Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Richard Marles accusa Pechino di violare le regole dell’Onu con manovre di Taiwan

Riferendosi alle tensioni globali su Taiwan e Ucraina al vertice dell’Asia orientale in Cambogia, Wong si è ritirato dal discorso del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. I ministri degli Esteri russo e cinese si sono ritirati dalle dichiarazioni del loro omologo giapponese.

Il governo australiano non ha appoggiato né criticato la controversa visita della Pelosi a Taipei mercoledì – durante la quale ha fatto arrabbiare Pechino affermando l’impegno “rivestito di ferro” degli Stati Uniti per la democrazia a Taiwan – ma i recenti commenti di Marlisse respingono l’affermazione centrale nello spettacolo cinese di potenza.

Collegando lo Stretto di Taiwan e lo Stretto di Torres, Marlis ha inviato a febbraio all’Esercito popolare di liberazione un cacciatorpediniere missilistico guidato e una nave d’assalto anfibia.

Sebbene l’Australia si sia lamentata del fatto che una nave cinese abbia utilizzato un laser contro un aereo di sorveglianza della RAAF, accecando potenzialmente l’equipaggio, ha accettato il diritto delle navi di passare attraverso lo stretto di Torres.

“Abbiamo visto una nave militare cinese attraversare lo stretto di Torres quest’anno in conformità con il diritto internazionale e non presentiamo un reclamo al riguardo”, ha affermato Marles.

Caricamento in corso

“Ma le regole della strada si applicano ovunque e si applicano anche nello Stretto di Taiwan”.

Anche l’aviazione cinese ha rischiato una collisione nello spazio aereo internazionale a maggio inviando un jet da combattimento J-16 per intercettare un aereo da ricognizione RAAF P-8 Poseidon. Il J-16 volò davanti all’aereo australiano e rilasciò “buccia” inclusi frammenti di alluminio che potrebbero danneggiare i motori di Poseidon.

Alla domanda se l’Australia avrebbe cambiato il modello dei suoi voli di ricognizione in risposta a questa obiezione, Marlis ha affermato che le operazioni continueranno perché ha migliorato la libertà di navigazione nello spazio aereo internazionale.

READ  I passeggeri e l'equipaggio sopravvivono a un incidente aereo in Texas

“Con questo volo, abbiamo agito in conformità con il diritto internazionale nello spazio aereo internazionale e abbiamo affermato la libertà di navigazione, in questo caso la libertà di sorvolo nelle acque internazionali e nello spazio aereo”, ha affermato.

“Questo non è un concetto esoterico in Australia. Gran parte della nostra prosperità deriva dal commercio con l’Asia orientale e ovviamente la stessa Cina, nonché Corea e Giappone, due dei nostri cinque maggiori partner commerciali. Pertanto, gran parte della nostra prosperità dipende dalla stabilità fornita dalle regole dell’ordine mondiale esistenti nel mondo, in particolare nell’Asia orientale.

“È importante che vengano enfatizzate le regole della strada, ed è quello che stiamo facendo. È quello che continueremo a fare. Voglio dire, è lì che risiede il nostro interesse nazionale”.

La Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare è stata al centro di una sentenza del 2016 della Corte permanente di arbitrato dell’Aia che ha respinto le pretese di sovranità della Cina su gran parte del Mar Cinese Meridionale. Ma la Cina ha rifiutato di riconoscere la sentenza e ha continuato a costruire basi militari in acque internazionali.

Parlando nel 2016 come portavoce della difesa del Labour, Marlis ha affermato di ritenere che la Royal Australian Navy dovrebbe condurre esercitazioni sulla libertà di navigazione in quelle acque. Ha mantenuto quella posizione nella sua intervista di questa settimana.

Caricamento in corso

“Era una dichiarazione provvisoria che quelle opzioni dovrebbero essere sul tavolo per principio e che il mio punto di vista non è cambiato”, ha detto.

“Ovviamente ora ho familiarità con i dettagli di ciò che stiamo facendo e non posso discuterne in generale.

READ  Un generale australiano ha affermato che la presenza militare cinese nelle Isole Salomone costringerà l'Alleanza delle forze democratiche a ripensare

“Ma quello che possiamo dire è che le attività che sta svolgendo l’ADF riguardano l’affermazione dell’ordine globale basato su regole, in questo caso la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare e la libertà di navigazione, la libertà di sorvolo, e che da quello.

“Ed è di fondamentale importanza per l’Australia. Mi è stato detto, all’opposizione e ora al governo, dove risiede il nostro interesse nazionale in Cina. Anche questo fa parte del modo in cui funziona la diplomazia: spiega con rispetto ma con fermezza come vediamo il nostro interesse nazionale e come continueremo ad affermarlo”.

Vai oltre il clamore della politica federale con notizie, opinioni e analisi di esperti di Jacqueline Malley. Gli abbonati possono iscriversi alla newsletter settimanale di Inside Politics qui.