Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Euro 2020 inizia con fuochi d’artificio e palloncini dopo un anno di ritardo

I campionati di calcio Euro 2020 sono finalmente iniziati venerdì dopo un anno di ritardo con uno spettacolo pirotecnico colorato e una coreografia con palloncini che rappresentano le 24 squadre allo Stadio Olimpico di Roma, scarsamente popolato.

Solo circa 16.000 tifosi sono stati ammessi per la partita di apertura tra Italia e Turchia, circa il 25% della capacità, dopo che le autorità hanno mantenuto un limite massimo di presenze per il torneo a causa delle preoccupazioni relative al COVID-19.

Nel tentativo di suscitare l’entusiasmo, in gran parte mancante a Roma in vista del calcio d’inizio, i grandi del calcio italiano e vincitori della Coppa del Mondo 2006 Francesco Totti e Alessandro Nesta hanno accolto il pubblico alla cerimonia di apertura.

Il tenore Andrea Bocelli Nessun Dorma e le star degli U2 Bono e The Edge hanno cantato con il DJ Martin Garrix tramite collegamento video, mentre i fuochi d’artificio scoppiavano dal tetto del campo e dello stadio, lasciando una scia di fumo colorato attraverso l’arena.

Sebbene pochi di numero, i tifosi hanno esultato per il loro ritorno sugli spalti dopo un anno in cui la maggior parte delle partite si sono giocate prima degli spalti vuoti per prevenire la diffusione del coronavirus.

Calcio – Euro 2020 – Gruppo A – Turchia – Italia – Roma, Italia – 11 giugno 2021 I tifosi dell’Italia guardano la partita. REUTERS / Guglielmo Mangiapane

“Abbiamo comprato i biglietti più di due anni fa, e finalmente siamo qui”, ha detto Mattia Valentini, 27 anni, tenendo in mano la bandiera italiana con il cugino Eduardo Valentini, 23 anni, fuori dallo stadio.

READ  Programma semifinali Euro 2020: Italia - Spagna, Inghilterra - Danimarca in diretta streaming, orario, canale TV, come guardare online

Il suo connazionale Vito, 34 anni, è arrivato dal sud della Puglia con sei suoi amici. La partita fa parte del suo addio al celibato e tutti indossavano una maglietta azzurra con la scritta “Vito si sposa”.

A Roma sono arrivati ​​anche gruppi di fastidiosi tifosi biancorossi turchi, ignorando i timori del coronavirus.

“La situazione nel mondo sta migliorando, siamo davvero felici e non vediamo l’ora di una partita con la gente e non in uno stadio vuoto”, ha detto il tifoso turco Harun Calkat.

Per accogliere i tifosi fuori dallo stadio, gli organizzatori hanno allestito un villaggio calcistico al centro di Piazza del Popolo, che può ospitare un massimo di 1.680 tifosi.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.