Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli astronomi trovano un buco nero nel cortile cosmico

Gli astronomi hanno annunciato venerdì di aver scoperto, quasi ma non del tutto in tempo per Halloween Il buco nero più vicino conosciuto. È massiccio, un involucro di vuoto sbadigliante dieci volte la massa del Sole, in orbita attorno alla sua stella tanto quanto la Terra orbita attorno alla nostra stella.

Ma non preoccuparti: questo buco nero si trova a 1.600 anni luce di distanza nella costellazione dell’Ofiuco. Il buco nero conosciuto più vicino si trova a circa 3.000 anni luce di distanza nella costellazione del Monoceros. Ciò che distingue questo nuovo buco nero dai circa venti altri già identificati nella nostra Via Lattea, oltre alla sua vicinanza, è che non fa nulla: non attira la stella vicina al suo destino, né consuma la gravità di tutto ciò che è vicino. Invece il buco nero è addormentato, un killer silenzioso in attesa che le correnti dello spazio lo alimentino.

I buchi neri sono oggetti così densi che, secondo la teoria della relatività generale di Einstein, nemmeno la luce può sfuggirvi. Questo lo rende il fenomeno più interessante e violento in natura; Quando viene nutrito, può diventare la cosa più luminosa dell’universo, poiché gas, polvere e persino giovani stelle vengono triturati e riscaldati per brillare, emettendo energia mentre si avvicina alle porte dell’eternità.

Ogni galassia contiene un buco nero supermassiccio milioni o miliardi di volte la massa del Sole. Gli scienziati non sono sicuri da dove vengano. Si pensa che i buchi neri più piccoli siano costituiti da stelle massicce che hanno raggiunto la fine della loro vita termonucleare e sono crollate. Potrebbero esserci milioni di buchi neri nella Via Lattea. Di solito si fanno riconoscere dai raggi X che emettono mentre sottraggono gas ai loro compagni nei sistemi a doppia stella.

READ  Il monitoraggio delle varianti del virus negli Stati Uniti è migliorato dopo un avvio lento

Ma che dire dei buchi dormienti, quelli che attualmente non sputano fuoco? Karim El-Badri, un astrofisico dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, è alla ricerca di tali demoni nascosti da quattro anni. Ha scoperto questo buco nero esaminando i dati della navicella spaziale GAIA dell’Agenzia spaziale europea, che ha tracciato con estrema precisione le posizioni, i movimenti e altre proprietà di milioni di stelle nella Via Lattea.

Al-Badri e il suo team hanno scoperto una stella, quasi identica al nostro Sole, che tremava stranamente, come se fosse sotto l’influenza della gravità di un compagno invisibile. Per ulteriori indagini, i ricercatori hanno preso possesso del telescopio Gemini North situato in cima a Mauna Kea alle Hawaii, che può misurare la velocità e il periodo di questa oscillazione e determinare così le masse relative degli oggetti in questione. La tecnica corrisponde al processo mediante il quale gli astronomi analizzano l’oscillazione delle stelle per rilevare la presenza di esopianeti in orbita attorno al Sistema Solare, tranne che questa volta la cava era molto più grande.

I loro risultati e i calcoli successivi erano coerenti con un buco nero di 10 masse solari circondato da una stella simile alla nostra. Lo chiamarono Gaia BH1.

“Prendi il sistema solare, metti un buco nero dove c’è il sole e il sole dove c’è la terra, e otterrai quel sistema”, dice il dott. Luna piena Ha detto in un comunicato stampa Dal National Optical and Infrared Laboratory, che gestisce il Gemini North Telescope.

Lui ei suoi colleghi hanno scritto: “Questo è il triplo buco nero conosciuto più vicino e la sua scoperta indica che c’è un gran numero di buchi neri dormienti nei binari”. in carta Pubblicato mercoledì negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society. Gli astronomi hanno affermato che la nuova scoperta ha sollevato interrogativi sulla loro presunta conoscenza dell’evoluzione dei sistemi stellari binari. Il predecessore di questo buco nero doveva essere una stella di circa 20 masse solari. Secondo le principali teorie, la morte della stella e la successiva formazione di buchi neri avrebbero comportato un’esplosione di supernova e altri processi che avrebbero gravemente interrotto l’altra stella più piccola del sistema. Allora perché l’altra stella appare naturalmente?

READ  Ecco il momento migliore per vedere 5 pianeti in fila in uno spettacolo raro questa settimana

“Solleva molte domande su come si forma questo sistema binario, così come su quanti buchi neri in agguato ci sono”, ha detto il dottor El-Badri nel comunicato stampa.