Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Airbnb ha accettato di pagare 621 milioni di dollari per risolvere una controversia fiscale in Italia

Airbnb ha accettato di pagare 621 milioni di dollari per risolvere una controversia fiscale in Italia

Una donna parla al telefono presso la sede centrale di Airbnb nel quartiere SOMA di San Francisco, California, Stati Uniti, 2 agosto 2016. Foto di Gabrielle Lurie/Reuters

ROMA (AP) – La piattaforma di noleggio a breve termine Airbnb ha accettato di pagare 576 milioni di euro (621 milioni di dollari) per risolvere una controversia durata anni sulle tasse non pagate in Italia, ma ha detto che non cercherà di recuperare denaro dai suoi host.

A novembre, i pubblici ministeri italiani hanno affermato che AirBnb doveva circa 779 milioni di euro (840 milioni di dollari) di tasse sugli affitti a breve termine che non aveva pagato per conto dei proprietari italiani che avevano utilizzato la piattaforma tra il 2017 e il 2021.

La società con sede a San Francisco ha dichiarato mercoledì in un comunicato che sta lavorando per offrire agli host nuovi strumenti per trattenere e pagare automaticamente le tasse alle autorità fiscali italiane per loro conto.

“La stragrande maggioranza degli host su Airbnb in Italia sono famiglie normali che utilizzano la piattaforma per guadagnare entrate aggiuntive”, ha affermato la società nella sua dichiarazione. “Ci auguriamo che l’accordo con l’Agenzia delle Entrate e le recenti modifiche legislative diano a queste famiglie certezza sulle regole in materia di ospitalità per gli anni a venire”.

Per saperne di più: Le città di vacanza limitano gli affitti a breve termine nel contesto della crisi immobiliare

Nel 2022 la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che gli Stati membri possono richiedere alle piattaforme di noleggio a breve termine di riscuotere le imposte sul reddito.

Airbnb ha affermato di accogliere con favore la chiarezza fornita dal governo italiano nella legge di bilancio del prossimo anno su come le piattaforme tratterranno le imposte sul reddito per gli host non professionali in Italia.

READ  L’Italia, profondamente indebitata, mette in vendita i gioielli della Corona

“Questi miglioramenti renderanno più semplice per i centri storici come Venezia e Firenze sapere chi ospita e con quale frequenza, e sviluppare soluzioni politiche proporzionate in risposta. Airbnb è impegnata a collaborare con le autorità italiane per rendere le regole un successo.” Ha aggiunto la società.

L’Italia è un mercato chiave per Airbnb, con decine di migliaia di host che utilizzano la piattaforma per affittare le proprie proprietà.

Il governo di estrema destra guidato dal primo ministro Giorgia Meloni si è impegnato a reprimere l’evasione fiscale legata agli affitti a breve termine e mira ad aumentare l’aliquota fiscale sui proprietari dal 21% al 26%.

Partire:
Una donna parla al telefono presso la sede centrale di Airbnb nel quartiere SOMA di San Francisco, California, Stati Uniti, 2 agosto 2016. Foto di Gabrielle Lurie/Reuters