Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ambassador Bridge sulla protesta al confine tra Stati Uniti e Canada

Polizia Stradale Spostato per sgomberare e arrestare i restanti manifestanti vicino a Muftah noicanadese Un ponte di confine sta cercando di porre fine a una delle principali proteste scoppiate in tutto il Canada e che è stata contrastata dal mondo Vaccino contro il covid-19 stati e altre restrizioni.

La polizia di Windsor ha affermato che gli arresti e i richiami sono stati effettuati dopo l’alba di domenica (a tarda notte di domenica EDT) vicino all’Ambassador Bridge che collega Detroit e Windsor, in Ontario, il valico di frontiera più trafficato con gli Stati Uniti.

Le riprese televisive hanno mostrato gli agenti che arrestavano i manifestanti.

Gli agenti di polizia sono in fila sabato mentre i manifestanti sostengono i conducenti di camion mentre la polizia impone un’ingiunzione contro la loro manifestazione, bloccando il traffico attraverso l’Ambassador Bridge. La stampa canadese / Nathan Dennett (AFP)

Solo due veicoli commerciali e meno di una dozzina di manifestanti hanno bloccato la strada verso il ponte prima dell’ingresso della polizia. Successivamente, le barriere della polizia sono rimaste in posizione e non è stato immediatamente chiaro quando il ponte potesse essere aperto.

Sabato c’era la polizia Convinci i manifestanti a muovere i loro organi e altre auto che hanno utilizzato all’ingresso del valico, che vede il 25 per cento di tutti gli scambi tra i due paesi, sebbene sia rimasto chiuso.

Nella capitale, Ottawa, le file di manifestanti si sono gonfiate fino a raggiungere quelli che la polizia ha descritto come 4.000 manifestanti. La città l’ha visto negli ultimi fine settimana, musica ad alto volume mentre le persone vagano per il centro città dove i manifestanti anti-vaccino si sono accampati dalla fine di gennaio.

I manifestanti canadesi contro le vaccinazioni hanno preso di mira un importante passaggio commerciale negli Stati Uniti. (AFP)

Le proteste hanno echeggiato sul ponte, a Ottawa e altrove al di fuori del paese, con convogli di ispirazione simile in Francia, Nuova Zelanda e Paesi Bassi, e il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti ha avvertito che i convogli di camion potrebbero essere in lavorazione negli Stati Uniti.

Un ex ministro del governo del primo ministro canadese Justin Trudeau ha fatto l’insolito passo di invitare i suoi ex colleghi federali, nonché la provincia e la città a non porre fine alle proteste.

“Sorprendentemente, questa non è solo Ottawa. È la capitale della nazione”, ha scritto Kathryn McKenna su Twitter.

“Ma nessuno – non la città, la provincia o il governo federale può sembrare che stia lavorando insieme per porre fine a questa occupazione illegale. È spaventoso”.

Trudeau ha finora rifiutato gli appelli all’uso dell’esercito, ma ha affermato che “tutte le opzioni sono sul tavolo” per porre fine alle proteste che hanno colpito l’economia su entrambi i lati del confine. Ha descritto i manifestanti come un “partito” della società canadese.

La polizia di Ottawa ha dichiarato in una dichiarazione alla fine di sabato (domenica AEDT) che è stato istituito un centro di comando congiunto con la polizia provinciale dell’Ontario e la Royal Canadian Mounted Police.

Hanno affermato che migliorerebbe le capacità di applicazione che erano limitate da “preoccupazioni per la sicurezza – derivanti da comportamenti aggressivi e illegali da parte di molti manifestanti – che limitano le capacità di applicazione della polizia”.

Sabato gli anti-manifestanti si riuniscono a sostegno di vaccini e mandati. (Foto: The Canadian Press/Patrick Doyle) (AFP)

La polizia in precedenza ha rilasciato una dichiarazione descrivendo la protesta come un’occupazione illegale e ha affermato che stava aspettando rinforzi prima di attuare un piano per porre fine alle manifestazioni.

Il sindaco di Ottawa Jim Watson ha dichiarato lo stato di emergenza la scorsa settimana per la capitale, poiché centinaia di camion sono rimasti davanti agli edifici del Parlamento e i manifestanti hanno installato bagni portatili fuori dall’ufficio del primo ministro dove di solito si ferma il corteo di Trudeau.

Anche dopo che le auto dei manifestanti sono state rimosse sabato, centinaia di altre sono arrivate per sostenere la folla e si sono stabilite in uno scontro con la polizia a circa due isolati di distanza, sventolando bandiere e gridando.

Sebbene non ci fossero apparenti scontri fisici, la folla controllava comunque la strada per il ponte.

Un convoglio di camionisti si dirige al Parlamento di Ottawa per partecipare a un convoglio di camion che attraversa il paese per protestare contro le misure adottate dalle autorità per frenare la diffusione del COVID-19 e i mandati dei vaccini si fanno strada su un'autostrada vicino a Kanata, Ontario, Canada, sabato , 29 gennaio 2022.
Un convoglio di camionisti si dirige al Parlamento di Ottawa per prendere parte a un convoglio di camion che attraversa il paese a fine gennaio. (Frank Jean/The Canadian Press tramite The Associated Press)

Un giudice venerdì ha ordinato la fine del blocco della maggior parte delle auto e delle automobili e il Premier dell’Ontario Doug Ford ha dichiarato lo stato di emergenza che prevede 100.000 dollari canadesi di multa e fino a un anno di prigione per chiunque blocchi illegalmente strade, ponti e vialetti. e altre infrastrutture critiche.

Con il ponte chiuso, le fabbriche di automobili su entrambi i lati furono costrette a chiudere o ridurre la produzione. La situazione di stallo è arrivata in un momento in cui il settore sta già lottando per mantenere la produzione di fronte alla carenza di chip per computer e altre interruzioni della catena di approvvigionamento indotta dalla pandemia.

A Ottawa, la 31enne Stephanie Ravensbergen ha detto di essere uscita per sostenere sua zia e suo zio che hanno smesso di assomigliare per le strade dall’inizio della protesta. Si oppone ai requisiti di vaccino e maschera e ha affermato che è importante che gli scolari siano in grado di vedere i volti e le emozioni dei loro amici.

“Vogliamo il diritto di scegliere”, ha detto.

“Vogliamo il diritto di poter fare ciò che tutti gli altri possono fare”.

Stephanie Ravensbergen, 31 anni, nel camion della sua famiglia a Ottawa, in Canada, sabato. (Stampa associata/Ted Shaffery) (AFP)

Dall’altra parte del paese, i manifestanti hanno interrotto le operazioni a un altro valico di frontiera tra Surrey, nella Columbia Britannica, e Blaine, nello stato di Washington, ma i funzionari hanno affermato che non era stato bloccato. Anche il valico di frontiera in Alberta è rimasto chiuso.

Mentre i manifestanti criticano i mandati di vaccinazione per i camionisti e altre restrizioni COVID-19, molte misure di salute pubblica in Canada, come le regole sulle maschere e i passaporti per i vaccini per l’ingresso in ristoranti e teatri, stanno già diminuendo con l’aumento dei livelli di Omicron.

Le restrizioni epidemiologiche sono state molto più severe che negli Stati Uniti, ma i canadesi le hanno ampiamente sostenute.

La stragrande maggioranza dei canadesi è vaccinata e il tasso di mortalità per COVID-19 è un terzo di quello degli Stati Uniti.

READ  Fino a 100 "possibili" persone uccise in Kentucky mentre i tornado provocano il caos negli Stati Uniti