Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

72.000 ucraini in Italia, da quando sono arrivati ​​gli aiuti all’accoglienza

Il governo italiano ha stanziato 428 milioni di euro per accogliere i profughi del conflitto in Ucraina, la maggior parte dei quali attualmente detenuti da parenti o conoscenti.

Poiché l’arrivo dei rifugiati ucraini in Italia inizia a stabilizzarsi in base al numero di arrivi, anche i fondi del governo stanno iniziando a trovare la loro strada verso coloro che ne hanno bisogno. Alcuni fondi saranno destinati a coloro che alloggiano in centri di accoglienza privati, alle famiglie che ospitano gli ucraini e alle organizzazioni locali impegnate nell’accoglienza degli immigrati.

Finora il governo italiano ha stanziato 428 milioni di euro per accogliere i profughi ucraini. Il Dipartimento della Protezione Civile sta sviluppando regolamenti per garantire che persone generose ma frammentate aiutino chi ha bisogno di denaro per un periodo di tempo più lungo dopo un periodo iniziale. Assistenza umanitaria.

I dati delle Nazioni Unite mostrano che finora almeno 3,8 milioni di persone sono fuggite dal conflitto. Ad oggi sono circa 71.940 le persone giunte in Italia: 37.082 donne, 6.661 uomini e 28.197 minori. All’inizio del conflitto 3.000 persone arrivavano quotidianamente in Italia dall’Ucraina, ma ora il numero è diminuito. Lunedì 28, i funzionari hanno registrato 1.156 visite.

Il ministero dell’Interno afferma che le grandi città di Milano, Roma, Napoli e Bologna continuano ad essere le destinazioni più popolari per i visitatori ucraini. Queste città hanno anche le più grandi comunità ucraine in Italia, che contano circa 250.000 in tutto il paese.

La maggior parte sarà con persone che conoscono

La maggior parte dei rifugiati è ospitata da parenti o conoscenti e alcuni sono ospitati da famiglie che si sono offerte volontarie per aiutare, individualmente o attraverso associazioni di volontariato.

READ  Villaggio modello di monumenti italiani tra cui il Ponte di Rialto di 6 piedi nascosto nella giungla gallese

Alcuni ucraini sono detenuti nei centri di accoglienza del ministero dell’Interno e i servizi sono stati intensificati vista la situazione attuale. Quindi vengono utilizzati diversi tipi di rifugi ed esiste un Dipartimento della Protezione Civile. Attualmente regolamentare.

Uno dei compiti dell’Autorità di regolamentazione della protezione civile è determinare i diversi tipi di accoglienza che qualificano le persone per diversi tipi di spese di soggiorno. I funzionari hanno indicato che i pagamenti saranno effettuati in proporzione all’importo pagato agli italiani sfollati dal terremoto del 2009 nell’Italia centrale. Dovrebbero pagare fino a 60.000 per tre mesi dopo il loro ingresso in Italia. , Fino alla fine di dicembre di quest’anno.

Le rate massime possono aggirarsi intorno ai 600€ al mese o ai 900€ per nucleo familiare. Le autorità italiane hanno emanato uno speciale “Ordine dell’Ucraina” che, con il sostegno del settore terziario e delle istituzioni religiose, ha creato 15mila spazi di accoglienza aggiuntivi. Quando qualcuno soggiorna in questi tipi di centri di accoglienza comunali, le autorità prevedono di pagare circa 30 € a persona al giorno.

Le famiglie “certificate” da associazioni di volontariato come la Caritas (Catholic Church Charity) riceveranno un sostegno per coprire le spese di cura dei profughi.

Il governo italiano sta stanziando 152 milioni di euro alle Regioni per tutto il 2022 per aiutare a fornire l’accesso ai servizi sanitari nazionali. Questi pagamenti saranno proporzionali al numero di ucraini ospitati in qualsiasi regione e saranno fino a 100.000.

I governi regionali e la protezione civile lavorano insieme

Il governo dell’Emilia Romagna Stefano Bonasini ha annunciato che questa settimana ci sarà un incontro tra i governi regionali e il capo della Protezione civile, Fabricio Cursio, per studiare la situazione relativa all’accoglienza dei profughi.

READ  Il ministro della Salute italiano avverte che il ceppo britannico potrebbe dominare l'Europa nei prossimi mesi

“Ho chiesto [central] Il governo e loro hanno ascoltato “, ha detto Bonasini”. Poi abbiamo chiesto – ci è stato chiesto – di dare un grande contributo minimo medio per ogni persona offerta presso la struttura speciale di accoglienza”.

Ora, alla luce della normativa in corso di introduzione da parte del governo e della protezione civile, ha aggiunto Bonasini, “ci sarà una richiesta di contributi da parte degli enti locali legati al tema dell’integrazione”.

Per i minori non accompagnati – 277 secondo gli ultimi dati del ministero dell’Interno – verranno trattati separatamente. Al prefetto di Bologna Francesca Ferrantino è stato chiesto di coordinare gli sforzi per proteggere e prendersi cura di questi rifugiati vulnerabili. Due terzi di loro sono bambini ospitati in famiglie approvate dal tribunale e un terzo soggiorna in strutture approvate.

Autore: Massimo Nestigo