Luglio 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Eli Lilly, imprenditore che produce anticorpi monoclonali: “In Italia, se prendo un’ambulanza, mi arrestano” – Corona virus

Aldo Braca è il titolare di BSP Pharmaceuticals, dove viene prodotto l’anticorpo del giglio di ratto, che arriva in tutto il mondo, tranne l’Italia, dove non è accreditato. L’azienda farmaceutica italiana AIFA non ha ufficialmente approvato la ricerca, che potrebbe richiedere diversi mesi. Passetti, direttore generale dell’Ospedale San Martino Malattie Infettive, dice: “Non ha senso, e c’è una questione etica: perché dare un placebo quando i pazienti hanno cure curabili?” Verità quotidiana, Citato da Radar.
“Ho anche parenti che erano cowboy, sai?” Ma ho mille dipendenti che controllo ogni mattina, e molti si sono ammalati e hanno rischiato la vita per andarsene da qui. La mia fabbrica produce medicine curabili istantaneamente. Sai cosa mi succederebbe se lo portassi fuori da questo cancello? Mi stanno arrestando perché non è riconosciuto in Italia “.

Aldo Praca è il proprietario di BSP Pharmaceuticals a Latina, che era popolare durante il periodo Kovit perché i camion refrigerati che trasportavano anticorpi monoclonali di giglio di ratto partono in tutto il mondo, tranne l’Italia, dove AIFA non è autorizzata a utilizzare questo trattamento. Recenti studi pubblicati confermano una riduzione del 70% del rischio di morte, ma gli ospedali latini vanno in Francia per la denominazione e poi negli ospedali negli Stati Uniti, Canada, Israele, Germania, Regno Unito e Ungheria. Non in italiano. “Da quando ho iniziato a spedire prodotti all’estero, non riesco a dormire la notte. Mi dà fastidio dieci volte, non una. Scrivilo anche tu. Ma ti prego di aggiungere che l’Italia ha bisogno di svegliarsi”.

L’imprenditore latino non ha pensato che fosse un affare semplice quando una multinazionale di Indianapolis ha chiesto 100.000 dosi di Pamlanivima al mese da uno dei due trattamenti riconosciuti al mondo contro la covit. “Era settembre e gli ospedali hanno ripreso a esplodere. Ho chiesto ancora se questo prodotto sarebbe stato utilizzato anche in Italia. A cui hanno risposto:” Certo che lo forniremo e poi deciderà il ministero, ma lo proporremo. “

READ  Francesco Azerbai: il “Leone” vincitore del Cancro come pilastro della difesa dell'Italia | Italia

Nonostante la casa farmaceutica, che dipende dal ministero, abbia fornito le fiale gratuitamente a questo scopo, su iniziativa del virologo Guido Sylvester, il test non è stato approvato e quindi non ha trovato pace. Da Atlanta, chiede di scoprire chiaramente chi è responsabile del ritardo nell’accesso alle cure e delle vite che potrebbero essere salvate da questo trattamento.

L’eccessiva prudenza e burocrazia, inspiegabili conflitti di interesse tra i decisori pubblici, non capiscono bene cosa e come. La verità è che la confusione di alcuni ha seguito la rabbia di molti. Ma nel frattempo a nessuno importa della distribuzione. “Con l’aumento dei ritardi nelle vaccinazioni, aumenta la domanda globale di anticorpi. Ho ancora la capacità di produrre, ma dopo Trump l’amministrazione Biden ha immediatamente selezionato due milioni di dosi in più, ora in Germania. Saranno concordati dai paesi”, avverte Praga.

Il controllore generale non ha fretta. A partire dal 21 gennaio, l’AIFA ha pubblicato un “invito per test randomizzati” per gli anticorpi monoclonali. Mentre gli studi di Fase 3 hanno confermato l’efficacia degli anticorpi, la richiesta per la rimozione forzata di alcune anime tese da parte del presidente Giorgio Bale a causa di questa vicenda ha confermato l’efficacia degli anticorpi, ei paesi europei, guidati dalla Germania, hanno iniziato a fornire ospedali senza in attesa di approvazioni europee.

La scadenza del 21 febbraio è stata immediatamente modificata, con 15 scelte: “A causa delle richieste di diversi ricercatori di avere più tempo per sviluppare e presentare il loro piano di ricerca”, spiega AIFA. L’azienda, che per diversi mesi aveva trascurato questo processo, ha quindi citato questioni normative e dubbi sulla sua efficacia e ora si è trovata in fila per l’utilizzo di anticorpi monoclonali.

READ  Squadra Italia Euro 2020: 26 convocati in vista del torneo 2021

Matteo Pacetti, direttore del reparto di malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Genova, racconta: “Quando ho letto questo annuncio sono rimasto sbalordito. Non ha più senso proporre un protocollo di ricerca sui farmaci la cui efficacia è stata dimostrata da dati terziari verificati ed è già utilizzata come trattamento da altri paesi come la Germania. Con 500 morti al giorno, cosa facciamo? Secondo protocollo AIFA – Stiamo aspettando i risultati dello studio che può durare fino a 12 mesi? “.

Il test (in ritardo) presenta anche un problema di protocollo. “Come posso chiedere a un volontario di accettare un placebo fintanto che ho già la medicina per curare i malati?” Invece di perdere tempo, Bassetti conclude che dovrebbe essere avviato un piano completo di uso compassionevole. “Come medici siamo interessati a una cosa: i pazienti hanno bisogno di cure salvavita. Ora, non tra sei mesi”. Fatto quotidiano (Prendi il radar)