Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come il cibo italiano come pizza e pasta è diventato americanizzato

Come il cibo italiano come pizza e pasta è diventato americanizzato

L’ispirazione per il libro di Ian McAllen è venuta una notte di diversi anni fa davanti a un piatto di parmigiano di vitello all’ormai chiuso West Village Trattoria Spaghetto.

“Sapevo che ti avrebbero guardato in modo strano se l’avessi chiesto in Italia”, dice McAllen, che è di origine italiana. “Ma [veal Parmesan] Era un cibo diverso da quello che io e mia moglie avevamo quando eravamo in Italia. Ho iniziato a cercare su Google le origini del cibo italo-americano e non ho avuto buone risposte. Da lì, è sfuggito di mano. Prima che me ne rendessi conto, stavo scrivendo un libro”.

“Red Sauce: How Italian Food Became American” (Rowman & Littlefield) è l’affascinante risultato, uno sguardo ben studiato su come la cucina italiana degli immigrati è diventata popolare in America, dove pasta e pizza sono ora sinonimo di “cibo americano”.

Mentre gli immigrati italiani si dirigevano verso le coste americane, spesso erano gli uomini a portare avanti le proprie famiglie da soli. Quando sono arrivati, hanno improvvisamente scoperto di essere in grado di sopportare un tenore di vita completamente diverso.

Mulberry Street, casa di Little Italy, nel 1900 è il luogo in cui molti italiani vennero per la prima volta a New York e scoprirono cibi nuovi ed eccitanti da aggiungere alla loro cucina.
Mediadrumimages / Società fotografica di Detroit

“Avevano soldi da spendere. All’epoca, l’Italia tassava il cibo che avresti coltivato nel tuo orto”, afferma McAllen. “Venivano a New York e improvvisamente potevano comprare carne tutto il tempo: avevano accesso a tutti questi cibi che non avevano mai mangiato prima. Poi sono arrivate le famiglie e il cibo è diventato un modo per celebrare il ricongiungimento familiare”.

La popolarità della salsa rossa di Chef's Boy-Ar-Dee portò al commercio di conserve alimentari e in seguito a un contratto di ristorazione con le forze alleate durante la seconda guerra mondiale.
La popolarità della salsa rossa di Chef’s Boy-Ar-Dee portò al commercio di conserve alimentari e in seguito a un contratto di ristorazione con le forze alleate durante la seconda guerra mondiale.
Getty Images

Un capitolo discute il maestro uomo d’affari Ettore Boyardi, meglio conosciuto come Chef Boy-er-Di di fama Spaghettius. Il Giardino d’Italia al Boiardi di Cleveland era così popolare negli anni ’20 che i clienti si presentavano con brocche di latte vuote, chiedendo l’elemosina per la sua salsa rossa. Ciò alla fine portò al commercio di cibo in scatola e in seguito a un contratto di fornitura alle forze alleate durante la seconda guerra mondiale. Le truppe statunitensi di ritorno ora avevano una brama di spaghetti in scatola, che cercò nei nuovi ristoranti italo-americani che stavano aprendo in tutto il paese.

READ  Il Music World Tour introduce la musica popolare italiana agli studenti della regione
Lo chef e imprenditore Ettore Boiardi, noto anche come Chef Boy-Ar-Dee, ha reso popolare il cibo italiano negli Stati Uniti.
Lo chef e imprenditore Ettore Boiardi, noto anche come Chef Boy-Ar-Dee, ha reso popolare il cibo italiano negli Stati Uniti.

“Nei giornali femminili dell’epoca c’erano spiegazioni su come si pronunciavano le parole ‘lasagna’ e ‘pizza’”, dice McAllen. “Spaghetti, polpette e salsa di pomodoro erano alcuni dei pochi cibi etnici finiti in un militare ricettario.” (Acquired Foods aumentò di popolarità anche negli anni ’20, quando una pubblicazione chiamata The New Macaroni Journal pubblicò due delle ricette preferite della star del cinema muto Rodolfo Valentino; se piacevano a una celebrità, devono essere buone).