Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

C’è una crisi del debito globale davanti – e non si fermerà con lo Sri Lanka | Jayati Ghosh

TA gennaio, anche prima che lo stipendio di Sanjana Mudalji come commessa in un centro commerciale di Colombo, Sri Lanka fosse dimezzato, aveva impegnato i suoi gioielli d’oro nel tentativo di sbarcare il lunario. Alla fine, ha lasciato il lavoro, perché le sole spese di viaggio superavano la paga. Da allora, è passata dall’usare il gas per cucinare al tagliare la legna da ardere, mangiando solo un quarto di quello che mangiava. la sua storiaLui, riportato dal Washington Post, è uno dei tanti in Sri Lanka, dove le persone guardano i loro bambini soffrire la fame e le loro relazioni con gli anziani soffrono per la mancanza di farmaci.

I costi umani della crisi hanno catturato veramente l’attenzione internazionale solo quando un enorme aumento di popolarità all’inizio di questo mese, Conosciuto come Aragalay (singalese per “lotta”), ha portato al pacifico rovesciamento Presidente Gotabaya Rajapaksa. La sua famiglia aveva governato lo Sri Lanka con pugno di ferro, sebbene con legittimità elettorale Più di 15 anniIl disperato caos economico del Paese è ora accusato dai media nazionali e internazionali.

Ma incolpare la sola famiglia Rajapaksas è abbastanza semplice. A dire il vero, la maggioranza aggressiva che hanno scatenato, insieme alla presunta corruzione e ai gravi disastri della politica economica degli ultimi anni (come severi tagli alle tasse e divieti all’importazione di fertilizzanti), sono stati componenti cruciali del disastro economico. Ma questa è solo una parte della storia. Le cause profonde e fondamentali della crisi in Sri Lanka Sono difficilmente menzionati dalla maggior parte dei principali commentatori, forse perché rivelano verità scomode sul modo in cui funziona l’economia globale.

READ  L'epidemia del ceppo delta COVID-19 altamente contagioso nel NSW spinge a "ripensare" alla vaccinazione infantile

Questa non è una crisi causata da alcuni fattori esterni e interni recenti, ci sono voluti decenni per realizzarla. Da quando la sua “politica economica aperta” è stata adottata alla fine degli anni ’70, lo Sri Lanka è stato il figlio asiatico delle riforme neoliberali, proprio come il Cile in America Latina. La strategia era la strategia ormai familiare di fare delle esportazioni una base per la crescita economica, rafforzata dagli afflussi di capitali esteri. Ciò ha portato a un aumento significativo del debito in valuta estera, qualcosa che il FMI e Davos hanno attivamente incoraggiato.

Nel periodo successivo alla crisi finanziaria globale del 2008, poiché i bassi tassi di interesse nelle economie avanzate hanno portato alla disponibilità di credito a basso costo, il governo dello Sri Lanka ha fatto affidamento sui titoli sovrani internazionali per finanziare la propria spesa. Tra il 2012 e il 2020, il rapporto debito/PIL è raddoppiato circa l’80%con una quota crescente di questo in obbligazioni. I pagamenti su questi debiti hanno continuato ad aumentare rispetto a quanto lo Sri Lanka potrebbe guadagnare dalle esportazioni e dal denaro inviato a casa dagli Sri Lanka che lavorano all’estero. Lo sconvolgimento causato dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina ha peggiorato le cose, provocando un calo dei proventi delle esportazioni e un forte aumento dei prezzi delle importazioni essenziali, inclusi cibo e carburante. Le riserve di valuta estera sono diminuite, ma il governo ha dovuto continuare a pagare gli interessi anche quando non poteva importare carburante di base.

In questa luce, è chiaro che lo Sri Lanka non è solo; Semmai, è solo un presagio di un’imminente tempesta di sofferenza del debito in quelli che gli economisti chiamano “mercati emergenti”. Un passato periodo di tassi di interesse incredibilmente bassi nelle economie avanzate ha significato più denaro che fluisce nei mercati “emergenti” e “di frontiera” dal mondo ricco. Sebbene questo abbia trovato fan nelle istituzioni finanziarie internazionali (IFI), è sempre stato un processo problematico. Questo perché, a differenza di luoghi come l’Unione Europea e gli Stati Uniti, il capitale lascia i paesi a basso e medio reddito (LMIC) al primo segno di difficoltà.

Questi paesi sono stati i più colpiti economicamente dalla pandemia. Le economie avanzate sono state in grado di fornire enormi misure anticicliche – si pensi al programma delle vacanze del Regno Unito – perché i mercati finanziari le hanno effettivamente consentito e persino incoraggiato a farlo. Al contrario, ai paesi a basso e medio reddito è stato impedito di aumentare in modo significativo la spesa fiscale, da quegli stessi mercati finanziari, che hanno minacciato la possibilità di declassamenti del rating del credito e fuga di capitali con l’aumento dei disavanzi pubblici. Inoltre, hanno dovuto affrontare un calo significativo delle entrate provenienti dalle esportazioni e dal turismo e restrizioni più rigide sulla bilancia dei pagamenti. Di conseguenza, la sua ripresa economica è stata più contenuta e le condizioni economiche sono rimaste per lo più scarse.

tentativi incerti di alleggerimento del debito, come interrompere il servizio del debito Nella prima parte della pandemia, ha solo posticipato il problema. Non vi è stata alcuna ristrutturazione del debito significativa. Il FMI lamenta la situazione e non fa quasi nulla, né lui né la Banca mondiale Aggiungi al problema Attraverso la loro rigorosa insistenza sul rimborso e spaventoso Sistema di commissioni aggiuntive imposto dal Fondo Monetario Internazionale. Il G7 e la “comunità internazionale” sono stati assenti dall’azione, che è in gran parte irresponsabile data l’entità del problema e il suo ruolo nel crearlo.

La triste verità è che il “sentimento degli investitori” si muove contro le economie più povere indipendentemente dalle condizioni economiche reali in determinati paesi. Le agenzie private di rating del credito amplificano il problema. Ciò significa che il contagio è molto probabile e interesserà non solo economie già in difficoltà, ma anche una scala molto più ampia di paesi a basso e medio reddito che avranno reali difficoltà a pagare il proprio debito. Libano, Suriname e Zambia sono già ufficialmente inadempienti; La Bielorussia è sull’orlo del baratro. Egitto, Ghana e Tunisia soffrono di gravi problemi di indebitamento.

Molti paesi con redditi pro capite bassi e povertà estrema estrema stanno affrontando la stagflazione. Miliardi di persone sono sempre più incapaci di permettersi una dieta nutriente di base e non possono coprire le spese sanitarie di base. L’insicurezza fisica e le tensioni sociali sono inevitabili.

La situazione è ancora risolvibile, ma richiede un intervento urgente, soprattutto da parte delle istituzioni finanziarie internazionali e del Gruppo dei Sette. Sono necessarie azioni di regolamento del debito rapide e sistematiche per attirare creditori privati ​​e di altro tipo, come la Cina, poiché le istituzioni finanziarie internazionali stanno facendo la propria parte per fornire alleggerimento del debito e porre fine a misure punitive come i supplementi. Inoltre, dovrebbero essere messe in atto politiche per ridurre la speculazione nei mercati delle materie prime e dei profitti da parte delle principali aziende alimentari e di carburante. Infine, il riciclaggio dei diritti speciali di prelievo (DSP) – Fondamentalmente “buoni FMI” Per i paesi che non lo utilizzeranno nei paesi che ne hanno più bisogno è vitale, così come un’altra emissione di DSP equivalente a circa $ 650 miliardi per fornire un sollievo immediato.

Senza queste misure minime, è probabile che l’economia globale post-Covid e l’Ucraina sprofondano in una distopia di insolvenza del debito, aumento della povertà e instabilità sociale e politica.