Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ardern afferma che l’epidemia di Covid neozelandese è “come tutto ciò che abbiamo visto”, con casi in aumento | Nuova Zelanda

Il primo ministro della Nuova Zelanda ha avvertito che il Paese sta entrando in una nuova fase della sua risposta alla pandemia “come niente che abbiamo visto finora”, poiché i numeri dei casi iniziano a esplodere.

“Per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, stiamo iniziando un periodo in cui i neozelandesi stanno vedendo più Covid nella comunità”, ha detto lunedì Jacinda Ardern.

“È un periodo di turbolenze, e lo so, è un periodo di rischio e non sarà come niente che abbiamo visto finora”.

Ardern stava parlando con i giornalisti dopo che un giornalista politico aveva dato un test antigenico rapido positivo pochi istanti prima della conferenza stampa. I posti vuoti davanti a lei – e la decisione di andare avanti a prescindere – hanno contribuito a segnare la nuova era per la Nuova Zelanda, dove il governo si aspetta che Omicron raggiunga ogni parte del paese.

La Nuova Zelanda ha registrato aumenti record quasi giornalieri nel numero di casi, poiché le infezioni iniziano a colpire una curva di crescita esponenziale. Lunedì, i funzionari hanno annunciato 981 casi nella comunità, in aumento rispetto ai precedenti massimi storici di 810 di domenica e 454 del giorno prima. Aggiunte recenti significano che ci sono 4.960 casi attivi registrati ad Aotearoa, ma gli esperti affermano che il numero reale è probabilmente molto più alto, dato il ritardo nei risultati dei test, e il test di verità è raccomandato solo per coloro che hanno sintomi o sono stati in contatto diretto con il caso .

Il primo ministro ha annunciato lunedì che il Paese entrerà nella “fase due” della risposta di Omicron, in cui i tempi di isolamento domiciliare saranno ridotti e si baserà maggiormente sul tracciamento dei contatti tramite app e questionari online, piuttosto che sulle indagini su ciascun caso attraverso la salute funzionari. Quest’ultima è un’ammissione che il tracciamento pratico dei contatti ha già raggiunto la capacità – mentre il paese ha quasi 5.000 casi attivi nelle ultime tre settimane, il governo ha elencato pubblicamente solo 135 siti di interesse. L’annuncio di lunedì arriva sulla scia delle normative della scorsa settimana che esonereranno i lavoratori chiave dall’isolamento se sono a rischio, purché restituiscano test negativi.

La fase successiva è progettata per cercare di portare il Paese attraverso un periodo di casi estremamente diffusi, senza forze di lavoro critiche o catene di approvvigionamento paralizzate dall’isolamento di massa. Ardern e il direttore generale della salute, la dott.ssa Ashley Bloomfield, hanno affermato che stavano cercando di evitare il “ping-mageddon” – Un fenomeno simile al fenomeno “epidemico” a cui stiamo assistendo nel Regno Unito Poiché troppe persone sono state informate contemporaneamente di essere state in contatto con qualcuno infetto dal virus Covid, la forza lavoro si è fermata e molte persone hanno smesso di utilizzare le app.

Bloomfield ha affermato che il paese non richiede più l’autoisolamento per tutti coloro che sono stati in un sito con COVID-19 e non verranno necessariamente informati.

“Laddove ci impegniamo, ci concentreremo su luoghi come fasce d’età, cure dentistiche, correzioni, strutture e luoghi in cui potrebbe esserci il rischio di un evento di tipo super-distributore… ma non daremo seguito e non lo faremo aspettarsi che le persone si isolino se si trovano, ad esempio, in un luogo di ospitalità, solo generalmente in quel luogo [where another case was present]. “

Il Primo Ministro è stato interrogato su come i neozelandesi stanno affrontando il rapido aumento dei casi e il cambiamento mentale necessario dopo anni dedicati a ritirare ogni caso di Covid.

“La mia onesta opinione è che i neozelandesi siano molto adattabili”, ha detto. “È una fase diversa, ma penso che i neozelandesi siano pronti per questo. Penso che sappiano con cosa abbiamo a che fare con Omicron – sì, dobbiamo essere vigili, non vogliamo essere arroganti, ma penso che ci rendiamo anche conto che è molto diverso dalle altre fasi della pandemia e che abbiamo protezione. Ora non ce l’avevamo prima”.

READ  Gli australiani vaccinati contro il Covid rischiano di allontanarsi dalla minoranza non vaccinata