Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Volo MH370: un esperto afferma di aver trovato il volo Malaysia Airlines MH370 scomparso in un importante attacco aereo di linea

Un ingegnere aeronautico afferma di aver trovato il volo 370 della Malaysia Airlines utilizzando una nuova tecnologia di tracciamento rivoluzionaria.

L’esperto britannico Richard Godfrey afferma che l’aereo si è schiantato nell’Oceano Indiano a 1.993 chilometri a ovest di Perth e si trova a 4.000 metri sotto la superficie.

Guarda il video qui sopra per saperne di più sull’hack

Un Boeing 777-200 è scomparso senza lasciare traccia durante un volo da Kuala Lumpur a Pechino l’8 marzo 2014, con 239 persone a bordo.

Il nuovo luogo dell’incidente si trova a soli 28 chilometri da un’area precedentemente cercata per l’aereo sfortunato. a lui attribuito: fornito

In un nuovo rapporto pubblicato martedì, Godfrey ha affermato di aver utilizzato un sistema ad alta tecnologia chiamato propagazione del segnale debole per tracciare le mosse finali dell’aereo.

Descrive la tecnologia come “un insieme di fili di viaggio che corrono in ogni direzione attraverso l’orizzonte fino all’altro lato del globo”.

Mentre gli aerei volano attraverso questi “cavi di inciampo”, il segnale viene interrotto.

Godfrey ha detto di aver combinato il nuovo metodo con i dati di un sistema di comunicazione satellitare a bordo dell’MH370 per tracciare l’ultimo volo dell’aereo scomparso.

“I due sistemi possono essere utilizzati insieme per rilevare, identificare e localizzare l’MH370 durante la sua traiettoria di volo verso l’Oceano Indiano meridionale”, ha affermato.

Il volo 370 della Malaysia Airlines è scomparso senza lasciare traccia nel 2014.
Il volo 370 della Malaysia Airlines è scomparso senza lasciare traccia nel 2014. a lui attribuito: fornito

Secondo il suo rapporto, l’aereo si è schiantato circa un minuto dopo l’ultimo contatto con il satellite alle 8:19 sull’Oceano Indiano.

Mr. Godfrey crede che l’aereo sia alla base di Broken Ridge, un altopiano oceanico in un’area piena di valli e un vulcano sottomarino.

Questo sito non si trovava nell’area di ricerca originale definita dall’Australian Office of Shipping nel 2015, ma si trova nella parte settentrionale dei 120.000 km quadrati dell’area di ricerca 2016.

Una diversa ricerca nel 2018 da parte di Ocean Infinity, gestita dagli Stati Uniti, ha mancato il sito di soli 28 chilometri circa.

Guarda Richard Godfrey parlare con Sunrise dell’hack qui sotto

Richard Godfrey ha parlato con Koji e Nat dell’enorme hack.

Il signor Godfrey ha detto Alba Mercoledì era “molto fiducioso” di aver localizzato l’MH370.

“Abbiamo molti dati dal satellite, abbiamo l’oceanografia, l’analisi della deriva, abbiamo i dati sulle prestazioni di Boeing e ora questa nuova tecnologia.

“Tutti e quattro si allineano con un punto particolare nell’Oceano Indiano”.

Godfrey ha affermato di ritenere che l’incidente sia stato un “dirottamento” e “un atto di terrorismo” del pilota Zahari Ahmad Shah, che “ha deciso di deviare il suo aereo e farlo sparire in uno dei luoghi più remoti del mondo”.

Finalmente risolto l’enigma?

Jeffrey Thomas, redattore dell’aviazione dell’Australia occidentale, ha definito il nuovo rapporto una “grande svolta”.

Ciò è dovuto al fatto che il luogo dell’incidente proposto si trova nell’area in cui la professoressa Charitha Bhatiarachi del Dipartimento di Oceanografia dell’Università dell’Australia occidentale (UWA) aveva precedentemente affermato che si trovava l’MH370.

“La cosa interessante è che la posizione identificata da Richard Godfrey è molto vicina alla posizione identificata dall’UWA”, ha detto a Sunrise.

“È davvero una prova in più che dove UWA ha detto questo aereo, è lì che dovremmo dare un’altra occhiata”.

Thomas ha detto che una nuova ricerca dell’aereo probabilmente inizierà dopo la pubblicazione del rapporto.

“Ci sono molte persone che sono molto interessate a tornare a dare un’occhiata.

“Mi aspetto che la prossima estate lanceranno un’altra ricerca per MH370.”

READ  I monaci tibetani sono stati accusati in processi segreti cinesi di crimini sconosciuti, suscitando nuove paure