Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Esplora nuovi modi – GulfToday

Abdullah bin Zayed a Expo 2020 Dubai.

Lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha ricevuto il Ministro degli Affari Esteri italiano Luigi Di Maio.

Durante l’incontro tenutosi a Expo 2020 Dubai, i due ministri hanno discusso delle relazioni bilaterali tra Emirati Arabi Uniti e Italia e delle modalità per svilupparle in tutti i campi.

Lo sceicco Abdullah e Di Maio hanno anche discusso di molti temi di interesse comune e di sviluppi regionali e internazionali, nonché della partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai e del ruolo dell’evento internazionale nel rafforzare la cooperazione tra i due paesi in molti campi.

Sua Altezza lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan ha accolto con favore la visita di Di Maio, sottolineando la profondità delle relazioni tra i due paesi amici e il loro reciproco desiderio di rafforzare la cooperazione globale tra di loro.

Poi lo sceicco Abdullah e Di Maio hanno visitato il padiglione italiano a Expo 2020 Dubai, che si trova nell’Opportunity District con il tema “Beauty Connects People”. Lo sceicco Abdullah ha rivisto il design del padiglione, ispirato dalla bellezza del mare, dalla grandezza e dalla creatività degli esploratori, e dai contenuti del padiglione realizzati con materiali ecocompatibili.

All’incontro hanno partecipato Reem bint Ibrahim Al Hashemy, Ministro di Stato per la Cooperazione Internazionale e Direttore Generale di Expo 2020 Dubai, e Omar Obaid Mohammed Hassan Al Shamsi, Ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti in Italia.

L’Italia ha celebrato mercoledì la Giornata nazionale di Expo 2020 Dubai con un tocco di stile italiano, inclusa una performance culturale dei Carabinieri delle forze armate italiane, dopo il Tricolore rosso, bianco e verde ad Al Wasl Plaza.

I Carabinieri si sono esibiti davanti alle autorità emiratine, guidate dallo sceicco Nahyan bin Mubarak Al Nahyan, ministro della Tolleranza e della Coesistenza e commissario generale di Expo 2020 Dubai, e da una delegazione italiana guidata da Luigi Di Maio, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Italia.

Il programma è poi proseguito presso il Business Communication Center dell’Expo, dove si sono tenuti incontri bilaterali e pubblici tra alti funzionari.

Lo sceicco Nahyan ha dichiarato: “La ricca storia e cultura italiana ha ispirato artisti, scrittori e innovatori di tutto il mondo nel corso dei secoli, e questo si riflette nel Padiglione Italia dal design unico. Intitolato “Beauty Connects People”, il padiglione è una vetrina accattivante delle arti e della cultura, dove i nostri visitatori condividono l’idea dell’Italia incantata sulla bellezza attraverso i contenuti curati in modo distintivo della mostra, articola esattamente come l’innovazione e la cultura si intrecciano.

READ  Il governatore Phil Murphy ha criticato la sua partenza per una villa italiana mentre il New Jersey affronta l'aumento del COVID

“A Expo 2020, l’approccio multidisciplinare dell’Italia al suo padiglione e l’attenzione alle opportunità educative, commerciali e culturali rafforzano queste priorità e aprono nuovi orizzonti per un’ulteriore cooperazione tra i nostri Paesi che garantirà il progresso e la prosperità della nostra gente”.

Ha detto che il Padiglione Italia è una vetrina di contenuti accuratamente selezionati e curati, e al centro c’è una replica stampata in 3D della famosa scultura del David di Michelangelo.

A sua volta, Di Maio ha dichiarato: “Expo 2020 Dubai è la prima fiera mondiale che si terrà in Medio Oriente – un hub globale che aprirà opportunità uniche per la ripresa del turismo internazionale e dei flussi di investimenti in questo importante frangente. Quindi, per l’Italia , la nostra presenza a Expo 2020 Dubai offre l’opportunità di raggiungere un pubblico globale. .

Ad Expo 2020 Dubai, inoltre, metteremo in luce la bellezza e la diversità del territorio italiano grazie al supporto e ai contributi qualificati delle regioni italiane nei progetti partecipanti all’Expo. Con oltre 360mila visitatori nelle prime cinque settimane e circa 10mila visite giornaliere, il Padiglione Italia è già uno dei più apprezzati”.

Khalifa Shaheen Al Marar, ministro di Stato, ha invece visitato i padiglioni di Palestina, Libano e Iran a Expo 2020 Dubai, dove è stato informato sulla diversità culturale offerta dai padiglioni di questi paesi ai loro visitatori.

Ha espresso la sua felicità con la partecipazione dei tre paesi a Expo 2020 Dubai, dicendo: “Expo è un’opportunità ideale per rilanciare l’economia globale, poiché questo evento globale costituisce una piattaforma per mostrare le innovazioni e i risultati dei paesi in vari campi, stabilire partnership commerciali, accedere a nuovi mercati e attrarre maggiori investimenti.” Ha spiegato che Expo 2020 Dubai incarna la fratellanza umana nella sua forma migliore attraverso i suoi alti valori che rafforzano le relazioni tra i paesi del mondo e uniscono i popoli del mondo sotto la bandiera della tolleranza, della convivenza e della pace.

Magnetic Maharashtra: nell’ambito dell’iniziativa Magnetic Maharashtra 2.0, la Maharashtra Industrial Development Corporation (MIDC) ha condotto una tavola rotonda per il settore della logistica e del magazzino all’Expo 2020 di Dubai. L’evento, che si è svolto mercoledì al Padiglione dell’India, ha evidenziato e discusso diverse misure politiche e incentivi nel settore della logistica, che il Paese sta offrendo agli investitori globali.

READ  "Non dobbiamo lasciare che una buona crisi vada sprecata".

Rivolgendosi alla Tavola Rotonda, Ajit Patel, GT. Il CEO di MIDC ha dichiarato: “La posizione strategica del Maharashtra e il collegamento senza interruzioni con le regioni geografiche nazionali e internazionali grazie ai suoi collegamenti con porti e aeroporti, lo rendono un luogo ideale per le attività di logistica e magazzinaggio”. Ha aggiunto: “Essendo uno dei centri logistici più avanzati in India, lo stato offre opportunità illimitate a produttori, innovatori e fornitori e stiamo lavorando instancabilmente per rendere l’ambiente più favorevole agli investitori stranieri”.

La politica dei parchi logistici statali del 2018 mira a trasformare i magazzini tradizionali in un’attività logistica integrata a valore aggiunto, per migliorare l’efficienza e garantire la riduzione dei costi logistici, che migliorerà l’infrastruttura logistica completa del paese per fornire un ultimo miglio senza intoppi. Connessione. Secondo la politica industriale del Maharashtra del 2019, la logistica è considerata un settore di pagamento e viene data priorità all’assegnazione delle terre e agli incentivi. Inoltre, MIDC ha riservato più di 500 acri della zona industriale per sviluppare magazzini e strutture logistiche nel paese.

Con un PIL di $ 402 miliardi, il Maharashtra contribuisce alla quota maggiore del PIL nominale del paese. Lo stato ha anche attratto la quota maggiore di IDE tra il 2020 e il 2021 e rappresenta anche il 20% delle esportazioni totali dell’India. Maharashtra è anche leader nella produzione e contribuisce al 15% della produzione industriale del paese. Ha il più alto talento occupabile in India con il 68% di posti di lavoro laureati e offre una forza lavoro della migliore qualità.

Commentando le relazioni tra il Maharashtra e gli Emirati Arabi Uniti, Patel ha dichiarato: “Il paese condivide un rapporto molto stretto con gli Emirati Arabi Uniti, poiché oltre il 17,5% delle esportazioni totali verso gli Emirati Arabi Uniti dall’India proviene dal Maharashtra. Le relazioni bilaterali sono maturate e si sono trasformate in una partnership Una strategia globale mentre i paesi continuano a esplorare una cooperazione più profonda in nuove aree”. “Il Maharashtra è la destinazione di investimento più grande e più attraente dell’India con politiche forti, infrastrutture mature e forza lavoro qualificata”, ha aggiunto.

READ  L'ex primo ministro italiano Berlusconi è stato portato in ospedale - una fonte

Alla tavola rotonda ha partecipato il Dr. B Anbalagan, CEO di MIDC, e ha visto la partecipazione di relatori di spicco tra cui Jitendra Kakuste, Jt MD AITL, Faisal Jassim, Direttore delle vendite, Jafza (DP World), Rajesh Kamath, Direttore del commercio e delle iniziative speciali , Juliens. , Idris Shahpurwala, Direttore delle vendite e del marketing, Saifee Ship Chandlers, Ms. Anjali Ramchandani, DGM – Prezzi e rete, Logistica degli Emirati, Vineet Pagadia, Direttore, Dhruva Media Services, Shirish Nadkarni, Consulente, Dhruva Media Services, Deepan Sharma, amministratore delegato, Captains Shipping Services e Partha S. Pal, Direttore Generale Commerciale, Spedizioni Internazionali e Logistica, e Peggy Joseph, Direttore Generale, Fuji Middle East.

Nel frattempo, la “Settimana del tessile” al Padiglione dell’India all’Expo 2020 Dubai che inizia venerdì (oggi), introdurrà l’India come destinazione di approvvigionamento per l’industria tessile globale.

I programmi di circa una settimana saranno inaugurati dal Ministro di Stato indiano per i tessili, Darshana V Jardosh. Come preludio all’apertura, ha affermato: “L’India è il secondo esportatore di tessuti e abbigliamento al mondo e si sta concentrando sia sulla qualità che sul volume di produzione per diventare un hub manifatturiero globale”.

Ha notato che la Textile Week rappresenta un’enorme opportunità per gli investitori e gli acquirenti globali. “I tessuti indiani sono famosi in tutto il mondo in quanto non solo rappresentano il passato affascinante del paese, ma sono anche in linea con le esigenze dei tempi moderni”.

L’industria tessile è il più grande datore di lavoro in India. Impiega 45 milioni di lavoratori. Gli IDE dell’India consentono un investimento del 100% nell’ambito del percorso automatico nell’intera catena del valore tessile.

Una delegazione di alto livello guidata dal Segretario aggiuntivo indiano presso il Ministero dei tessili, Vijoy Kumar Singh, sarà al Padiglione dell’India all’Expo 2020 di Dubai per tutta la settimana prevista per incontrare le associazioni imprenditoriali globali e le camere dell’industria ed esplorare potenziali relazioni commerciali attraverso programmi di networking di investitori e tavole rotonde.

La delegazione includerà i presidenti dei principali comitati di promozione delle esportazioni in tutto il settore tessile indiano, dai telai a mano alla seta e dal rayon alla iuta.