Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Da Superman a Gesù: come il desiderio di qualcos'altro ha superato la mia fascinazione per la grandezza: bontà | Max Jeganathan

Da Superman a Gesù: come il desiderio di qualcos'altro ha superato la mia fascinazione per la grandezza: bontà |  Max Jeganathan

Ho sempre amato Superman. Energia. la velocità. Si tratta di “il bene combatte il male”. Crescendo, la storia mi ha fornito la perfetta combinazione di ispirazione ed evasione.

Alle elementari avevo una posizione poco invidiabile essendo il bambino più basso della classe. Fortunatamente, ho sempre avuto grandi amici e buoni insegnanti, ma essere un giovane rifugiato in un paese pieno di atletismo, forza e abilità non era la ricetta migliore per la fiducia in se stessi. Uno dei miei meccanismi di coping era immaginare di essere Superman. Aveva proprio la giusta quantità di ciò che pensavo mi avrebbe reso perfetto: altezza, forza, velocità, popolarità e, naturalmente, la capacità di volare.

Col tempo, i miei eroi sono diventati meno belli ma più importanti. Meno conosciuto ma più incoraggiante. Meno appariscente ma più riconoscibile. I miei genitori, i miei nonni e i miei amici (beh, alcuni di loro). Il mio desiderio di lunga data per un potere straordinario proveniva, a quanto pare, dalle persone comuni della mia vita. La vita reale richiedeva di integrare la fantasia astratta con qualcosa di più reale, più personale e più risonante.

La necessità di comunicazione tra i nostri eroi non è sfuggita agli scrittori fantasy. Superman era un rifugiato. Catwoman è una sopravvissuta a un incidente aereo. Iron Man era un prigioniero di guerra. Spider-Man era un orfano. I retroscena dei supereroi sono pieni di sofferenza e sopravvivenza. Le avversità ci aiutano a riconoscerle. I nostri eroi famosi nella vita reale portano cicatrici simili. Nelson Mandela 27 anni di carcere. La disabilità fisica di Helen Keller. Barack Obama affronta la perdita di suo padre. Il cammino dall'eroismo al cuore umano passa spesso attraverso la sfida della lotta.

READ  Gli Stati Uniti si stanno muovendo per produrre aerei F-35 in una corsa persa con la Cina

Joseph Campbell, il mitologo comparato del ventesimo secolo, ha suggerito che il nostro interesse per gli eroi è la prova della nostra natura spirituale, in sintonia con i bisogni umani latenti. Il desiderio di conforto in mezzo alla sofferenza. Il desiderio di forza nella lotta. In definitiva, il desiderio di salvezza. Ma c’è una differenza tra conformarsi ai nostri bisogni e soddisfarli. Quando un pompiere salva qualcuno, è facile vederlo come un eroe. Ma quando un pompiere salva… per me Famiglia mia, diventa il mio salvatore. Nel salvataggio, diventa più di un semplice eroe. Diventa un salvatore.

Il sociologo John Carroll sottolinea che mentre gli antichi greci perfezionavano l'archetipo dell'eroe attraverso guerrieri come Achille di Omero, fu Gesù a fornire l'archetipo del salvatore. Gli eroi incarnano la grandezza. I salvatori incarnano la bontà. Carroll prosegue concludendo che quando bontà ed eroismo coincidono, spesso ci sono tracce di Gesù. Da Madre Teresa a Harry Potter, è facile capire da dove viene.

Nel corso del tempo, il mio fascino per la grandezza ha gradualmente preso il sopravvento sul desiderio di qualcos'altro. Salah. La grandezza può illuminare i nostri schermi, ma è la bontà che illumina i nostri cuori.

Nel suo dialogo si scusa, Platone ipotizza cosa farebbe l'umanità con qualcuno che ha vissuto una vita completamente buona, saggia e virtuosa. La sua conclusione fu che sarebbe stato troppo vero e bello da accettare. La nostra confusione ci porterà ad ucciderlo. Non possiamo gestire la verità.

Quattrocento anni dopo, durante un breve viaggio in barca attraverso il Mediterraneo dall'Atene di Platone, si svolse la storia della Pasqua. Ci viene detto che Gesù, come Superman, iniziò la sua vita come rifugiato. Continuò a compiere miracoli, ad amare senza discriminazioni e a rivoluzionare il pensiero morale e l'ideale del sacrificio, il tutto in modi che cambiarono la vita delle persone e scossero gli imperi. È stato ucciso non perché fosse un eroe, ma perché affermava di essere il salvatore. Tre giorni dopo, risorse dai morti.

READ  Benjamin Netanyahu affronta sfide alla leadership dopo l’uccisione di operatori umanitari
Salta la precedente promozione della newsletter

Qualunque siano le proprie convinzioni, la storia di Pasqua integra alcune delle idee più potenti, dei miti risonanti e dei bisogni profondi dell'umanità. Grandezza e bontà. Sacrificio e salvataggio. Eroi e salvatori. pazzo? Fuori portata? incredibile? Forse. Ma in un’epoca in cui l’immaginazione popolare viene così facilmente catturata da illustri resoconti di eroi – nei film, nella musica e nei miti – questa antica storia di un uomo sulla croce rimane degna della nostra attenzione, qualunque siano le nostre convinzioni.

  • Max Jeganathan è ricercatore senior presso il Center for Public Christianity. Arrivò in Australia come rifugiato negli anni '80. Ha lavorato come avvocato e consigliere politico nei governi di Rudd Gillard