Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Ungheria difende il trattamento riservato all’attivista antifascista italiano, afferma che la sinistra danneggia i legami Italia-Ungheria

L’Ungheria difende il trattamento riservato all’attivista antifascista italiano, afferma che la sinistra danneggia i legami Italia-Ungheria

ROMA (AP) – Mercoledì il governo ungherese ha difeso la detenzione di un attivista antifascista italiano in una prigione ungherese durante un’udienza alla corte di Budapest.

Ilaria Salis è stata arrestata dalla polizia Capitale ungherese Era sospettato di coinvolgimento negli attacchi contro i partecipanti alle celebrazioni del Giorno della Memoria in Ungheria lo scorso anno. L'evento si tiene ogni anno l'11 febbraio per ricordare il tentativo fallito dei soldati nazisti e ungheresi alleati di evadere da Budapest nel 1945, quando la città fu assediata dall'Armata Rossa.

Il portavoce del governo ungherese Zoltán Kovács ha criticato la copertura mediatica del caso Challis definendolo “un attacco pianificato di sinistra volto a distruggere le buone relazioni politiche italo-ungheresi”.

La procura ungherese ha chiesto una condanna a 11 anni di reclusione per Challis se condannato.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha parlato mercoledì con il primo ministro ungherese Viktor Orbán della detenzione di Challis, ha detto il capo stampa del leader ungherese Bertalan Havasi al sito di notizie locale telex.hu.

All'inizio della settimana, il Ministero degli Esteri italiano ha convocato il viceconsole ungherese per presentare una protesta formale, quando Sallis è comparso in tribunale dopo che i suoi polsi e le caviglie erano stati legati e i suoi movimenti limitati con catene.

In un comunicato il Ministero ha richiamato il diritto europeo e internazionale, che richiama alla necessità di rispettare la dignità dei detenuti “comprese le modalità con cui gli imputati vengono trasferiti in tribunale e le garanzie di un giusto processo”.

In particolare, la Farnesina ha chiesto soluzioni alternative alla custodia cautelare, come gli arresti domiciliari, e ha chiesto che l'accusa venga tradotta in italiano e che gli avvocati di Sallis abbiano accesso ai video dei presunti incidenti.

READ  L'Italia cerca di punire l'uso dell'inglese

Martedì tardi, il governo ungherese si è ribellato, affermando che il trattamento riservato a Sallis era coerente con la gravità delle accuse che deve affrontare: essere membro di un'organizzazione criminale e aver tentato di causare danni fisici, mettendo in pericolo la vita.

In una dichiarazione sui social media, Kovacs ha sottolineato che le condizioni carcerarie di Salis soddisfano tutte le norme dell’UE – in termini di cibo, dignità, igiene e servizi igienico-sanitari – e che gli sono stati forniti degli interpreti.

“Naturalmente, è stata trattenuta in aula e sì, era già detenuta da 11 mesi”, ha detto nella dichiarazione. “Ma 'disumano'? Non proprio, no. Presa sul serio per la gravità del delitto di cui è accusata? Quasi.”

La dichiarazione non affronta le affermazioni del Ministero degli Esteri italiano secondo cui Salis non avrebbe avuto accesso alle riprese video del presunto attacco.

Il caso è delicato per il governo di estrema destra guidato da Maloney, amico di Orbán.

Ma il destino di Salis ha avuto risonanza tra gli italiani comuni e i media. Mercoledì, l'artista di strada Laika ha pubblicato il suo ultimo lavoro su un muro vicino all'ambasciata ungherese a Roma: una figura di donna appesa a una catena simile a quella di Cristo con le parole “Ila Resist” scritte sul suo vestito.

Un rapporto del governo ungherese ha ristampato una foto del murale con l'etichetta di “notizie false”.

Il presidente del Senato Ignacio La Russa, membro del partito Fratelli d'Italia della Meloni, ha affermato che la legge italiana “vieta che i prigionieri vengano ammanettati ed esposti in situazioni umilianti, ma non in Ungheria”.

READ  L'Italia ha battuto la Romania a 14 uomini negli allenamenti della Coppa del mondo di rugby

In un commento alla Rai, La Russa ha invitato il governo a intervenire ulteriormente, ritenendo necessario “rispettare la dignità della persona, anche se detenuta per reati gravi, senza umiliarla”.

Ancor prima che le foto del tribunale di questa settimana finissero sulle prime pagine dei giornali italiani, il caso di Sallis e le sue condizioni carcerarie erano stati sollevati da legislatori di sinistra al Parlamento europeo. Hanno citato notizie secondo cui era stata legata per il collo in una cella con ratti e scarafaggi.

Il rapporto ungherese ha negato la presenza di ratti e che le condizioni fossero molto igieniche, affermando che non si sono verificati focolai di COVID-19 nelle carceri durante la pandemia.

___

Lo scrittore dell'Associated Press Justin Spike ha contribuito da Budapest, Ungheria.