Luglio 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Covid, Omicron: grande appello al capo dell’OMS per cancellare gli eventi ora per ‘porre fine alla pandemia’

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha detto al mondo che può porre fine alla pandemia nel 2022, ma solo se prendiamo alcune decisioni importanti.

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato lunedì che il mondo deve riunirsi e fare le difficili scelte necessarie per porre fine alla pandemia di COVID-19 entro il prossimo anno.

“L’anno 2022 dovrebbe essere l’anno in cui porre fine all’epidemia”, ha detto ai giornalisti a Ginevra il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Con l’avvicinarsi delle celebrazioni di fine anno, il capo dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha affermato che i paesi dovrebbero frenare gli eventi legati alle festività nazionali perché consentire alle folle di radunarsi sarebbe una “piattaforma perfetta” per la diffusione di Omicron.

Ha aggiunto che sarebbe meglio cancellare gli eventi ora e festeggiare più tardi “invece di festeggiare ora e piangere dopo”.

Da quando è stato segnalato per la prima volta in Sud Africa a novembre, Omicron è stato identificato in dozzine di paesi, sperando che il peggio della pandemia sia passato.

Diffusione “veramente veloce”

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che la specie altamente mutata si sta diffondendo a un ritmo senza precedenti.

“Ora ci sono prove consistenti che l’Omicron si diffonda più velocemente della variante Delta”, ha detto Tedros, avvertendo che il ceppo sembra avere la capacità di raddoppiare l’infezione ogni 1,5-3 giorni. “È davvero veloce.”

Oltre a una maggiore trasmissibilità, i primi dati hanno mostrato segni allarmanti di resistenza ai vaccini.

Tuttavia, ci sono state anche indicazioni che provoca sintomi meno gravi rispetto ai ceppi precedenti, ma il capo scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità, Somaya Swaminathan, ha affermato alla conferenza stampa di lunedì che “erano i primi giorni per concludere che questa è la variante più mite”.

READ  Scott Morrison usa le recenti dichiarazioni del G20 per difendere la politica climatica prima della Cop26 | politica australiana

Ha avvertito che il Sudafrica e altrove che riportano bassi tassi di ospedalizzazione da Omicron sono stati duramente colpiti nelle precedenti ondate, quindi molti casi di Omicron potrebbero essere stati nuovamente infettati.

“La variante può agire in modo diverso nelle persone con immunità preesistente”, ha detto.

“porre fine all’ingiustizia”

Indipendentemente dalla gravità della variabile, ha osservato Tedros, “il numero di casi … potrebbe sopraffare il sistema sanitario” e più persone potrebbero morire.

Dall’inizio della pandemia sono morte più di 5,3 milioni di persone, anche se si ritiene che il numero reale sia parecchie volte superiore.

Tra la crescente preoccupazione per Omicron, molti governi si stanno affrettando a distribuire vaccini di richiamo alla popolazione, poiché i primi dati suggeriscono che una terza dose fornisce una maggiore protezione contro la variante.

Ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ripetutamente espresso la preoccupazione che tali programmi potenziati potrebbero aggravare la già forte disuguaglianza nell’accesso ai vaccini tra paesi ricchi e poveri.

Molte persone a rischio in tutto il mondo stanno ancora aspettando la loro prima dose di vaccino e l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha affermato di essere nella posizione migliore per dare la priorità alle vaccinazioni complete per adulti sani con richiami.

“Se vogliamo porre fine alla pandemia l’anno prossimo, dobbiamo porre fine alla disuguaglianza”, ha detto Tedros.