Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dal sedano al prezzemolo: tutti gli alimenti che possono causare brutte condizioni alla pelle se tagliati al sole… dopo che il medico avverte di un aumento della “bruciatura della margarita”

Dal sedano al prezzemolo: tutti gli alimenti che possono causare brutte condizioni alla pelle se tagliati al sole… dopo che il medico avverte di un aumento della “bruciatura della margarita”

Coloro che amano sorseggiare margarita al sole saranno senza dubbio preoccupati dai recenti rapporti che collegano la loro bevanda preferita a antiestetiche eruzioni cutanee.

Il dottor Brandon Adler, assistente professore di dermatologia presso la Keck School of Medicine della University of Southern California, ha recentemente messo in guardia dall’aumento dei casi di una condizione della pelle chiamata dermatite da fotocontatto o “ustione di margarita”.

Questa condizione si verifica quando i residui di agrumi, come limone e lime, entrano in contatto con la pelle e reagiscono con il sole, provocando un'eruzione cutanea rossa e pruriginosa che assomiglia a una grave scottatura solare o un eczema.

Ciò significa che chi prepara bevande agli agrumi sotto il sole è particolarmente a rischio.

Nei casi più gravi, si sviluppano in vesciche, ha detto il dottor Adler.

Ma nonostante l’attenzione si concentri sulla bevanda contenente limone, gli esperti dicono che ci sono molti alimenti che possono scatenare questa strana reazione.

La dermatite da fotocontatto può essere causata da numerosi alimenti tra cui fichi, sedano e persino carote

A parte lime, prezzemolo, sedano, fichi, pastinaca, carote, fagioli e achillea, tutti possono interagire con la pelle causando dermatite da fotocontatto.

Contengono tutti una molecola organica chiamata furanocumarina.

Si ritiene che alcune piante producano queste molecole come forma di difesa evolutiva contro gli animali che potrebbero mangiarle, secondo una ricerca dell'istituto Università dell'Illinois.

Esistono anche altre sostanze non alimentari che possono causare dermatite da fotocontatto, comprese alcune creme medicate e persino creme solari.

Il dottor Adler ha detto a DailyMail.com che le persone che reagiscono a queste sostanze di solito lo fanno perché hanno sviluppato un'allergia a queste sostanze che divampa solo se esposte alla luce solare.

READ  La NASA attende con impazienza il prossimo test del veicolo, l'integrazione HLS

Quando le persone reagiscono alla protezione solare, di solito si tratta di un'allergia alle fragranze aggiunte al prodotto. È improbabile che tu possa infiammarti a causa della crema solare, ha sottolineato Adler.

“Ciò non significa in alcun modo che i filtri solari siano pericolosi o che debbano essere evitati. Al contrario, come dermatologo, consiglio di usare la protezione solare quotidianamente per prevenire il cancro della pelle.

Secondo i dati, queste reazioni hanno colpito circa il 5-6% della popolazione generale Rete dermatologica.

Ma, ha detto Adler, potrebbe essere più comune di quanto i medici credano, perché molti pazienti non cercano un aiuto professionale per la condizione, dando per scontato che si tratti di una scottatura solare.

Il dottor Brandon Adler, assistente professore di dermatologia presso la Keck School of Medicine della University of Southern California, ha avvertito di un aumento

Il dottor Brandon Adler, assistente professore di dermatologia presso la Keck School of Medicine dell'Università della California del Sud, ha avvertito di un aumento delle “bruciature da margarita” a causa dell'aumento delle temperature negli Stati Uniti.

Il modo principale per sapere se sei stato colpito è prestare attenzione allo schema dell'ustione. Queste ustioni di solito appaiono “striate, come succhi che scendono lungo la pelle”, ha detto Adler. O semplicemente come una macchia scura molto insolita sulle zone del corpo che sono state contattate.

Se sospetti di aver toccato qualcosa che sta scatenando questa riacutizzazione, il primo passo fondamentale è lavarti da tutto ciò con cui potresti essere entrato in contatto, ha detto Adler.

Una volta che la pelle è pulita, dovrebbe essere al riparo dal sole.

Quindi, nella maggior parte dei casi, queste eruzioni cutanee si estinguono entro pochi giorni o settimane. Nella maggior parte dei casi, queste reazioni non richiedono alcun farmaco, ma Adler consiglia di stare lontano dal sole.

READ  Gli scienziati scoprono una fonte d'acqua nello spazio che è tre volte più grande degli oceani terrestri

Con l’avvicinarsi della stagione soleggiata negli Stati Uniti, Adler si aspetta un aumento, come avviene ogni anno. Assicurati di essere pronto.