Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I candidati pro-Pechino ottengono la maggioranza alle elezioni di Hong Kong in mezzo alla bassa affluenza alle urne

I candidati pro-Pechino hanno dominato le elezioni legislative di Hong Kong, sconfiggendo moderati e indipendenti nelle prime elezioni generali della città dopo che Pechino ha approvato la decisione di modificare le leggi elettorali della città.

I candidati pro-Pechino hanno vinto la maggioranza dei seggi nelle elezioni di domenica dopo che le leggi sono state modificate per garantire che solo i “patrioti” pro-Pechino potessero governare la città.

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha dichiarato durante una conferenza stampa lunedì di essere “soddisfatta” delle elezioni nonostante l’affluenza alle urne del 30,2 per cento, il livello più basso da quando gli inglesi hanno consegnato Hong Kong alla Cina nel 1997.

Ha affermato che il numero di elettori registrati ha raggiunto il 92,5%, un numero record rispetto alle elezioni del 2012 e del 2016, quando si registrava circa il 70% degli elettori.

“Per gli elettori registrati, decidere se vogliono esercitare il loro diritto di voto in una particolare elezione dipende interamente da loro”, ha detto.

“In queste elezioni, 1,35 milioni di elettori hanno votato. Non solo hanno restituito i candidati di loro scelta alla legislatura, penso che sia stato anche a causa del loro sostegno al miglioramento del sistema elettorale”, ha detto Lam, riferendosi al legislatore cittadino. , facendo riferimento al legislatore cittadino. tavola.

Un gruppo di candidati alle elezioni alza il pollice per scattare una foto
Le leggi furono cambiate per garantire che solo i “patrioti” pro-Pechino potessero governare la città.(AP: Ken Cheung)

Con le nuove leggi, il numero dei politici eletti direttamente è stato ridotto da 35 a 20, anche se la legislatura è stata ampliata da 70 a 90 seggi.

La maggior parte dei legislatori è stata nominata da organi in gran parte pro-Pechino, assicurandosi che costituiscano la maggioranza del legislatore.

Tutti i candidati sono stati inoltre esaminati da un comitato in gran parte pro-Pechino prima di essere nominati.

Anche se c’era un forte appetito per la “cattiva politica”, come la polarizzazione politica durante il periodo di conflitto politico nel 2019, “non è qualcosa che dovremmo essere felici di avere”, ha detto Lam.

Starry Lee, il candidato al Consiglio Legislativo eletto pro-Pechino dall’Alleanza Democratica per il Miglioramento e il Progresso di Hong Kong, ha affermato che l’affluenza al pubblico del 30% rientra nelle “aspettative generali”.

“Questo è diverso da prima, quindi non puoi confrontare direttamente. E penso che con il nuovo sistema, le persone hanno bisogno di tempo per abituarsi”.

Gli attivisti all’estero esortano gli elettori a boicottare

Voci che escono dalle urne
L’attivista Nathan Law ha affermato che le elezioni non sono state democratiche.(Afp: Vincent Yu)

L’elezione è stata criticata dal campo di opposizione, in cui il più grande partito pro-democrazia, il Partito Democratico, non ha presentato candidati per la prima volta dal passaggio al potere nel 1997.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha affermato che ci sono “molte ragioni” per la bassa affluenza alle urne.

“Non è solo l’impatto dell’epidemia, ma anche l’interruzione e il sabotaggio degli elementi anti-cinesi a Hong Kong e delle forze esterne”, ha detto Zhao durante un briefing quotidiano.

Alcuni attivisti pro-democrazia all’estero, tra cui Nathan Law, con sede a Londra, hanno esortato a boicottare il voto, affermando che le elezioni non erano democratiche.

In base alle nuove leggi elettorali, l’incitamento al boicottaggio o l’espressione di voti non validi può essere punito con un massimo di tre anni di carcere e una multa di HK $ 200.000 ($ 36.500).

La Lam ha affermato che si aspettava che lavorare con i 90 legislatori fosse “estremamente eccitante” perché avevano opinioni diverse su molte questioni sociali.

Lam avrebbe dovuto recarsi a Pechino più tardi lunedì per un viaggio ufficiale di resoconto, che secondo lei fornirà a Pechino un rapporto completo sull’ultima situazione politica ed economica a Hong Kong.

“Mi aspetto di coprire un’ampia gamma di questioni in questa particolare visita di lavoro perché con due azioni molto decisive da parte delle autorità centrali, Hong Kong è ora tornata sulla strada giusta di ‘un paese, due sistemi'”, ha affermato.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 2 minuti 33 secondi

A Hong Kong si aprono le votazioni per le prime elezioni dalla legge sulla sicurezza nazionale

AP

READ  Evergrande raggiunge un accordo per rinviare il rischio di default imminente