Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Dog Power’: il trionfante ritorno cinematografico di Jane Campion cerca di dedicarsi agli Oscar | civiltà

'Dog Power': il trionfante ritorno cinematografico di Jane Campion cerca di dedicarsi agli Oscar |  civiltà
La regista Jane Campion durante le riprese di “The Power of a Dog”.KIRSTY GRIFFIN / NETFLIX © 2021 (AP)

Jane Campion era circondata da volti familiari nella foto. Ma allo stesso tempo era sola. Era accompagnata da uomini famosi in giacca e cravatta, come David Lynch e Ken Loach. Sono tutti uomini. Decine di registi e creatori: lei. “Era spaventoso, per tutti credo. Se non ci sono donne, nessuno ci pensa. Ma se si fa vedere una, sei costretta a vederlo”, ha detto il 67enne neozelandese a EL PAÍS durante il Venezia Festival del cinema a settembre.

La foto è stata scattata a Cannes nel 2017, quando il festival francese ha riunito tutti i vincitori della Palma d’Oro per celebrare il suo 70° anniversario. A quel tempo, l’unica donna vittoriosa era Campion, grazie a il piano (1993). Oltre a perpetuare sette decenni di disuguaglianza, il quadro è servito anche a riassumere la carriera stessa di Campion: un compositore diverso e non ortodosso, spesso ai margini. Forse per questa dimenticanza.

Persino potere del caneQuesta domenica, è in cima alla lista dei favoriti per aver vinto un Oscar per il miglior film e il miglior regista. In totale, Gharbia ha raccolto 12 nomination, lo stesso numero di anni dal suo ultimo film.

I bookmaker si aspettano che vinca almeno un Oscar per la migliore regia, come è successo alla Mostra del Cinema di Venezia. Sarà la terza regista donna a vincere il premio, dopo Kathryn Bigelow Armadietto del dolore Nel 2010 e Chloé Zaho per beduino nel 2021.

Ma soprattutto, il premio rappresenterebbe il riconoscimento da parte di Hollywood di una regista che, a 67 anni, ha realizzato il miglior film della sua carriera, secondo la maggior parte della critica.

“Quando stavo parlando con Annie Proulx [the author of the novel Brokeback Mountain] A proposito di invecchiare, avendo appena compiuto 86 anni, le ho chiesto una mancia. E lei mi ha detto: “I tuoi anni sessanta e settanta sono decenni meravigliosi, sei in una posizione ideale per guardare in profondità nelle cose. Nei tuoi anni ottanta sei più arrugginito. Ed è vero. La mia memoria non è più così nitida, ma ho ho notato che sono più saggio e ho più equilibrio”, ha spiegato Campion. Al festival italiano, non sono più così disperato di ottenere l’approvazione.

Basato sull’omonimo romanzo di Thomas Savage, potere del cane È la storia di due fratelli, una vedova e suo figlio. Ma a un livello più profondo, è un riflesso dell’identità e della mascolinità, le prigioni dalle quali non si può scappare, nemmeno nelle pianure del selvaggio West.

Campion è tornato sul set del film potere del cane Per la prima volta da allora stella luminosauscito nel 2009. Quando ha parlato con EL PAÍS a Venezia, ha indicato di aver filmato anche il programma televisivo in cima al lagostessa configurazione tecnica. Anche se c’è una differenza. “Nel film, hai due ore per collegare tutto. Lo adoro e un po’ mi manca. Quando inizio a vedere qualcosa su Netflix o ovunque, cerco sempre di guardare un film”.

Per quanto riguarda la piattaforma di trasmissione, il regista ha solo parole di gratitudine. A differenza dei registi che hanno criticato il gigante dell’intrattenimento, come Christopher Nolan, è al fianco di Alfonso Cuarón o Paolo Sorrentino, che sono riusciti a svolgere il loro lavoro più personale lì. “Nolan fa film di successo”, ha detto. “Ma se ti impegni a realizzare storie complesse, come me, è inestimabile che Netflix sia interessato. Non avrei potuto farne a meno. Questo tipo di cinema ha bisogno di più appetito. E prima o poi tutti i film online, anche Nolan’s, finiscila”.

Polemica sulla sorella Williams

Il regista spesso esprimeva liberamente la sua opinione. Pochi giorni fa, l’ho fatto di nuovo sulle sorelle Williams, che sono state scelte per l’ennesimo film che è in procinto di essere nominato per gli Academy Awards domenica, Re Riccardo. Ai Critics’ Choice Awards, la Campion ha detto di essere “onorata” di essere nella stessa stanza con le stelle del tennis Venus e Serena, ma poi ha dichiarato che “non giocano contro giocatori come me”. In seguito si è scusata per il commento controverso, ma l’ingiustizia faceva parte della sua carriera e della vita di molte altre donne.

Sono cresciuta negli anni ’70, quando il femminismo era una nuova ondata, ma in qualche modo è crollato. Era chiaro che il potere non era qualcosa a cui gli uomini si sottoscrivevano facilmente. Per gran parte della mia carriera, la percezione è stata che solo gli uomini fanno buoni film e che i nostri sono stupidi. “Penso che stia cambiando e tutti noi beneficiamo dell’uguaglianza”, ha detto a settembre.

Oltre al patriarcato, la regista ha spiegato di dover affrontare altri problemi quotidiani durante le riprese. “Ti prendi la responsabilità e la preoccupazione con te”, ha detto. “Sviluppi costantemente strategie in modo che ogni sequenza abbia le migliori possibilità possibili. Se la giri e non va bene, sai che il film non sarà quello che avrebbe potuto essere. È un peso, ma tu non puoi scaricarlo sugli attori. Hai bisogno di un dottore. Un buon sensitivo. E devi esserlo allo stesso tempo. Ed essere gentile. Ognuno fa del suo meglio, e se qualcuno impazzisce, è perché ha paura di non farlo. ottenere il meglio da se stessi. Non giudico né critico mai il resto della squadra. Li rispetto”. Attualmente, il suo stile merita un Oscar per Concord. Per gli altri premi bisognerà attendere la cerimonia.

READ  Luca Guadagnino giudica i Wallpaper * Design Awards 2022