Dicembre 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Briefing europeo di mezzogiorno – Le azioni scendono mentre crescono i timori di inflazione

capitalizzazioni di mercato

I negozi:

Le azioni europee sono scese per lo più in quanto gli investitori attendevano i dati sui prezzi al consumo statunitensi, tra le crescenti preoccupazioni per le pressioni inflazionistiche nell’economia globale.

Nel frattempo, i dati economici cinesi pubblicati mercoledì si sono aggiunti alle preoccupazioni per l’inflazione. I prezzi di fabbrica in Cina sono aumentati a un ritmo record in ottobre, in parte a causa dei maggiori costi energetici. L’indice dei prezzi alla produzione del paese è aumentato del 13,5% rispetto all’anno precedente.

Joshua Mahoney, analista di IG. “Con il rilascio successivo dell’IPC statunitense, c’è una forte possibilità che vedremo un altro promemoria di come i produttori cinesi abbiano sempre trasferito parte di quel costo al consumatore occidentale.

Azioni in movimento: Marks & Spencer Group ha guidato l’aumento del FTSE 100, in rialzo del 15% dopo che il rivenditore ha riportato un’oscillazione degli utili ante imposte del primo semestre e un aumento della guida per l’intero anno, ma ha affermato che i problemi del mercato del lavoro e dei trasporti peseranno sui costi .

RBC Capital Markets ha affermato che la guida è già in anticipo rispetto alle aspettative rialziste e il tono ottimista è di buon auspicio per gli altri attori del settore. Ha aggiunto che Marks & Spencer sta facendo progressi costanti sul cibo e che le misure di riduzione dei costi dovrebbero aiutare a compensare i costi più elevati.

“Pensiamo che la valutazione di M&S sia ragionevole, ma non più nel caveau dell’accordo, come è stato per la maggior parte della primavera/estate 2020”, ha affermato l’analista di RBC Richard Chamberlain.

Le azioni di ITV sono aumentate del 10,5% dopo aver dichiarato di aspettarsi di generare entrate pubblicitarie totali record quest’anno. Le azioni dei giganti dell’energia BP e Royal Dutch Shell sono aumentate a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio, mentre sono aumentati i costruttori di case.

Le azioni di Salvatore Ferragamo sono crollate in apertura delle negoziazioni mercoledì dopo che la società italiana di beni di lusso non è riuscita ancora una volta ad accelerare il ritmo di ripresa nella sua edizione del terzo trimestre. Gli analisti di Jefferies hanno affermato che le entrate per nove mesi sono ancora significativamente inferiori rispetto allo stesso periodo del 2019 e, sebbene i margini siano straordinariamente forti, il limite superiore è ancora debole Ferragamo.

La banca ha affermato che le aree specifiche di preoccupazione sono state la mancanza di slancio in Asia, un mix di canali sfavorevole e l’incapacità delle principali categorie di prodotti di guidare dal fronte.

“Continuiamo a credere che Ferragamo abbia un problema di prodotto”, ha aggiunto la banca, mantenendo un rating in sospeso e un obiettivo di 18 euro per azione.

Dati in primo piano: con il boom del settore edile tedesco, si prevede che i problemi con l’approvvigionamento di materiali continueranno fino alla prossima primavera, ha affermato Ifo.

READ  I milionari Dragon hanno chiamato la mia idea "Pasta Le Disaster".

Le aziende ritengono che i problemi di approvvigionamento dureranno in media cinque mesi, secondo un’indagine IFO condotta a ottobre. Nella stessa indagine, il 38,0% delle imprese operanti nel settore delle costruzioni ha segnalato disagi per ritardi nelle consegne, mentre a settembre il dato era ancora del 36,3%.

“L’allentamento osservato negli ultimi mesi ha bloccato la costruzione di edifici”, ha affermato il ricercatore di Evo Felix Lis. Lees ha affermato che l’industria dei materiali da costruzione è ad alta intensità energetica e sta risentendo degli effetti di forti aumenti dei prezzi, mentre i prezzi all’ingrosso dei materiali da costruzione continuano a salire.

“Le aziende che lavorano in questo campo pianificano di aumentare i prezzi delle costruzioni”, ha detto Lees.

Mercati USA:

I futures su azioni sono sospesi mentre gli investitori attendono i dati sui prezzi al consumo, tra le crescenti preoccupazioni per le pressioni inflazionistiche nell’economia globale.

Le azioni Tesla hanno guadagnato circa l’1% nel trading pre-mercato. Le azioni del produttore di auto elettriche sono scese del 12% martedì, estendendo i cali di lunedì dopo che il CEO Elon Musk ha indicato che potrebbe vendere gran parte delle sue azioni.

Coinbase Global è sceso di oltre il 10% nel mercato primario dopo che l’exchange di criptovalute ha riportato guadagni che hanno deluso le aspettative degli analisti.

Le azioni hanno preso una corsia preferenziale al rialzo nelle ultime settimane, sostenute da una forte serie di rapporti sugli utili che hanno rafforzato la fiducia degli investitori nella ripresa. Tuttavia, l’evidenza che le pressioni inflazionistiche nell’economia globale si stanno ampliando rimane una delle principali preoccupazioni per gli investitori.

Tutti gli occhi saranno puntati sui dati sull’inflazione previsti per mercoledì, che gli investitori valuteranno alla ricerca di indizi su come potrebbero influenzare le decisioni sui tassi di interesse della Federal Reserve. Il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato la scorsa settimana che i colli di bottiglia inflazionistici nell’economia globale sono stati più solidi del previsto.

Ovin Devitt, chief investment officer di Moneta Group, ha affermato che i mercati azionari stanno mostrando “resilienza ostinata” nonostante le preoccupazioni per l’inflazione e il potenziale di stretta monetaria. “L’inflazione è praticamente presente qui e si può dire che non è temporanea, ma i mercati non sembrano troppo preoccupati per questo”, ha detto.

Ha detto che mentre la stagione degli utili ha aiutato a sollevare gli indici, gli investitori continuano a chiedere beni rifugio. “Anche quando i mercati sono infuriati, la gente non rinuncia alle obbligazioni”, ha detto. “C’è una leggera mancanza di convinzione in termini di quanto tempo può durare”.

I guadagni sono dovuti mercoledì da Wendy’s prima della campana di apertura, mentre Walt Disney e Beyond Meat dovrebbero riportare i risultati dopo la chiusura dei mercati.

READ  Pharmagest Interactive: Primo trimestre 2021 Entrate:

Gli investitori attendono anche i dati sulle richieste di disoccupazione di mercoledì, in un contesto di carenza di manodopera che è stato un altro fattore che ha alimentato l’inflazione. I dati dovrebbero mostrare le richieste di disoccupazione a un nuovo minimo della pandemia.

Forex:

Unicredit ha affermato che i dati statunitensi in seguito potrebbero mostrare un’ulteriore accelerazione dell’inflazione a ottobre e questo potrebbe essere positivo per il dollaro in termini di aspettative di rialzo dei tassi di interesse.

“Tuttavia, l’effettiva reazione del dollaro – e la sua capacità di assorbire le perdite subite da venerdì scorso – dipenderà in gran parte dalla reazione del mercato obbligazionario, come ha finora ha impedito un ulteriore ampliamento dello spread sui titoli tedeschi a 10 anni a favore del dollaro”, affermano gli analisti di UniCredit.

MUFG Bank ha affermato che qualsiasi potenziale escalation delle tensioni commerciali post-Brexit sul protocollo dell’Irlanda del Nord potrebbe influire sulla sterlina britannica. L’analista del MUFG Derek Halpenny ha affermato che il Regno Unito ha minacciato di sospendere parti dell’accordo sulla Brexit dell’Irlanda del Nord, il che potrebbe indurre l’UE a cancellare l’accordo di commercio e cooperazione.

Ha detto che sarebbe un “disastro” per le economie del Regno Unito e dell’Irlanda. “Questo non è lo sfondo per un’ulteriore ripresa della sterlina e potrebbe essere un catalizzatore per nuove vendite speculative che vedono la sterlina continuare a sottoperformare”. Mercoledì il commissario per la Brexit Maros Sefcovic informerà gli ambasciatori dell’UE e i membri del Parlamento europeo sui negoziati con il Regno Unito

ING ha affermato che la resilienza della NOK di fronte a un rallentamento dell’inflazione norvegese più grande del previsto in ottobre indica un alto livello di convinzione del mercato che la Norges Bank si atterrà ai suoi piani di rialzo dei tassi.

“Con l’inflazione che è ancora probabile che aumenti di nuovo a novembre e dicembre, sembra improbabile che una lettura al di sotto del consenso possa smorzare i piani di espansione di Norges Bank per dicembre e 2022”, hanno affermato gli analisti di ING. Il tasso di inflazione sui dodici mesi è sceso al 3,5% in ottobre dal 4,1% di settembre.

Obbligazioni:

Gli analisti dei tassi di interesse di ING hanno affermato che le persistenti preoccupazioni sull’inflazione rimangono l’argomento principale nei mercati dei titoli di stato.

Hanno aggiunto che nell’Eurozona, il dibattito sull’ulteriore forza della BCE potrebbe destabilizzare in particolare gli spread sovrani.

ING ha citato la recente domanda del membro della BCE Klaas Knot sulla necessità di maggiori acquisti di asset dopo la fine del programma di acquisto di emergenza pandemico nel 2022.

UniCredit ha affermato che i dati sull’inflazione degli Stati Uniti per ottobre, previsti per mercoledì, saranno neutri per i mercati del credito europei. “Tutti gli occhi saranno puntati sui dati dell’IPC degli Stati Uniti, sebbene le nostre aspettative siano in linea con il consenso del mercato, prevediamo che il rilascio sia neutrale per gli investitori del credito societario europeo oggi”, hanno affermato gli analisti della banca.

READ  La ripresa guidata dai consumatori dell'Eurozona continua nonostante la recrudescenza del Covid

Tuttavia, gli economisti intervistati dal Wall Street Journal si aspettavano che l’IPC aumentasse dello 0,6% a ottobre, in leggero aumento rispetto a un aumento dello 0,4% a settembre.

RBC Capital Markets ha affermato che la vendita pianificata del British Debt Management Office di 900 milioni di sterline allo 0,125% nell’agosto 2031 dei titoli di stato indicizzati, noti anche come obbligazioni, dovrebbe attirare la domanda dato l’interesse degli investitori a proteggersi dall’elevata inflazione.

“Con un’offerta limitata di legami per il resto dell’anno fiscale 21/22 e quella che sembra essere una vera preoccupazione per l’inflazione poiché gli investitori cercano di proteggersi da tali rischi, dovremmo vedere l’evento di oggi andare bene”, hanno affermato gli analisti della banca. .

Mentre le obbligazioni vengono scambiate a livelli molto ricchi sulla maggior parte delle metriche, “abbiamo visto una performance continua delle obbligazioni a questi livelli nell’asta di oggi”, hanno affermato.

UniCredit ha affermato che l’inasprimento dello spread sui titoli di stato italiani potrebbe incontrare alcuni venti contrari verso la fine dell’anno, anche sulla scia di un afflusso positivo di titoli italiani.

“È già tardi quest’anno e gli investitori potrebbero essere riluttanti a istituire posizioni di mentoring”, ha affermato Chiara Cremonesi, vicepresidente della strategia del reddito fisso presso la banca italiana.

Inoltre, le comunicazioni della banca centrale sono una carta chiave, poiché gli investitori potrebbero voler aspettare maggiori rassicurazioni su come la BCE condurrà gli acquisti di attività nel prossimo anno e quanto si atterrà alla sua futura guida e sequenza di normalizzazione delle politiche.

Ha detto che queste incertezze potrebbero essere una fonte di significativa volatilità nei mercati dei titoli di stato della zona euro nelle prossime settimane.

merce:

Sebbene una Fed aggressiva di solito porti a un dollaro USA più forte e quindi a prezzi delle materie prime deboli, Goldman Sachs ha affermato che gli investitori non dovrebbero preoccuparsi di rendimenti delle materie prime inferiori nell’ambiente attuale.

Ciò è dovuto alla relativa scarsità ora evidente in molti mercati delle materie prime, incluso il petrolio, che probabilmente sosterrà e compenserà la forza del dollaro USA, ha affermato la banca di investimento. Inoltre, “sullo sfondo della stagflazione in Europa e in Asia, il dollaro e il petrolio potrebbero aumentare in parallelo”.

(Altro a seguire) Dow Jones News

10 novembre 2021 06:34 ET (11:34 GMT)

Copyright (c) 2021 di Dow Jones & Company, Inc.