Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Altre tre navi di grano lasciano l’Ucraina mentre i soldati che combattono la Russia nel Donbas affrontano l'”inferno”

Tre navi cariche di grano hanno lasciato i porti ucraini in base a un accordo concluso di recente che consente un passaggio sicuro, secondo il ministero della Difesa turco.

La prima nave di grano a salpare da un porto ucraino dall’inizio dell’invasione russa ha lasciato Odessa.

“Ci aspettiamo che le garanzie di sicurezza dei nostri partner delle Nazioni Unite e della Turchia continueranno a funzionare e che le esportazioni di cibo dai nostri porti diventeranno stabili e prevedibili per tutti i partecipanti al mercato”, ha dichiarato su Facebook il ministro delle Infrastrutture ucraino Oleksandr Kobrakov dopo che le navi sono state impostate spento. .

In una rara svolta diplomatica nella guerra di cinque mesi, le Nazioni Unite e la Turchia hanno negoziato un accordo di corridoio sicuro tra Mosca e Kiev, dopo che le Nazioni Unite hanno avvertito di carestie dovute all’interruzione delle spedizioni di grano ucraine.

Il 24 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha inviato truppe in Ucraina, innescando il più grande conflitto europeo dalla seconda guerra mondiale e provocando una crisi energetica e alimentare globale.

Rogin, la nave portarinfuse lascia il porto marittimo di Chornomorsk dopo la ripresa delle esportazioni di grano,
La nave portarinfuse Rogyn lascia la città ucraina di Chornomorsk trasportando 13.000 tonnellate di mais.(Reuters: Serhiy Smolentsev)

L’Ucraina e la Russia producono circa un terzo del grano mondiale e la Russia è il principale fornitore di energia per l’Europa.

Venerdì, due navi di grano sono partite da Chornomorsk e una da Odessa con un totale di 58mila tonnellate di mais.

Il ministero della Difesa turco ha dichiarato su Twitter che la petroliera battente bandiera panamense che trasportava 33.000 tonnellate di mais diretta in Irlanda aveva lasciato Odessa.

Caricamento in corso

La nave battente bandiera maltese Rogen, che trasporta 13.000 tonnellate di mais, ha lasciato il porto di Chornomorsk, diretta in Gran Bretagna.

La nave battente bandiera turca, che trasportava 12.000 tonnellate di mais, è partita da Chornomorsk verso il porto turco di Karasu, sul Mar Nero.

L’amministrazione regionale di Odessa ha dichiarato che la nave portarinfuse turca battente bandiera liberiana Osprey S dovrebbe arrivare venerdì al porto ucraino di Chornomorsk.

Sarebbe la prima nave a raggiungere un porto ucraino durante la guerra.

L’Ucraina ha chiesto che l’accordo sul grano venga esteso ad altri prodotti, come i minerali, ha riferito il Financial Times.

“Questo accordo riguarda la logistica e il movimento delle navi attraverso il Mar Nero”, ha detto al quotidiano il viceministro dell’Economia Taras Kachka.

Qual è la differenza tra grano e minerale di ferro?

Il Cremlino ha affermato che una soluzione potrebbe essere trovata solo se fosse collegata alla revoca delle restrizioni ai produttori minerari russi.

Russia e Ucraina producono tradizionalmente circa un terzo del grano mondiale.

Ma la Russia ha dichiarato venerdì che potrebbe non raggiungere il raccolto previsto di 130 milioni di tonnellate di grano a causa di fattori meteorologici e della mancanza di pezzi di ricambio per attrezzature di fabbricazione straniera.

“inferno” orientale

Dopo cinque mesi di combattimenti, questa settimana il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto la pressione sulle sue forze armate nella regione orientale del Donbass come un “inferno”.

Mosca sta cercando di controllare la regione del Donbass, in gran parte di lingua russa, composta dalle province di Luhansk e Donetsk, dove i separatisti filo-mosca hanno preso il controllo della regione dopo che il Cremlino ha annesso la Crimea a sud nel 2014.

Un membro in servizio delle forze armate ucraine in posizioni di combattimento a Donetsk
Il villaggio di Pesky, alla periferia di Donetsk nell’Ucraina orientale, è stato al centro di molte recenti battaglie.(Reuters: Oleksandr Klimenko)

Zelensky ha parlato di aspri combattimenti intorno alla città di Avdiivka e al villaggio fortificato di Pesky, con l’Ucraina che ha riconosciuto il “parziale successo” del suo avversario russo nei giorni scorsi.

Giovedì, l’esercito ucraino ha affermato che le forze russe avevano lanciato almeno due attacchi a Peske, ma erano state respinte.

Venerdì, l’agenzia di stampa TASS ha citato le forze separatiste dicendo che le forze russe e filo-russe avevano preso il pieno controllo di Pesci.

L’Ucraina ha trascorso gli ultimi otto anni a fortificare posizioni difensive a Pesci, considerandolo un cuscinetto contro le forze sostenute dalla Russia che controllano la città di Donetsk, a circa 10 chilometri a sud-est.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per muto, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 1 minuto e 22 secondi

Perché il Donbass ucraino è un punto critico per la Russia?

Il generale ucraino Oleksiy Harumov ha detto in una conferenza stampa che le sue forze avevano riconquistato due villaggi intorno alla città orientale di Sloviansk, ma erano state restituite alla città di Avdiivka dopo essere state costrette ad abbandonare una miniera di carbone considerata un’importante posizione difensiva.

Il ministero della Difesa russo ha confermato il suo attacco.

La Reuters non ha potuto verificare immediatamente le affermazioni di nessuna delle parti.

Lo stato maggiore ucraino ha dichiarato venerdì che il bombardamento russo di dozzine di città in tutto il paese ha preso di mira insediamenti civili e infrastrutture militari.

Avvertimenti Nato

Giovedì, il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha affermato che l’Ucraina sta mettendo a rischio i civili dispiegando le sue forze nelle aree residenziali.

Zelensky ha risposto che il gruppo stava cercando di “trasferire la responsabilità dall’aggressore alla vittima”.

READ  L'India registra più di 400.000 nuovi casi di coronavirus e paesi che hanno segnalato una carenza del vaccino COVID-19