Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come la vittoria elettorale del Partito della Libertà nei Paesi Bassi si inserisce nel quadro più ampio del populismo europeo di estrema destra

Come la vittoria elettorale del Partito della Libertà nei Paesi Bassi si inserisce nel quadro più ampio del populismo europeo di estrema destra

I risultati delle elezioni olandesi, vinte dal Partito per la Libertà di Geert Wilders, hanno scioccato l’establishment politico.

Per la prima volta nella storia dei Paesi Bassi, un partito di estrema destra è diventato il più grande nel parlamento nazionale. Wilders è un politico eccentrico noto per i suoi discorsi incendiari. Chiede ai Paesi Bassi di lasciare l’Unione Europea e descrive l’Islam come “A”. Religione “fascista”.. In un processo del 2016, è stato giudicato colpevole di incitamento alla discriminazione (ma non ha ricevuto alcuna punizione per il reato).

Anche se i sondaggi pre-elettorali indicavano che il Partito della Libertà avrebbe potuto diventare il partito più grande, in pratica sembrava essere in competizione con i principali partiti di destra e di sinistra. Ma i sondaggi erano lontani dall’obiettivo, e Wilders ha finito per prendere il maggior numero di seggi con un ampio margine, anche se avrebbe dovuto cercare partner di coalizione per formare un governo.

Anche i nuovi arrivati ​​di destra nel Nuovo Contratto Sociale se la sono cavata molto bene. Come il Partito della Libertà, questo partito vede l’immigrazione come una delle cause di problemi come l’affollamento dei servizi pubblici nei Paesi Bassi e la mancanza di alloggi a prezzi accessibili. Tuttavia, Peter Omtsigt, leader del Nuovo Contratto Sociale (ed ex membro del parlamento per i cristiano-democratici più di centrodestra), critica alcuni dei discorsi più incendiari di Wilders.

Peter Umtzigt partecipa a un dibattito con Wilders.
Agenzia per la protezione ambientale

Tuttavia, Umtsigt sembra il candidato più probabile per formare una coalizione con Wilders, insieme all’ex partito dell’ormai defunto primo ministro Mark Rutte. Ma ci vorrà del tempo prima che diventi chiaro se tale partenariato può essere realizzato. L’alleanza nei Paesi Bassi è questione di mesi, non di settimane.

READ  La compagnia di bandiera italiana ITA offre posti completamente reclinabili in business class sugli aerei a corridoio singolo

Questi colloqui saranno più complicati grazie al profilo di Wilders. Potrebbe detenere il maggior numero di seggi, ma la controversia che lo circonda da molti anni potrebbe escluderlo dal ruolo di primo ministro, anche se fa parte della coalizione di governo.

Se si formasse una coalizione, inevitabilmente emergerebbero in primo piano le domande sulla posizione dei Paesi Bassi nell’Unione europea. Wilders vuole un referendum in stile Brexit e, anche se questo non si concretizzasse, possiamo aspettarci che adotti una posizione più euroscettica nei confronti di qualsiasi governo in cui sarà coinvolto.

Ciò potrebbe avere gravi conseguenze per l’Unione europea. Anche quando i partiti di estrema destra in Europa non sono d’accordo sulla questione dell’uscita, concordano di trasformare l’Unione Europea in un organismo intergovernativo e di prendere il potere da Bruxelles.

Esempio dall’Italia

Wilders riconoscerà come sono andate le elezioni italiane dello scorso anno per il primo ministro italiano Giorgia Meloni, con la quale condivide un certo grado di affinità ideologica. Il partito di estrema destra Fratellanza d’Italia, guidato da Meloni, è emerso come la forza più forte nelle elezioni del 2022 e ha formato una coalizione con altri partiti di destra e di estrema destra.

Come Wilders, Meloni è stato visto come un outsider politico e ha da tempo posto l’immigrazione al centro del dibattito politico. Ma da quando è salita al potere, la sua forte retorica anti-immigrazione ha dovuto essere attenuata. Ha subito dovuto affrontare le richieste della comunità imprenditoriale di affrontare la carenza di manodopera in Italia, il che significava concedere permessi ai lavoratori migranti.

READ  L'Italia tiene le elezioni di settembre dopo le dimissioni del premier Mario Draghi

Nel mio libro Uomini d’affari politici, scritto da Sarah Hobolt della London School of Economics, mostra che la governance cambia i partiti politici. È relativamente facile lamentarsi a margine, ma al governo i partiti hanno la responsabilità della politica. Devono prendere decisioni e bilanciare gli interessi e possono spendere soldi solo una volta. La Meloni, come i leader di molti altri partiti populisti, ha perso rapidamente la sua acutezza una volta diventata la persona al comando.

Per quanto riguarda Wilders in particolare, i fratelli italiani hanno fatto campagna elettorale in tono euroscettico, ma ora si trovano d’accordo con Bruxelles anche su questioni legate all’immigrazione. Anche Melonie Ha mostrato la sua vicinanza Con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.



Per saperne di più: Giorgia Meloni: come la realtà del mandato ha avuto la meglio sull’estremismo del primo ministro italiano


Tuttavia, l’esperienza italiana fornisce anche un altro esempio che Wilders potrebbe trovare interessante. Nella nostra ricerca, abbiamo scoperto che i partiti che diventano popolari opponendosi alle politiche esistenti a volte preferiscono tenere un piede nel governo e l’altro fuori. Questo è certamente il caso di Matteo Salvini, leader della Lega e partner minore della Meloni nella coalizione.

Salvini non perde occasione per rafforzare la propria immagine personale, anche se questo accade Le difficoltà del suo governo. Solo un partner giovane della coalizione può farla franca con tali buffonate, perché il primo ministro deve affrontare una pressione molto maggiore. Pertanto Wilders potrebbe ritenere più opportuno seguire la strada di Salvini piuttosto che quella della Meloni.

Qualunque sia la strada che prenderà, se Wilders entrerà a far parte del governo, i risultati di queste elezioni avranno sicuramente conseguenze sulle relazioni olandesi con il resto dell’Europa.