Agosto 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dall’arte virale alle palle da tennis di protesta: il Museo della Nuova Zelanda raccoglie la storia vivente del Covid | Nuova Zelanda

unSu un tavolo in una stanza sul retro del Museo Nazionale della Nuova Zelanda, Te Papa Tongariwa, c’è una borsa di tela decorata con l’immagine del Primo Ministro Jacinda Ardern come Wonder Woman. Sotto le sue braccia corazzate le parole “Vai duro, vai presto” – pesca all’inizio del 2020 Per frenare la diffusione del Covid-19 il Paese ha adottato rapidamente.

Accanto alla borsa c’è un set di tre palline da tennis, con frasi scritte quasi a pennarello: “Non siamo d’accordo”; “Giù le mani ai nostri figli”; Pfizer uccide. I manifestanti anti-vaccino hanno lanciato queste palle ai giornalisti durante una protesta alla fine del 2021, segnando l’inizio di un crescente malcontento tra alcuni gruppi sui vaccini e sul modo in cui è stata gestita la pandemia.

Fianco a fianco, le cose rappresentano l’arco narrativo dell’epidemia in Nuova Zelanda in due anni: dalla coesione sociale iniziale che non si vedeva dai tempi della guerra, con la popolazione che si prepara a fare un passo indietro dal leader della propria nazione, all’erosione della solitudine e al passaggio da direzione Sfiducia nei confronti dei media e delle istituzioni.

Gli oggetti fanno parte della collezione di storia del Covid-19 ampliata di Te Papa, che mira a catturare l’esperienza della pandemia della Nuova Zelanda, dalla prosa alla poetica e alla politica.

Borsa tote Jacinda Ardern Great Woman con lo slogan “Go Hard, Go Early”. Fotografia: Hagen Hopkins

La fan art si concentra sul direttore della sanità pubblica del paese, la dottoressa Ashley Bloomfield, con il viso inciso su uno strofinaccio; Ci sono complessi “virus” creati dall’artista tessile Joe Dixie; maschere per il viso con lettere ricamate; Magliette e manifesti antirazzismo invitano lo Stato a “restare a casa e salvare vite”.

Alcuni elementi raccontano una singola storia, altri provocano un’ampia discussione e molte cose si richiamano e si rispondono l’una all’altra. Per Te Papa, ogni oggetto, in polvere, acquistato o regalato, è un altro colore nel dipinto utilizzato per dipingere l’immagine di un paese colpito da una pandemia, mentre ancora vive nel mezzo di essa.

Quando la nazione ha chiuso i battenti nel marzo 2020, lo hanno fatto anche istituzioni come Te Papa. Tutte le acquisizioni si sono interrotte bruscamente, ma il museo sapeva che doveva iniziare a creare una registrazione dell’evento.

La curatrice di papà, Claire Regnoult, con Textile Viruses creata da Joe Dixie.
La curatrice di papà, Claire Regnoult, con Textile Viruses creata da Joe Dixie. Fotografia: Martin Hall, T Papa

“[We] “Sapevamo di trovarci in tempi strani e senza precedenti, e questo è stato un evento storico”, afferma Claire Regnoult, curatrice senior della mostra.

Il team ha deciso gli argomenti che voleva documentare, tra cui la vita in isolamento, la risposta del governo, i messaggi spontanei della comunità nelle strade cittadine, le prospettive Maori e le esperienze delle minoranze etniche. Gli argomenti si sono ampliati con lo sviluppo della pandemia per includere l’introduzione del vaccino e il sentimento anti-vaccino.

“Ciò che è diventato chiaro è la quantità di creatività che è andata avanti durante il blocco in risposta sia al blocco che alle preoccupazioni per il virus”, afferma Regnault.

Regnoult si riferisce alle intricate e belle incisioni tessili di virus di Dixie: alcuni ricamati, altri fatti di perle, rivetti o filo metallico. “Questa è stata una cosa grandiosa perché ci aiuta a ‘vedere’ il virus, o a personificarlo e poi essere in grado di parlarne”.

Altri oggetti della collezione cercano di dimostrare un’evoluzione stilistica: maschere per il viso e dispositivi di protezione individuale diventano rapidamente tele delle persone su cui proiettare la propria identità culturale o politica.

“Cerchiamo di avere più voci e cose che hanno più prospettive”, afferma Regnault.

Per alcuni neozelandesi, l’epidemia è iniziata molto prima di raggiungere le coste della Nuova Zelanda. Per mesi, i neozelandesi cinesi sono stati in contatto con familiari e amici in Cina che erano già malati o stavano morendo a causa del virus.

Grace Gassen con una bambola che indossa una maglietta dice: Sono di Wuhan - Questa città non è un virus, non sono un virus.
La curatrice Grace Jassin indossa una delle maglie della collezione Covid Te Papa. Fotografia: Hagen Hopkins

Quelle esperienze, che avrebbero dovuto suscitare simpatia, sono state spesso sopraffatte da una reazione razzista.

“Qualcosa che è stato chiaro nelle nostre comunità è il modo in cui il virus è stato razzializzato”, afferma Grace Jasin, curatrice di Asian History of New Zealand a Te Papa, che assicura che il gruppo catturi queste opinioni.

“I virus non hanno razza, ma ci sono state molte conversazioni in uscita dagli Stati Uniti con Trump che parlava del ‘virus cinese’ o della ‘influenza Kung’… La Nuova Zelanda non è un luogo isolato, siamo collegati a livello globale, quindi anche quei messaggi vengono filtrati.”

Le esperienze dei neozelandesi asiatici nel gruppo non si limitano alle risposte al razzismo. Ma due degli oggetti più sorprendenti sono una maglietta realizzata dall’artista neozelandese-cinese Kat Xuechen Xiao, originaria di Wuhan, decorata con la frase “Sono di Wuhan – questa città non è un virus, non sono un virus”, e una maglietta realizzata dalla scrittrice Helen Wong con il testo. Non vengo da Wuhan, butta la forchetta”.

L'ingresso principale di Te Papa Tongawera
Le istituzioni custodiscono la nostra memoria collettiva: Te Papa Tungawera a Wellington. Fotografia: Hagen Hopkins

Mantieni viva la memoria

Linda Tyler, storica dell’arte e sostenitrice dei musei e del patrimonio culturale presso l’Università di Auckland, afferma che musei come Te Papa si stanno spostando da un atteggiamento coloniale e reale verso il collezionismo a uno più collettivo e sfumato.

“Questi oggetti fisici che fanno parte di un tempo e di una cultura custodiscono ricordi e le istituzioni custodiscono la nostra memoria collettiva”, afferma.

“Non tutti noi possiamo essere responsabili del traffico [these memories] alle generazioni future, quindi se la fondazione è in grado di farlo, è molto importante per tutti noi sapere chi siamo e poterci pensare in modo significativo in futuro. “

Dice che il coinvolgimento del pubblico nella composizione del gruppo dà anche ai residenti un senso di appartenenza alla sua narrativa.

“Le persone sono più influenzate dalle storie di persone comuni come loro, piuttosto che fissare le fortune di re e regine”.

Borsa a mano con disegno di Ashley Bloomfield e frase
Borsa tote Ashley Bloomfield “The Curve Crusher”. Fotografia: Hagen Hopkins

La collezione Covid-19 è una cosa vivente – mentre il mondo si evolve con la pandemia, così è la mostra.

Per costruire una collezione, mentre è ancora nel bel mezzo di un evento, sfida il curatore ad anticipare ciò che le generazioni future vogliono sapere in un momento storico, cercando di mantenere un livello di sensibilità mentre le persone stanno ancora lottando con la crisi. Consente inoltre ai collezionisti di collezionare oggetti e oggetti che sono fugaci in questo momento.

“Raccogliamo ciò che possiamo ora – cose che riteniamo interessanti o importanti – ma sappiamo che tra 10, 30, 80 anni le persone verranno da noi e diranno: ‘L’ho ricevuto da mia nonna dalla pandemia di Covid’, quindi stiamo lavorando da una prospettiva lontana”, afferma Regnault.

I curatori spesso guardano al materiale degli eventi passati per informare le lacune che devono essere colmate nella collezione contemporanea e per vedere cosa è interessante rivisitare.

“Ma a volte è proprio quello che puoi avere”, dice Regnoult.

READ  La guerra russo-ucraina: cosa sappiamo il giorno 60 dell'invasione russa | Russia