Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Celebrando i contributi degli italoamericani in America

Joanne Kuchur è un avvocato anziano e membro del consiglio consultivo per l’età di Maricopa. [Bryan Mordt]

Il Mese del Patrimonio Italo-Americano si celebra a Maricopa e in tutto il Paese durante il mese di ottobre per onorare e riconoscere i secoli di successi, successi e preziosi contributi di immigrati italiani e italoamericani.

Più di 5,4 milioni di italiani sono arrivati ​​negli Stati Uniti tra il 1820 e il 2000. Attualmente, più di 26 milioni di persone di origine italiana vivono in America, rendendo gli italoamericani il quinto gruppo etnico più grande della nostra nazione.

Secondo Grand Voyage Italy, un blog di viaggio contenente informazioni sulla storia degli italiani immigrati in America, “stipati come sardine” era un termine popolare per descrivere gli immigrati di tutte le nazionalità che hanno fatto il viaggio in barca. Ci sono volute fino a quattro settimane per viaggiare in Nord America, un tempo sufficiente perché i passeggeri si ammalassero. Sebbene i passeggeri dovessero superare un esame fisico all’imbarco sull’aereo per prevenire la diffusione della malattia, in ambienti così ravvicinati la malattia era inevitabile con malattie come sella, diarrea, scarlattina, tubercolosi e malattie bronchiali esacerbate da temperature gelide e umidità.

Prima dell’entrata in vigore dei regolamenti, non c’era una grande varietà di cibo. L’acqua non era molto fresca per quelli in modalità sterzo ed è stata usata con parsimonia. I pasti dipendono dall’abilità del cuoco e dagli ingredienti disponibili. Sulle prime navi, i passeggeri cucinavano cibo nelle aree pubbliche, una sfida in mare agitato.

Al loro arrivo in America, gli immigrati hanno applaudito con entusiasmo alla prima vista della Statua della Libertà nel porto di New York. La gente si precipitava a bordo della barca gridando: “Guardala… Guardala!” Sapevano di essere arrivati ​​in America.

READ  Risultati della ricerca rilasciati! China Eastern Airlines è stata coinvolta nello studio della cultura alimentare sino-italiana

Come per gli italiani e altri gruppi etnici che arrivano negli Stati Uniti, la povertà è stata la motivazione principale per lasciare la famiglia e la casa e sopportare le difficoltà del viaggio in America.

Quasi l’80% degli italiani erano agricoltori e non potevano acquistare moderne attrezzature agricole per migliorare la propria vita. Gli italiani rurali vivevano in condizioni difficili, alloggiando in case di una stanza senza impianto idraulico o privacy.

Secondo Sons and Daughters of Italian America, un gruppo che lavora per preservare la storia degli italoamericani, molti italiani non hanno mai posseduto terreni. Pertanto, erano in debito con i proprietari terrieri, che pagavano affitti elevati e prendevano parte dei loro raccolti. Il cantardino italiano coltivato tutto l’anno può guadagnare tra i 16 ei 30 centesimi al giorno in Italia. Un falegname in Italia guadagnerebbe da 30 centesimi a $ 1,40 al giorno, guadagnando 6 giorni a settimana da $ 1,80 a $ 8,40. In America, un falegname che lavora 56 ore a settimana guadagna 18 dollari”.

Molti immigrati dall’Italia e da altre terre hanno sofferto – e hanno sofferto. Sia gli immigrati che i contadini qualificati hanno dovuto affrontare pregiudizi economici e razziali quando sono entrati nella forza lavoro in America. Hanno aiutato a costruire questo paese. Lo hanno aiutato a difenderlo. si sono assimilati. Sono diventati cittadini, hanno pagato le tasse, hanno mandato i loro figli a scuola e hanno lavorato duramente per costruire una vita migliore per le loro famiglie.

Dai la mancia di questo mese ai tuoi amici e vicini di casa italoamericani a Maricopa.

Joanne Kuchur è un avvocato anziano e membro del consiglio consultivo per l’età di Maricopa.