Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Biden chiede ai leader mondiali di tagliare il metano nella lotta al clima

  • Il piano degli Stati Uniti e dell’UE si è impegnato a ridurre il metano
  • Biden chiede ad altri leader mondiali di unirsi
  • La Gran Bretagna dice che accetterà l’impegno

WASHINGTON (Reuters) – Venerdì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esortato i leader mondiali a unirsi agli Stati Uniti e all’Unione europea nell’impegno a ridurre le emissioni di metano, sperando di creare slancio in vista di un vertice internazionale sui cambiamenti climatici il mese prossimo.

Biden ha fatto le osservazioni durante una riunione virtuale del Major Economies Forum (MEF), un follow-up all’incontro della Giornata della Terra che ha ospitato ad aprile per svelare nuovi obiettivi per ridurre le emissioni di gas serra negli Stati Uniti e fare pressione su altre nazioni per fare di più per frenare i loro obiettivi.

Il Regno Unito ha risposto all’appello, con il primo ministro Boris Johnson che si è impegnato a essere tra i primi firmatari dell’impegno globale sul metano per ridurre le emissioni di gas nocivi.

All’alleanza hanno aderito anche Argentina, Indonesia, Italia e Messico, mentre Ghana e Iraq hanno espresso interesse ad aderire, secondo la sintesi dell’incontro della Casa Bianca, che ha osservato che questi paesi rappresentano sei dei 15 maggiori emettitori di gas metano a livello globale.

Affrontare il cambiamento climatico è una delle principali priorità nazionali e internazionali di Biden e la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP26 a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre è vista come un momento decisivo per il mondo per impegnarsi a fare di più per fermare l’aumento delle temperature.

Le Nazioni Unite hanno dichiarato giovedì che il ritmo del cambiamento climatico non è stato rallentato dalla pandemia di COVID-19 e che il mondo stava perdendo la battaglia per ridurre le emissioni abbastanza da limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali. Gli scienziati dicono che questo è il minimo indispensabile per evitare gli effetti più catastrofici del cambiamento climatico.

READ  Rapporto sul segmento di mercato migliore: AM Best mantiene una prospettiva stabile per il settore assicurativo italiano dei danni

Venerdì Biden ha chiesto ad altri paesi di aderire a un accordo concordato tra Stati Uniti e Unione Europea volto a ridurre le emissioni globali di metano di almeno il 30% rispetto ai livelli del 2020 entro il 2030. Leggi di più

“Questo non solo ridurrà rapidamente il tasso di riscaldamento globale, ma … produrrà anche un vantaggio collaterale molto prezioso come il miglioramento della salute pubblica e della produzione agricola”, ha detto Biden ai leader.

“Riteniamo che l’obiettivo collettivo sia ambizioso ma realistico e vi invitiamo ad unirvi a noi nell’annunciare questo impegno alla COP26”, ha affermato Biden.

Secondo le Nazioni Unite, a livello globale, le emissioni di metano sono responsabili di circa il 30% del riscaldamento dall’era preindustriale. Un recente rapporto degli scienziati del clima delle Nazioni Unite ha affermato che ridurre le emissioni di metano è il modo più veloce per rallentare il riscaldamento globale.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden pronuncia le sue osservazioni sull’economia durante un discorso nella East Room della Casa Bianca a Washington, negli Stati Uniti, il 16 settembre 2021. REUTERS/Lea Mehlis

Dopo aver promesso l’impegno del Regno Unito all’obiettivo, Johnson ha esortato gli altri paesi a fare buon uso dei preparativi per il prossimo vertice sul clima.

“Entro le prossime 1.000 ore da oggi e tutti coloro che verranno alla COP26, dobbiamo fare il lavoro che ci consentirà di venire a Glasgow portando gli NDC – gli NDC – e i duri impegni su carbone, automobili e alberi”, ha detto Johnson, osservando l’importanza di garantire fondi per stimolare la conformità da parte degli stati poveri.

READ  Notizie di viaggio - live: ultimo aggiornamento della lista verde mentre l'Italia estende la quarantena ai britannici

“Dobbiamo essere seri nel riempire il piatto da 100 miliardi di dollari di cui il mondo in via di sviluppo ha bisogno per fare la sua parte”.

La Casa Bianca ha affermato che i leader di Argentina, Bangladesh, Indonesia, Corea del Sud, Messico, Gran Bretagna e Unione Europea hanno partecipato al Forum economico mediterraneo insieme al Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Biden ha anche chiesto all’inviato speciale presidenziale per il clima John Kerry di presiedere una sessione di gabinetto immediatamente seguita da Cina, Germania, India e Russia, secondo una lettura della riunione della Casa Bianca.

Biden ha affermato di voler utilizzare il World Economic Forum per integrare altri forum sui cambiamenti climatici e il suo team, tra cui Kerry, sta lavorando per spingere i paesi a fissare obiettivi ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra.

“Qualunque sia l’impegno che prendiamo alla COP26, dobbiamo decidere tutti insieme a Glasgow di continuare a portare avanti la nostra ambizione e le nostre azioni… per mantenerci… al di sotto di 1,5 gradi e tenerlo a portata di mano”, ha detto Biden.

Leader e attivisti hanno avvertito di conseguenze potenzialmente disastrose.

“Con le attuali politiche, raggiungeremo quasi tre gradi di riscaldamento globale entro la fine del secolo”, ha affermato il primo ministro italiano Mario Draghi, secondo le dichiarazioni del suo ufficio. “Le conseguenze di un tale aumento delle temperature globali sarebbero catastrofiche”.

Biden ha annunciato ad aprile un nuovo obiettivo per ridurre le emissioni di gas serra degli Stati Uniti del 50%-52% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005. Biden ha ripetutamente sottolineato il cambiamento climatico nelle ultime settimane sulla scia dei danni causati da inondazioni devastanti e incendi in tutto il paese. gli Stati Uniti.

READ  Le compagnie aeree statunitensi tornano al profitto mentre i colleghi europei si indeboliscono

Report aggiuntivi di Jeff Mason e Alexandra Alper a Washington Report aggiuntivi di Valerie Volcevici a Washington e Crispian Palmer a Roma Montaggio di Heather Timmons, Philippa Fletcher e Matthew Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.