Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come cambia il governo della Città del Vaticano sotto Papa Francesco – Analisi – Eurasia Review

Di Andrea Gagliarducci

La recente nomina dei nuovi vertici dello Stato della Città del Vaticano mostra la determinazione di Papa Francesco a rompere alcuni circoli di potere, ma allo stesso tempo preservare le finanze a dura prova del Paese più piccolo del mondo.

Il 4 novembre il papa inaspettatamente Scegliere Suor Francescana Raffaella Petrini, Segretaria Generale della Provincia Vaticana. Viene anche nominato per la prima volta vicesegretario Giuseppe Pugliese Alibrandi.

La scelta di Petrini è un segno. Papa Francesco ha scelto qualcuno al di fuori delle dinamiche del conservatorismo per gestire una macchina statale messa a dura prova dalla pandemia.

Il bilancio per l’amministrazione dello Stato Vaticano non viene pubblicato dal 2016. L’amministrazione degli affari finanziari resta un mistero. Si è parlato anche della necessità di ordinare e razionalizzare i conti

Scegliendo Petrini, papa Francesco mostra ancora una volta la volontà di riformare, a cominciare dai rapporti.

Lo ha fatto anche con l’Ufficio Amministrativo della Segreteria di Stato Vaticana. Dopo 12 anni di mons. Alberto Perlaska, papa Francesco ha chiamato il monsignore lituano. Rolandas Makrickas, recentemente arrivato alla Segreteria di Stato dopo aver prestato servizio presso l’Ambasciata a Washington, DC.

In questa direzione sono andate anche altre opzioni nel settore finanziario vaticano: dalla nomina di Fabio Gasperini al ruolo di segretario Dall’Amministrazione per i Beni della Santa Sede (APSA) la nomina di Maximino Caballero Lido alla carica di segretario Segreteria Generale dell’Economia. In entrambi i casi, il papa ha scelto persone comuni con significativa esperienza fuori dal Vaticano per affrontare le criticità della riforma finanziaria.

La nomina di Petrini si inserisce in questo contesto. Ma la decisione del Papa è stata letta anche come l’attribuzione di maggiori responsabilità di leadership alle donne. Questa politica si è riflessa in una serie di nomine, inclusa la nomina di suor Nathalie Picquart come A Sottosegretario Sinodo dei Vescovi, padre Alessandra Smirelli as segretario provvisorio Dicastero per lo sviluppo umano integrato, Barbara Gatta capo Musei Vaticani.

READ  I 10 migliori libri sulla Sicilia | ha scritto

Ma la nomina di Petrine non va letta solo in questa luce. È davvero una donna in una posizione finora riservata a un arcivescovo. Ma è anche vero che il conservatorismo non ha una tradizione così ben definita.

Il primo sovrano fu un uomo qualunque: Camilo Serafini, nobile italiano rimasto in carica dalla costituzione dello Stato Vaticano nel 1929 fino al 1953, anno della sua morte.

La carica di governatore è rimasta vacante fino al 2000, quando Giovanni Paolo II ha creato la Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano e ha conferito al presidente le funzioni precedentemente subordinate al governatore.

Il presidente era sempre un cardinale, e quindi il segretario era un arcivescovo. Ma nulla impedisce a un segretario di essere una persona comune o un membro di un ordine religioso.

Più che altro è interessante notare che il Segretario è ora assistito per la prima volta da un Vice Ministro.

Fino alla sua nuova nomina, Pugliese-Alibrandi è stato il primo consigliere al servizio giuridico dell’organo che amministra lo Stato Vaticano. In questa posizione, ha lavorato a stretto contatto con il Vescovo Fernando Vergiz Alzaga, allora Segretario della Prefettura. Nominato Vérgez, ora arcivescovo Presidente Dall’amministrazione dello Stato Vaticano a settembre.

La nomina di Petrini spezza alcune catene del sapere e dà un nuovo modo di lavorare alla provincia. Ma la nomina di Pugliese-Alibrandi è destinata a garantire continuità all’amministrazione.

Il governatore deve affrontare due questioni principali. Il primo è la gestione finanziaria, perché la Prefettura – grazie ai Musei Vaticani – è l’unico ente vaticano che genera profitti significativi. Il bilancio della contea veniva generalmente utilizzato per ammortizzare il cosiddetto “bilancio di missione” della Curia romana, che non era redditizio.

READ  OCSE: il PIL accelera ma resta al di sotto dei livelli pre-pandemia

Il bilancio provinciale però non viene pubblicato da anni, nonostante l’intenzione di arrivare a un bilancio unificato che comprenda tutte le entità vaticane.

Fabio Gasperini, che ha lavorato come consulente presso Ernst & Young, ha suggerito anche un modello contabile separato per la conservazione. Ma la direzione ha deciso di mantenere saldamente nelle sue mani la produzione dei rendiconti finanziari interni, sviluppando un programma per computer personalizzato chiamato Project One.

Adesso, invece, Gasperini è il n. 2 dell’Apsa, Tesoreria della Santa Sede, con il compito di razionalizzare la gestione e fare dell’Apsa sempre più la “banca centrale” del Vaticano. In questo lavoro troverà il sostegno di Puglisi-Alibrandi.

La seconda questione è la questione dell’assicurazione dei dipendenti. Tra i membri regolari del Concilio Vaticano sull’Economia c’è Alberto Minali, ex amministratore delegato di Cattolica che prima ha lavorato presso Generali, una delle principali compagnie assicurative italiane. Menali è un potenziale ponte tra Cattolica e Generali.

La contea ha un contratto assicurativo per i suoi dipendenti con Cattolica, che ha dovuto affrontare problemi economici. Cattolica ha finanziato la ricapitalizzazione grazie alle Generali. Il Vaticano ha seguito da vicino questa ricapitalizzazione, dato che Cattolica gestisce tutte le politiche della contea.

All’interno di Cattolica è presente la Business Unit Enti Religiosi, costituita da Piero Fusco, che fa da tramite tra il Vaticano e le Assicurazioni, e ha un forte rapporto con Pugliese-Alibrandi, che gestisce le polizze attraverso l’ufficio legale.

Puglisi-Alibrandi, vicino a Vérgez, sarà chiamato a spiegare in modo nuovo le finanze della contea, facendole confluire nel bilancio consolidato della Corea. A lui sarà chiesto anche di vigilare sui Musei Vaticani, colpiti dall’emergenza coronavirus e che ora si trovano nella difficile posizione di dover gestire le denunce dei collaboratori.

READ  Il divario potrebbe chiudere più negozi negli Stati Uniti, oltre ai 350 annunciati: Analisti

Ma Puglisi-Alibrandi non potrebbe farlo in piena autonomia. Dovrà lavorare al fianco di Petrini e dare spiegazioni approfondite. In questo modo, papa Francesco ha assicurato una sorta di controllo esterno nella gestione di situazioni potenzialmente spinose.

Dopotutto, la riforma finanziaria del Papa passa attraverso queste decisioni. Di fronte ai problemi, prima cambia le persone, cerca di rompere i circoli delle amicizie strette facendo entrare persone dall’esterno, e prima di tutto si riferisce a persone di cui si fida o su cui è sicuro di poter contare. Tutto questo viene prima delle riforme strutturali. Questo è ciò che sta accadendo ora in provincia.