Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

ESCLUSIVO – L’Italia rischia di non superare la scadenza per il suo piano di ripresa a causa delle preoccupazioni dell’Unione europea, dicono le fonti

Scritto da Giuseppe Fonte e Gavin Jones

ROMA (Reuters) – L’Italia rischia di far cadere la scadenza del 30 aprile per presentare alla Commissione europea una versione finale del suo piano di risanamento perché Bruxelles è insoddisfatta di diversi aspetti delle bozze presentate finora, affermano due fonti vicine alla questione.

Un portavoce del premier Mario Draghi ha negato con forza che la scadenza sarebbe stata rispettata. “Il piano sarà presentato il 30 aprile”, ha detto. Un portavoce del ministero dell’Economia ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è presentarlo il 30 aprile”.

Il ritardo sarebbe un duro colpo per Draghi, entrato in carica due mesi fa e incaricato di mettere a punto il piano elaborato dal governo precedente.

Tutti i 27 paesi dell’UE stanno lavorando ai propri piani nazionali che mostrano come ogni governo vuole spendere la propria quota del piano di prestito congiunto del Fondo europeo di ripresa di 750 miliardi di euro (900 miliardi di dollari).

L’Italia si qualifica per oltre 200 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti a basso costo dal fondo, la fetta più grande di qualsiasi paese dell’Unione europea. I fondi verranno erogati gradualmente nell’arco di sei anni.

“La commissione non è soddisfatta del piano di risanamento così com’è”, ha detto una delle fonti, che ha chiesto l’anonimato per la delicatezza della questione.

La fonte ha detto che Draghi presenterà probabilmente il piano a metà maggio, ma che potrebbe volerci più tempo per superare le obiezioni della Commissione.

Una delle principali preoccupazioni di Bruxelles, ha detto la fonte, è la mancanza di dettagli su come gestire il piano una volta ottenuto l’approvazione dell’UE e la sostanza di alcune riforme specifiche, compreso il sistema giudiziario.

READ  Notizie e indiscrezioni di mercato: i punti salienti del trasferimento di mercoledì: Goretzka al Real Madrid? Da Di Lorenzo all'Atletico?

Un’altra fonte ha anche detto che Bruxelles vuole modifiche al piano, il che richiede tempo, e ha detto che metà maggio ora sembra essere un periodo “realistico” per la presentazione.

L’Italia non aveva precedentemente indicato che potrebbe essere troppo tardi, e Draghi ha detto ai giornalisti l’8 aprile che “il 30 aprile consegneremo il nostro piano”.

Una portavoce della Commissione ha affermato di non avere commenti sul piano italiano in particolare, ma la Commissione ha capito che lo sviluppo di piani di ripresa era un compito difficile per tutti gli Stati membri, concentrandosi anche sull’affrontare la pandemia COVID-19.

Ha detto che mentre i piani dovrebbero essere presentati entro il 30 aprile come regola generale, alcuni paesi “potrebbero aver bisogno di qualche settimana in più e la qualità dovrebbe essere la priorità numero uno”. Ha aggiunto che la Commissione sta attualmente conducendo un “dialogo intenso” con tutti i paesi sulla preparazione dei loro piani.

Felpe da spendere

Il vicepresidente della Commissione Valdes Dombrovskis ha dichiarato venerdì che alcuni paesi dell’UE mancheranno la data obiettivo del 30 aprile, senza specificare quale.

Il compito principale di Draghi nell’insediamento, insieme alla campagna di vaccinazione contro il coronavirus, è stato quello di presentare un solido piano di ripresa per garantire il flusso di fondi dell’UE per liberare finalmente la crescita per un’economia cronicamente stagnante.

I piani nazionali sono le sovvenzioni di spesa e i prestiti che ogni paese dell’UE riceverà da prestiti congiunti senza precedenti da parte della Commissione per ricostruire economie più verdi e digitali dopo la pandemia COVID-19.

Dombrowskis ha affermato nelle sue dichiarazioni di venerdì che il ritardo nella presentazione di alcuni piani non porterà alla revisione del piano nel suo insieme, i cui dettagli richiedono ancora la ratifica da parte dei parlamenti di alcuni paesi.

READ  James Rodriguez è uno dei cinque giocatori dell'Everton in quarantena a causa del Covid-19

Dombrovskis ha affermato che, a condizione che qualsiasi ritardo nella presentazione dei piani non sia troppo lungo e che la ratifica sia completa in tutti gli Stati membri entro giugno, la commissione può effettuare i primi pagamenti a luglio.

($ 1 = € 0,8345)

(Segnalato da Jan Straubschevsky a Bruxelles; a cura di Francis Kerry)