Luglio 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli avversari delle turbine eoliche in Italia danno un messaggio forte

Roberto Cingolani ha un messaggio esplicito per gli italiani contrari a nuove pale eoliche o solari nel loro territorio.

“L’alternativa è sbarazzarsi dell’auto, dell’aria condizionata, del telefono cellulare e di Internet”, ha dichiarato al Financial Times in un’intervista il ministro italiano dei trasporti dell’energia. “I cittadini devono capirlo”.

Cingolani, fisico e accademico, è stato nominato quest’anno da Mario Draghi, il primo ministro, per guidare una rinnovata campagna per ridurre le emissioni di carbonio dell’Italia. È responsabile della spesa di circa un terzo della quota italiana di 200 miliardi di euro del Fondo europeo per la ripresa dall’epidemia di 800 miliardi di euro.

L’Italia è il maggior beneficiario del fondo. I soldi danno alla Roma, sotto la guida di Draghi, una possibilità irripetibile di riavviare la sua economia dopo due decenni di stagnazione, con una svolta verde essenzialmente per i piani di recovery fund.

Cingolani ha fissato l’obiettivo di produrre almeno il 70% di elettricità da fonti rinnovabili entro il 2030, un grande passo avanti rispetto all’impegno del 55% che Roma ha formalmente preso con l’Unione Europea. Il livello attuale è del 34%.

Negli ultimi anni, il passaggio dell’Italia alle rinnovabili è in stallo. Tra il 2015 e il 2020, secondo gli analisti di Ember, un gruppo di campagna, sono stati collegati online solo 2 gigawatt di energia eolica e 3 gigawatt di energia solare, su una capacità totale installata di 116 gigawatt.

L’energia rinnovabile rappresenta solo il 17% del mix energetico totale dell’Italia, il che la rende dipendente dal costoso gas naturale, il 95% del quale è importato. “Il nostro mix energetico è molto povero”, ha detto Cingolani.

READ  Necrologio di Robert Oberon | Citroen

Il Paese è stato duramente colpito dai recenti aumenti dei prezzi del gas. Il governo ha già stanziato 3 miliardi di euro per aiutare le famiglie povere e le piccole imprese a pagare le bollette e si sta preparando per un altro pacchetto di aiuti il ​​prossimo anno.

Cingolani ha affermato che l’Italia deve triplicare la sua capacità di generazione eolica e solare entro il 2030. “Non esiste un piano B”.

L’obiettivo potrebbe essere un’estensione data la famigerata burocrazia italiana e la frequente resistenza politica a nuovi progetti infrastrutturali. Il ministro ha affermato che 3GW di progetti di energia rinnovabile sono attualmente vietati a causa delle obiezioni al loro impatto sul paesaggio e sul patrimonio.

Turbine eoliche a Colarmel, Italia. Alcuni progetti di energia rinnovabile da 3GW nel paese sono attualmente vietati a causa di obiezioni all’impatto sul paesaggio e sul patrimonio © Alessandra Tarantino/AP

Lo snellimento delle lunghe procedure amministrative per stimolare la crescita è uno degli obiettivi principali del piano italiano per riprendersi dalla pandemia.

Cingolani ha detto che da quando Draghi si è insediato alla guida del governo di unità nazionale a febbraio, dopo il crollo della precedente amministrazione, l’Italia ha attuato una “fortissima semplificazione” delle regole e delle procedure per la delega dei nuovi progetti. I funzionari hanno stimato che il tempo necessario per ottenere un permesso per un progetto infrastrutturale potrebbe scendere da 1.200 a 270 giorni, “il migliore della classe”, ha affermato.

Il governo centrale ha anche adottato nuovi “poteri sostitutivi”, che gli consentono di aggirare le autorità regionali, locali e di altro tipo in caso di ritardi prolungati nelle licenze dei progetti infrastrutturali.

Singolani ha affermato che il Fondo europeo per la ripresa – con 27 miliardi di euro stanziati per la decarbonizzazione della produzione di energia e dell’industria – accompagnerà solo una parte del Paese nel percorso verso l’obiettivo dell’UE di ridurre le emissioni nette di carbonio entro il 2050. “Vedo il piano di ripresa come un incoraggiamento in Il razzo che deve andare dalla Terra a Marte. La sfida in cinque anni, i soldi saranno finiti.”

Cingolani ha affermato che sebbene l’Italia abbia gradualmente eliminato la produzione di energia nucleare dopo il referendum del 1987, dovrebbe considerare di ripristinarla. È “troppo tardi” per utilizzare l’energia nucleare per aiutare a raggiungere gli obiettivi di energia rinnovabile per il 2030 perché il settore ora manca di investimenti e competenze, ha affermato. Ma ha detto che entro il 2050, la domanda di elettricità pulita sarà cinque volte quella che l’Italia spera di generare nel 2030, e quindi tutte le tecnologie, compresi i piccoli reattori, devono essere considerate.

“Non sono un fan del nucleare, sono un fan dell’innovazione”, ha detto Cingolani, che è entrato nel governo dalla società di difesa Leonardo, dove era CTO.

Ex direttore scientifico dell’Istituto italiano di tecnologia, si definiva “ministro tecnico… non sono molto politico”.

Quando gli è stato chiesto se il pubblico potesse essere preso con lui sulla massiccia espansione delle energie rinnovabili, è stato schietto: “Come altrove, la risposta è no”.

Tuttavia, ha affermato che è importante “non togliere energia all’ideologia”. I governi devono essere “molto ragionevoli”, soprattutto quando si tratta di aumentare il prezzo del carbonio.

Roma ha precedentemente espresso preoccupazione per i piani dell’Unione europea di espandere un sistema di scambio di emissioni per includere alloggi e trasporti, che potrebbero aumentare le bollette energetiche dei consumatori. Ha detto che voleva capire l’impatto economico sulle famiglie prima di dare la sua benedizione.

“Vogliamo fare cose buone, ma allo stesso tempo ci sono problemi sociali”, ha detto Singolani. “La sostenibilità è un compromesso.”