le sue operazioni siano state coordinate e dirette dal Commando Operativo di Vertis Interforce italiano (quartier generale delle operazioni congiunte).

L'Esercito Italiano è uno dei primi e più grandi operatori dell'NH90, poiché gli elicotteri UH-90A hanno accumulato più di 31.096 ore di volo durante operazioni in patria e all'estero, inclusi Afghanistan e Iraq. L'Esercito Italiano è stato il primo operatore a far volare l'NH90 in combattimento e uno degli operatori che più ha espresso la propria soddisfazione nei confronti dell'elicottero.

Tuttavia, non tutti i suoi operatori sono pienamente soddisfatti. In effetti, alcuni di loro hanno già deciso di ritirare gli elicotteri europei, inclusa l’Australia, che ha messo a terra la sua flotta di MRH90 Taipan dopo un recente incidente mortale. Alcuni altri operatori come Francia e Spagna stanno acquistando il nuovo NH90 per ampliare le proprie flotte.