Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Continua l’offensiva di Kiev, crollano i colloqui di pace tra Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky, peggiorano le inondazioni nel NSW e nel Queensland, il clima di Sydney a causa delle forti piogge, i residenti evacuati da Lismore, Ballina e Brisbane

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha affermato che oltre 7.000 manifestanti che manifestavano contro l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin sono stati arrestati in Russia e Bielorussia.

I manifestanti sono scesi in piazza in entrambi i paesi nonostante i pericoli di una feroce repressione statale.

I poliziotti trasportano un giovane manifestante che ha perso conoscenza durante il suo arresto durante un’operazione contro l’attacco russo all’Ucraina a San Pietroburgo, Russia.
credito:DMITRI LOVETSKY / AP

L’Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR) dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, citando dati di monitoraggio indipendenti, ha affermato che quasi 6.500 sono stati arrestati tra il 24 e il 28 febbraio in 67 città russe, sebbene la maggior parte si trovasse a San Pietroburgo e Mosca.

Altri 860 sono stati arrestati in Bielorussia.

“L’Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani rileva che le proteste pacifiche in Russia e Bielorussia sono state oggetto di numerosi arresti arbitrari e intimidazioni da parte della polizia, con la polizia antisommossa che in alcune occasioni ha superato in numero i manifestanti”, l’organizzazione con sede a Varsavia Ha detto in una dichiarazione.

Ci sono stati anche casi in cui difensori dei diritti umani e giornalisti sono stati arrestati durante le proteste, o anche prima che potessero raggiungerli.

“Questo uso spesso eccessivo della forza da parte delle forze dell’ordine è una grave violazione dei diritti alla libertà di espressione e di riunione pacifica, due principi fondamentali della democrazia”.

READ  "Estremamente raro": i pinguini antartici si ritrovano in Nuova Zelanda, a 3.000 km da casa | Nuova Zelanda