Novembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Euro 2020: la Roma spera che il successo italiano sollevi il morale dopo il coronavirus | Sport | Calcio tedesco e principali notizie sportive internazionali | DW

Se i monumenti storici e le statue intorno alla città di Roma li lasciassero parlare, sarebbero i primi ad esprimere il loro disappunto.

La serata di apertura di Euro 2020 è stata una faccenda tranquilla nella capitale italiana. C’erano poche tracce di eccitazione ed euforia, almeno non al livello conosciuto in Italia.

Camminando per le strade di Roma giorni e persino ore prima dell’inizio della partita tra Italia e Turchia,

C’erano poche indicazioni che la città stesse per iniziare uno dei più grandi tornei di calcio del mondo. Le bandiere italiane erano rare. I colori verde, bianco e rosso issati sulle auto o appesi ai balconi erano pochi e rari.

Sembra un sacrilegio, ma in calcio-Una città ossessionata come Roma, l’idea che la gente sia stanca del calcio non è mai stata così lontana.

“Il coronavirus ha costretto alla chiusura di molte attività culturali, ma il calcio è andato avanti e continua ancora”, ha detto Federico Chiacci, storico e guida turistica della città. “Sembra che ci siano partite ogni giorno”.

È più di una semplice sensazione. Proprio come i tornei di tutta Europa, la Serie A è andata avanti per tutta la pandemia a porte chiuse. Così ha fatto la Champions League, così ha fatto l’European League, così come il calcio internazionale, e ora ci saranno 51 partite nel corso del prossimo mese.

Forse è la mancanza di scarsità del calcio, amplificata dalle sfide del Corona virus, ad aver aumentato questa “fatica”. Ma per i tifosi di calcio francesi ei turisti Christophe e Simone, lo sport non è necessariamente il problema. “Siamo stanchi del calcio senza tifosi, ma non del calcio in sé”, hanno detto.

READ  Il camion da corsa a idrogeno disegnato da Pininfarina per la Dakar 2022

gioia limitata

Mentre la UEFA ha organizzato spettacoli pubblici in tutta la città, ha fatto ben poco per accendere la fiamma della passione dei tifosi. I televisori giganti dovrebbero attirare folle enormi, ma il virus COVID-19 ha reso difficili i grandi raduni. Gli organizzatori hanno permesso a circa 1.000 fan di assistere alla vittoria dell’Italia sulla Turchia in Piazza del Popolo, purché gli spettatori indossassero maschere e mantenessero le distanze sociali.

Ma anche la vista dei veterani Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini che suonavano a squarciagola l’inno nazionale italiano travolgente non avrebbe potuto entusiasmare la folla. Sì, c’era un po’ di sbandieratori e un po’ di canto, ma niente della passione e dell’orgoglio per cui sono noti i tifosi di calcio italiani.

Ma è difficile entrare in qualcosa quando non funziona nemmeno al 100%. Quando la capacità del pubblico dello Stadio Olimpico si riduce del 25%, è difficile per i locali ottenere ciò che vogliono. Il calcio è un business sociale. È apprezzato in grandi gruppi e la pandemia lo ha reso impossibile.

Gli italiani a distanza sociale guardano la partita su un maxischermo in Via dei Fori Imperiali, dove le mascherine sono ancora obbligatorie.

Non solo, ma Roma è ancora sotto il coprifuoco nazionale e le mascherine sono ancora obbligatorie nei luoghi pubblici. Ciò significa che i tifosi agli spettacoli pubblici dovrebbero tornare a casa entro mezzanotte, lasciando poco tempo per festeggiare il gol di Ciro Immobile e Lorenzo Insigne in una vittoria per 3-0. “Notte magica!” gridò il Gazzetta dello sport. Ma assicurati di essere a letto entro i 12 anni.

Il fatto che Roma sia rimasta una delle città ospitanti ha suscitato sentimenti contrastanti in una parte della popolazione locale. Le studentesse Federica e Denise hanno affermato che “può aiutare l’economia ma è rischioso a causa del Covid-19”. Molti locali temono che tali eventi possano portare a un aumento dei casi di coronavirus, nonostante i concetti di igiene che richiedono ai possessori del biglietto di avere una prova di vaccinazione o di superare test negativi.

READ  Desert Stomp: una competizione sportiva diretta nel deserto di Dubai a novembre

Italia su Wembley Road – e verso la ripresa?

E che dire della stessa squadra italiana, ormai imbattuta da 28 partite sotto il carismatico allenatore Roberto Mancini? Non dovrebbe essere motivo di eccitazione? Quanto lontano puoi andare? “La strada per Wembley è iniziata esattamente come speravamo”, ha scritto. Repubblica, che riflette la nuova fiducia e divertimento in questa squadra.

Forse è questo che serve per rafforzare l’atmosfera a Roma. L’Italia ha bisogno di approfondire il torneo per far rivivere la passione dei locali.

C’erano già più auto che suonavano il clacson e più bandiere italiane per le strade a tempo pieno venerdì. Ma le statue rimasero silenziose come sempre.