Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Esportare idrogeno verde dall’Africa all’Europa: l’Italia fa la sua mossa

Esportare idrogeno verde dall’Africa all’Europa: l’Italia fa la sua mossa

Al vertice Italia-Africa recentemente conclusosi a Roma, il presidente tunisino Kaïs Saïed ha chiesto la creazione di un “ponte comune di sviluppo” in diversi settori, tra cui le energie rinnovabili e l’idrogeno verde. Questo nuovo settore rientra nella strategia di sviluppo del Ministero tunisino dell’Industria, delle Miniere e dell’Energia, che prevede una capacità annua di 8,3 milioni di tonnellate entro il 2050. Per ora, il paese nordafricano sta lottando per garantire la propria transizione energetica. Per fare a meno del gas, viene utilizzato per generare il 97% dell'elettricità.

L’Italia può svolgere un ruolo chiave in questa strategia di integrazione del settore dell’idrogeno verde attraverso il piano di investimenti da 5,5 miliardi di euro annunciato al vertice di Roma. L’impegno arriva mentre l’Italia prevede di costruire un gasdotto per trasportare l’idrogeno verde prodotto in Marocco attraverso il Mediterraneo verso il mercato europeo.

“Il corridoio verde

La proposta della deputata italiana Deborah Ceraccioni è stata approvata da Roma nell'ambito del progetto Mate, dal nome del fondatore della società di idrocarburi Eni, con l'obiettivo di ridefinire il partenariato tra Italia e Africa, lontano da una logica “paternalistica” e “predatoria”. approccio. È ancora accettato da alcune potenze del continente. Questo “corridoio verde”, come lo chiama il governo italiano, trasporterà l'idrogeno dal porto marocchino di Tangeri al porto italiano di Trieste, da dove l'energia sarà distribuita all'Europa centrale e orientale attraverso il gasdotto transalpino.

Leggi anche- Egitto: l'ENI italiana diversifica, produce ed esporta idrogeno verde

“Stiamo attuando l'accordo di cooperazione recentemente firmato tra l'Autorità Portuale dell'Adriatico Orientale e l'Autorità Portuale di Tangeri (TangerMed)” dice Debora Cerachiani. Ma si tratta di una collaborazione a lungo termine, poiché gli esperti energetici affermano che l’idrogeno sarà prodotto su larga scala solo entro il 2030 o il 2035.

READ  Sedici pollici di pioggia in sette ore hanno causato inondazioni catastrofiche nelle Marche, in Italia

La strategia di diversificazione di Eni

Per ora il Marocco sta cercando di diversificare le sue partnership per lo sviluppo dell’idrogeno verde, soprattutto con Portogallo e Germania, ma anche con diverse multinazionali, come la francese Total Eran, che vuole investire 9 miliardi di euro entro il 2030. .

Il colosso italiano degli idrocarburi Eni ha firmato un accordo con la Egyptian Electricity Holding Company (EEHC) e la Egyptian Natural Gas Holding Company (Egas). L’accordo prevede l’esplorazione di progetti congiunti per produrre idrogeno verde, elettricità prodotta da fonti rinnovabili e idrogeno blu per immagazzinare CO2 nei giacimenti di gas naturale esauriti.

Il gruppo ha anche collaborato con la società energetica saudita Acwa Power per la ricerca e lo sviluppo (R&S) di questo nuovo processo. L’azienda saudita sta accelerando le operazioni nel campo dell’idrogeno verde e dei suoi derivati ​​in Africa, principalmente in Egitto e Sud Africa, due Paesi africani che mostrano un certo dinamismo nello sviluppo e nella produzione di energie rinnovabili.

Jean Marie Tagoulou