Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Eni promette più gas all’Europa per ridurre la dipendenza dalla Russia

Un ingresso alla raffineria di petrolio Eni di Taranto, Italia meridionale, 21 settembre 2018. REUTERS/Alessandro Bianchi

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Altro gas potrebbe provenire dall’Algeria, dall’Egitto e oltre
  • Eni rafforza i propri obiettivi sulla strada della carbon neutrality
  • Il broker dice che i rendimenti sono in aumento, ma sono ancora deludenti

MILANO (Reuters) – Il gruppo energetico italiano Eni ha dichiarato venerdì che potrebbe fornire all’Europa ulteriore gas per contribuire a ridurre la dipendenza dalle forniture russe dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Quando ha definito la sua strategia fino al 2025, Eni ha promesso agli investitori rendimenti migliori e si è impegnata a continuare il ritmo della sua ambizione climatica di essere carbon neutral entro il 2050.

“Stiamo sfruttando la nostra attività globale di esplorazione e produzione e le nostre partnership con i paesi produttori per creare opportunità di approvvigionamento alternative per l’Europa”, ha affermato il CEO Claudio Descalzi in una teleconferenza.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’Unione Europea, che dipende dalla Russia per il 40% del suo gas e il 27% del suo petrolio, ha proposto piani per sostituire quasi i due terzi delle importazioni russe di gas quest’anno e mira a eliminare gradualmente la dipendenza da tutti i combustibili fossili russi entro il 2027.

Ha aggiunto che Eni potrebbe fornire oltre 14 trilioni di piedi cubi di risorse di gas aggiuntive nel breve e medio termine, anche dall’Algeria, che ha un gasdotto verso l’Italia e l’Egitto, dove Eni è anche attiva.

Le attuali riserve e risorse di gas di Eni ammontano a 50 trilioni di piedi cubi.

READ  Imprenditori: Williamsburg punta sulle relazioni di svago per rivitalizzare l'economia | Notizie, sport, lavoro

Eni potrebbe fornire 15 milioni di tonnellate all’anno di GNL entro il 2025, sulla base dell’aumento della produzione da Congo, Angola, Egitto, Indonesia, Nigeria e Mozambico.

Eni è il più grande produttore estero di petrolio e gas dell’Africa, ha avuto una rapida espansione nel Golfo e punta a crescere in Asia.

“Stiamo aumentando la nostra produzione di gas e invieremo in Italia e nel sud Europa tutto il gas che abbiamo scoperto”, ha detto Descalzi.

guida verde

Ma Eni ha detto che produrre più gas non significherebbe rinunciare agli obiettivi climatici dell’azienda. Come i suoi colleghi, Eni sta rivedendo la propria attività nel settore petrolifero e del gas e si sta rivolgendo alle energie rinnovabili e alle basse emissioni di carbonio che costituiranno la spina dorsale dell’azienda in futuro.

Ha affermato che avrebbe ridotto le emissioni assolute del 35% entro il 2030, dai livelli del 2018, e dell’80% entro il 2040, fornendo obiettivi più severi di quanto precedentemente annunciato.

Ha aggiunto che i piani per quotare Eni energia rinnovabile e vendita al dettaglio stanno andando avanti nonostante la crisi ucraina ed è stato presentato un documento di registrazione per il processo.

Descalzi ha affermato che la società prevede di creare un’attività di mobilità sostenibile che combini biocarburanti e distributori di benzina, aggiungendo che è troppo presto per dire se questo possa essere incluso.

Eni sta smantellando asset per aiutare a finanziare le energie rinnovabili e le attività a basse emissioni di carbonio. Prevede di raccogliere 3 miliardi di euro (3,3 miliardi di dollari) da tali mosse per gestire i portafogli entro il 2025.

Insieme ai piani per il riacquisto di azioni per un valore di 1,1 miliardi di euro che potrebbero aumentare se il greggio Brent rimane al di sopra dei 90 dollari al barile, il gruppo ha aumentato il suo dividendo annuale a 0,88 euro per azione da 0,86 euro.

READ  I principali paesi europei accettano la proposta degli Stati Uniti per un'aliquota minima di imposta sulle società di almeno il 15%

“L’aggiornamento … non è stato all’altezza delle nostre aspettative a causa di un aumento inferiore al previsto dei bonus per gli azionisti e della minore crescita della produzione a monte”, ha affermato il broker Jefferies.

Eni ha affermato che la sua produzione di petrolio e gas crescerà a un tasso del tre per cento all’anno nei prossimi quattro anni, in calo rispetto al quattro per cento del piano precedente.

Il titolo Eni ha chiuso in ribasso del 2,9% mentre l’indice europeo Oil and Gas (.SXEP) è sceso dello 0,7%.

(1 dollaro = 0,9062 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riferisce Stephen Geox. Scritto da Keith Weir. Montaggio di Jonathan Otis e Edmund Blair

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.