Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La piena occupazione non è necessariamente il Santo Graal in un’economia di mercato flessibile

L’economia alternativa ha a lungo sostenuto contro il mainstream che il percorso verso mercati perfettamente funzionanti non richiede la piena occupazione, scrive il professore associato Graham White.

È stato detto spesso che con dieci economisti diversi si ottengono almeno dieci opinioni diverse. C’è più di un briciolo di verità in questo. L’economia non è una “scienza esatta”.

Ma c’è un altro tipo di differenza all’interno della professione economica, soprattutto a livello accademico. Questo ha a che fare con gli elementi costitutivi “di base” – le basi su cui sono in definitiva costruiti modelli complessi e le prescrizioni politiche derivate.

Queste sono le differenze di cui molti accademici sono al massimo vagamente consapevoli, specialmente tra gli accademici più giovani. Almeno, forse, perché lo studio della storia del pensiero economico è generalmente visto come un’indulgenza strana e relativamente insignificante per pochi, sebbene almeno per il momento possa essere tollerata. Sfortunatamente, la tolleranza sembra essere in calo.

È un peccato, perché lo studio della storia del pensiero economico rivela che il progresso in economia non è continuità, poiché il lavoro di questa generazione è costante e l’illuminazione graduale influenzerà le opinioni della generazione successiva. Si presenta invece con colpi di scena importanti – per alcuni, virate sbagliate – e uno stress dominante che, a volte, sembra capace di reinventare la ruota. Così, per alcuni, anche l’uso del termine “scienza” applicato all’economia spinge verso l’alto.

Le differenze più profonde di opinioni sugli elementi costitutivi possono essere meglio illustrate condividendo alcune riflessioni principalmente nel campo della macroeconomia e specificamente su uno dei suoi temi standard: la disoccupazione.

Gli studenti di solito affrontano questo argomento partendo dalla domanda apparentemente ovvia: perché esiste la disoccupazione? Sembra abbastanza giusto. (Qui, la disoccupazione si riferisce a un ambiente in cui non c’è abbastanza lavoro per coloro che sono disposti a lavorare al salario reale attuale.) Ma un punto di partenza alternativo potrebbe essere chiedersi: perché ci si dovrebbe aspettare la piena occupazione (l’assenza di disoccupazione nel significato? definito sopra), almeno nel tempo?

A un certo livello, questa differenza nei punti di partenza non sembra né qui né là. Tuttavia, per chiunque abbia una storia di pensiero macroeconomico in fondo alla propria mente, la differenza sarebbe sorprendente. È la convinzione che ha lasciato a se stesso, che un’economia di mercato competitiva che opera in modo flessibile fornirebbe un percorso verso la piena occupazione che porta a iniziare chiedendosi perché c’è disoccupazione. La risposta – data dalla teoria tradizionale – sarebbe in termini di deviazioni da quello stato competitivo “normativo” che opera in modo flessibile.

READ  La Gran Bretagna finanzierà $ 3 miliardi in investimenti verdi nelle economie in via di sviluppo, Energy News, ET EnergyWorld

Molti fattori (difetti e rigidità) – ad esempio leggi sul salario minimo, legislazione sul licenziamento ingiusto e sussidi minimi di disoccupazione – possono agire come una chiave di volta negli affari, accorciando il percorso verso questo standard e quindi il percorso verso la piena occupazione. Questi “cacciaviti” non dovrebbero essere limitati al cosiddetto mercato del lavoro.

Né dovrebbe essere incoerente con il miglioramento degli individui, cioè che gli individui scelgano tra le azioni alternative quelle che aumentano la loro soddisfazione.

Questo approccio generale alla disoccupazione è la storia che gli economisti raccontano da molto tempo, dalla fine del XIX secolo appunto. In definitiva, la disoccupazione involontaria è stata vista come il riflesso di uno o più di numerosi potenziali difetti. Per aggiornarlo ulteriormente, l’argomento “zero minimosulla politica monetaria come una versione più recente di un’interpretazione imperfetta – tuttavia, le sue proporzioni si avvicinano a 100 anni.

Crisi finanziaria globale e aumento del debito: non è ora che gli economisti imparino dai loro errori?

Questa particolare rigidità – una limitazione alla capacità delle banche centrali di programmare i tassi di interesse reali a livelli coerenti con la piena occupazione – ha goduto di una rinascita nelle spiegazioni della domanda fiacca nelle economie avanzate dopo la crisi finanziaria globale (GFCE prima della pandemia giustificava persino l’espansione finanziaria.

Tuttavia, il punto di partenza alternativo: perché ci si dovrebbe aspettare la piena occupazione? Può essere giustificato assumere una prospettiva fondamentalmente diversa su come, con la massima flessibilità, possa funzionare un’economia di mercato competitiva.

Questa variante (si chiama Non convenzionale, per la necessità di un termine migliore) che il modello normativo competitivo contemplato dagli economisti, a volte implicito nella migliore delle ipotesi, non è all’altezza del compito.

I critici non ortodossi hanno sostenuto per molti anni che la teoria prevalente non è in grado di dirci come un’economia reale che opera con la massima flessibilità può, in tempo reale, seguire un percorso che si avvicina all’ideale della teoria prevalente. Alternative contrastanti, sepolte negli inferi (per prendere in prestito una frase dall’economia inglese Keynes), partiamo da una visione radicalmente diversa di come i mercati possono funzionare in modo più efficiente individualmente e collettivamente.

READ  Le migliori scelte dell'imprenditore tecnologico Tre Zimmerman per una cena di lavoro nel sud della Florida

Queste alternative hanno molte ispirazioni. Uno è opera di un economista italiano del Novecento Piero Serava e 60 anni di ricerca che li hanno ispirati. C’è anche il lavoro di Keynes negli anni ’30 e di un economista polacco Michel Kaliki Tra gli anni Trenta e Sessanta.

Poi c’è la tendenza anglo-italiana creata dagli economisti Joan Robinsone Nicholas Kaldore Luigi Pasinetti e Pierangelo Garignani Negli anni Cinquanta e Sessanta. Il loro lavoro ha anche generato un’agenda di ricerca che continua ancora oggi.

Ci sono certamente differenze all’interno di questo ampio flusso di ricerca. Ma il denominatore comune è che lo sviluppo degli elementi costitutivi di base dell’economia ha preso una piega sbagliata molto tempo fa, in giro, 1870.

Ancora più importante, l’alternativa non convenzionale non collega adeguatamente mercati completamente flessibili e attori economici ben informati a qualsiasi percorso necessario per la piena occupazione. Né c’è tale connessione nelle opere dei più famosi economisti classici, Adam Smithe David Ricardo e critico di economia politica Karl Marx.

Gli economisti non ortodossi hanno a lungo sostenuto che la relazione tra mercati pienamente funzionanti e piena occupazione è un’invenzione puramente “moderna” e con fondamenta traballanti. La critica seria di queste fondazioni ha raggiunto il picco negli anni ’60.

Da un punto di vista non ortodosso, la disoccupazione non è un esempio di “fallimento del mercato”. Piuttosto, è una caratteristica naturale (sebbene chiaramente rifiutata) di un’economia capitalista competitiva e pienamente funzionante.

Questa era la visione generale che Keynes tentò (senza successo) di persuadere la professione negli anni ’30. Garignani aveva sottolineato che la critica alle istituzioni ortodosse negli anni Sessanta consentì all’intuizione di Keynes di poggiare su un terreno più solido.

Da questo punto di vista, non c’è una tendenza intrinseca per la quantità di lavoro ad adattarsi all’offerta disponibile di lavoratori, non importa quanto bene funzionino i mercati. Qualsiasi aggiustamento è più lungo le linee inverse poiché l’offerta di lavoro (cioè le persone in cerca di lavoro) si adatta alla quantità di lavoro disponibile. Questo tipo di modulazione, come sappiamo, può manifestarsi nel comportamento del tasso di coinvolgimento.

Ciò che è anche notevole è come questa visione non ortodossa cambi tante altre cose (come ha sottolineato anche Keynes molto tempo fa). Problemi finanziari!

READ  Il nuovo ristorante di Long Island serve cibo italiano tradizionale fatto da zero

L’esistenza della moneta cambierà la natura dei risultati nell’economia reale derivanti da un’economia di mercato flessibile a breve e lungo termine. Non è facile ottenere un risultato nell’economia tradizionale, come dimostra la storia. Al contrario, la politica monetaria e fiscale può avere effetti duraturi sulla traiettoria di crescita di un’economia.

Riconoscere questo rappresenterebbe un cambiamento radicale nel pensiero convenzionale. Inoltre, i mercati pienamente funzionanti non hanno più bisogno di essere associati alla massimizzazione del “benessere” una volta che si è eliminata qualsiasi associazione forte e rapida tra prestazioni incomplete e disoccupazione.

A molti economisti accademici queste affermazioni possono sembrare strane. Tuttavia, forse è qui che entra in gioco la mancanza di un serio apprezzamento per la storia della propria disciplina.

L’alternativa non convenzionale non riguarda solo la macroeconomia.

Probabilmente sta seguendo una strada radicalmente diversa dalla visione prevalente di come interpreta cose come i prezzi relativi (il prezzo di un bene o servizio in relazione a un altro) e la distribuzione del reddito tra i diversi gruppi della società – il più tradizionale ma meno di moda, al giorno d’oggi, parti dell’economia.

In tal modo, può evitare ciò che a volte viene indicato comeindividualità metodologicaQuesta è stata a lungo la base dell’approccio dell’economista a quasi tutto, compresa la visione che l’economia condivide in modo completo con la teoria della scelta umana.

Quest’ultimo è stato probabilmente una forza trainante nella ricerca pluriennale della professione di coesistere (o “colonizzare”, a seconda del punto di vista) nelle altre scienze sociali.

Per alcuni critici non ortodossi, l’affermazione che ogni proposta economica dovrebbe essere formulata nel linguaggio dell’ottimizzazione del singolo agente non è né particolarmente necessaria né fruttuosa nell’interpretazione dei prezzi relativi, nel funzionamento dei mercati o nell’analisi dei fenomeni macro. Per essere onesti, alcuni economisti ortodossi hanno espresso questa preoccupazione nel corso degli anni.

Esistono alternative. Ma il progresso in economia richiede di più. Per lo meno, ci vogliono alcune menti per aprirsi in un flusso finora spietato.

Graham White è professore associato presso Facoltà di Economia presso l’Università di Sydney. Studia la macroeconomia e la storia del pensiero economico. Puoi seguire Graham su Twitter Tweet incorporato.

articoli Correlati

Sostieni il giornalismo indipendente Iscriviti a IA.