Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

G20: Le nazioni ricche faranno progressi su clima e vaccini? | Notizie di economia e commercio

I riflettori saranno puntati sulla crisi climatica, sull’uguaglianza nei vaccini, sulla crisi energetica e sul clamore della catena di approvvigionamento globale, mentre i leader delle 20 maggiori economie del mondo si riuniranno al vertice del G20 a Roma, in Italia questo fine settimana. Ma gli analisti avvertono che un consenso su questioni urgenti potrebbe essere sfuggente.

L’incontro, il primo incontro di persona dei leader del Gruppo dei Venti (G20) dal 2019, arriva mentre la ripresa economica globale dalla pandemia di coronavirus affronta una miriade di sfide: dai nuovi ceppi di COVID-19 alla carenza di approvvigionamento e all’inflazione. Indicherà anche quanto vicino – o quanto lontano – le principali economie si stiano muovendo l’ago della crisi climatica, con la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) che prenderà il via domenica a Glasgow, in Scozia.

Ma con il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin che si aspettano che aderiscano effettivamente al G-20 piuttosto che di persona, e anche i leader di Giappone, Messico e Arabia Saudita scelgono di non andare a Roma, trovare un terreno comune su questioni urgenti potrebbe dimostrare. Ancora più difficile.

“Il G-20, come ogni associazione di appartenenza, ha la stessa forza che i suoi membri vogliono”, ha affermato Matthew P. Goodman, vicepresidente senior per l’economia presso il Center for Strategic and International Studies (CSIS). “Si potrebbe pensare che il COVID-19 resisterà alla prova di una vera crisi, ma è difficile che questo gruppo di paesi sia d’accordo su qualcosa”.

Divario finanziario per il clima

Il G-20 è stato creato sulla scia della crisi finanziaria asiatica negli anni ’90 per dare alle economie emergenti una voce di primo piano negli affari finanziari globali. Il vertice annuale dei leader è diventato un appuntamento fisso nel 2008 in risposta alla crisi finanziaria globale.

Con la lista dei membri che conti Per oltre l’80% del PIL globale, il 75% del commercio mondiale e il 60% della popolazione mondiale, il Club è in una posizione unica per stabilire priorità e mobilitare risorse per affrontarle.

READ  L'Italia riconosce Covishield idoneo per Green Pass, Health News ed ET HealthWorld

“Il G-20 ha chiaramente le questioni macroeconomiche come obiettivo tradizionale, ma la sicurezza sanitaria globale e il riscaldamento globale sono i principali ostacoli alla prosperità”, ha affermato Stuart M. Patrick, direttore delle istituzioni internazionali e del programma di governance globale presso il Council on Foreign Relations ( CFR). per Al Jazeera.

Un recente rapporto ha mostrato che i paesi ricchi non sono riusciti a rispettare i loro impegni di $ 100 miliardi in finanziamenti per aiutare i paesi poveri a combattere il cambiamento climatico. Ma è probabile che qualsiasi accordo sul clima del G-20 dia un tono positivo ai colloqui della COP26.

I leader del G20 potrebbero impegnarsi a smettere di finanziare impianti a carbone al di fuori dei loro confini, ma i negoziati prima del vertice rivelano differenze su quando eliminare gradualmente l’uso del carbone a casa, Notizie Bloomberg (paywall) citando funzionari informati sulle conversazioni.

Secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia, il carbone alimenta quasi il 60% dell’elettricità cinese e circa il 70% di quella indiana. In aggiunta a questa dipendenza a breve termine, l’attuale crisi energetica globale, insieme ad altri colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento, sta alimentando l’inflazione e fornendo venti contrari alla ripresa economica.

Di fronte alle interruzioni di corrente, alla chiusura delle fabbriche e all’inizio dell’inverno, la Cina ha allentato le normative sulla produzione nazionale di carbone.

Il presidente italiano Sergio Mattarella incontra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden al Palazzo del Quirinale a Roma, Italia [File: Francesco Ammendola via Reuters]

“In termini di clima, è probabile che l’esito sia più graduale che drammatico”, ha affermato Patrick del CFR.

Ha aggiunto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden spingerà sicuramente per iniziative verdi, ma la politica interna potrebbe gettare un’ombra.

“È probabile che la posizione di Biden sia debole data l’incertezza sul fatto che il Congresso approvi un numero sufficiente di infrastrutture verdi e spese legate al clima nei due massicci progetti di legge che sta prendendo in considerazione”, ha affermato Patrick.

colpo diviso

Affrontare il crescente divario nei tassi di vaccinazione contro il coronavirus tra paesi ricchi e poveri sta esacerbando la disuguaglianza tra i paesi.

READ  Business e crypto: ecco le top stories della settimana del 4 giugno 4

Reuters ha riferito che i ministri della salute e delle finanze del G20 hanno dichiarato venerdì che avrebbero adottato misure per garantire che il 70 percento della popolazione mondiale sia vaccinato entro la metà del prossimo anno, sei mesi prima del programma precedente.

L’orologio sta ticchettando. All’inizio di questo mese, il Fondo monetario internazionale ha avvertito di una “pericolosa divergenza” nei recuperi tra economie più mature e in via di sviluppo, con la disponibilità di un vaccino come fattore chiave.

Degli 1,3 miliardi di dosi che i paesi ricchi hanno promesso di donare ai paesi poveri nell’ambito del Programma globale di accesso ai vaccini COVID-19 dell’OMS, solo 356 milioni sono stati forniti.

All’inizio di questa settimana, AI sollecitare I paesi del G20 dovrebbero mettere da parte “l’avidità e l’egoismo” e garantire un’equa distribuzione dei vaccini, osservando che i paesi ricchi hanno circa 500 milioni di dosi.

L’ostacolo principale è la protezione dei brevetti, a cui alcuni stati vorrebbero rinunciare, sostenendo che ottengono più pugni in più armi.

Lo scorso ottobre, India e Sudafrica hanno inviato un file appello L’Organizzazione mondiale del commercio per conto di un gruppo di paesi sollecita la rinuncia alla protezione dei brevetti in modo che tali paesi possano produrre versioni generiche di vaccini.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato al Quirinale il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in vista del vertice del G20. [Paolo Giandotti via Reuters]

Ma gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Regno Unito e il Giappone hanno ostacolato questi sforzi. Con una mossa scioccante, Biden ha annunciato che gli Stati Uniti – di solito un strenuo difensore dei diritti di proprietà intellettuale – sosterranno la revoca delle protezioni dei brevetti per i vaccini COVID-19.

“Il G-20 rimane diviso sulla liberalizzazione del commercio di vaccini e sull’introduzione di esenzioni dalla proprietà intellettuale per consentire una maggiore produzione nazionale da parte dei paesi in via di sviluppo”, ha affermato Patrick del CFR.

Il G-20 è anche diviso sulla creazione di un consiglio sanitario globale per aiutare i paesi a coordinare l’azione. Patrick ha aggiunto che gli Stati Uniti, l’Unione Europea, il Giappone e il Regno Unito lo sostengono mentre i paesi BRICS, che sono Brasile, Russia, India e Cina, no.

READ  Più di 20 delegazioni straniere parteciperanno alla fiera Innoprom a Ekaterinburg, Russia - Business and Economy

Debito: “Dichiarazioni di sostegno in linea di principio”

Un altro motore delle crescenti divisioni tra paesi ricchi e paesi poveri è il debito.

L’onere del debito dei paesi a basso reddito del mondo è aumentato del 12% a un record di 860 miliardi di dollari nel 2020 a causa della pandemia, secondo un recente rapporto di Banca Mondiale.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro arriva al Palazzo del Quirinale prima del vertice del G20 [File: Francesco Ammendola via Reuters]

Il G20 è intervenuto sul debito attraverso la Debt Service Suspension Initiative (DSSI), entrata in vigore il 1° maggio 2020, a beneficio di 46 paesi a basso reddito con dilazioni di pagamento. Ma il programma scadrà alla fine del 2021.

All’inizio di questa settimana, gli Stati Uniti hanno chiesto progressi più rapidi nella ristrutturazione del debito dei paesi fortemente indebitati nell’ambito del Joint Framework for Debt Remedies e hanno accusato “l’incapacità della Cina di prendere alcune decisioni”.

“Penso che il G20 accetterà di estendere il DSSI”, ha detto Goodman del CSIS ad Al Jazeera. “Il quadro comune – che include la ristrutturazione del debito e la remissione del debito – penso che vedremo le dichiarazioni di sostegno come una questione di principio, ma potrebbe essere difficile convincere i paesi ad accettare di andare avanti”.

La Cina ha fatto marcia indietro: la sua banca di sviluppo vuole essere vista come un creditore privato piuttosto che come parte del governo. Goodman ha aggiunto che Pechino è riluttante ad aderire al Club di Parigi, un gruppo di paesi creditori che cercano un approccio comune alla ristrutturazione del debito.

“Se un Paese rinuncia al debito e un Paese no, i pagamenti sono a favore del secondo Paese, ovviamente”, ha detto, sottolineando anche la necessità di coinvolgere il settore privato. Se i governi rinunciassero al debito ma le banche lo riprendessero, sarebbe un problema.