Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Variante Omicron COVID: CHO rivela la pausa necessaria per riaprire le frontiere per monitorare il virus

Il chief medical officer australiano ha rivelato perché le prossime due settimane sono importanti per le autorità sanitarie per comprendere gli effetti di Omicron Variante COVID-19 sulla popolazione del paese.

Il professor Paul Kelly, Chief Medical Officer, ha rivelato martedì “cosa sappiamo e cosa non sappiamo e cosa stiamo facendo al riguardo”.

L’Australia ha finora confermato cinque casi della variante Omicron, quattro nel Nuovo Galles del Sud e uno in una struttura di quarantena nel Territorio del Nord Howard Springs.

Il professor Kelly ha affermato che tutti e cinque i casi sono stati rapidamente diagnosticati, sono attualmente in quarantena e, come molti altri registrati in tutto il mondo negli ultimi giorni, tutti legati al Sudafrica.

Ha detto che tutti i casi sono stati registrati in giovani viaggiatori che sono stati vaccinati due volte, soprattutto perché “molti di loro hanno avuto infezioni in precedenza, note o soggette a test sierologici e avevano una malattia molto lieve o in realtà non avevano alcuna malattia”.

Il segretario alla salute Greg Hunt, il segretario agli affari interni Karen Andrews e il direttore medico Paul Kelly. a lui attribuito: Mick Tsikas/AAPIMAGE

Finora, non ci sono prove di trasmissione in Australia e, sebbene le infezioni si siano verificate di nuovo in precedenza, il rischio di Omicron è sconosciuto.

“Sappiamo che è trasmissibile, ma non sappiamo quanto sia efficace il vaccino”, ha detto.

“Abbiamo alcuni rapporti aneddotici secondo cui le persone che sono state vaccinate due volte, fino a ottobre[sono state infettate]. Non sappiamo se questa è una cosa globale. È troppo presto per dire se sono state solo una coincidenza o se questo è un cosa vera.”

Simbolo chevron destro

Il Sudafrica è molto diverso dall’Australia

Mentre le prime indicazioni in Sud Africa che la variante può causare sintomi lievi, il professor Kelly ha spiegato che era difficile confrontare tra i paesi.

“In termini di gravità, il Sudafrica è molto diverso dall’Australia”, ha detto.

“L’aspettativa di vita media è di 65 anni. Solo il 5% della popolazione ha più di 65 anni. Hanno solo il 25% di copertura vaccinale.

Quindi ci vorrà del tempo per conoscere l’effetto sugli anziani, più persone che sono più suscettibili alle malattie.

“La maggior parte delle informazioni e delle informazioni dettagliate sono nei giovani viaggiatori, di età pari o inferiore a 30 anni, e sappiamo che tutti i tipi di questo virus hanno meno probabilità di causare malattie gravi in ​​quella fascia di età”.

Quasi l’87 per cento degli australiani di età pari o superiore a 16 anni è stato vaccinato.

Simbolo chevron destro

Non dovremmo presumere che sia troppo mite o più pericoloso

Anche il capo della sanità del Victoria, il professor Brett Sutton, ha contribuito alla discussione, concordando sul fatto che si trattava ancora dei “primi giorni per comprendere questa variabile di preoccupazione, come definita dall’Organizzazione mondiale della sanità”.

Ha detto che Omicron sembra essere “in competizione” per la forma del delta in Sud Africa – qualcosa che potrebbe essere dovuto a “una maggiore efficacia di trasmissione o fuga immunitaria o (forse più probabilmente) un po’ di entrambi”.

“In ogni caso, questo è un motivo forte per guardarlo da vicino e capire più urgentemente”.

Ha notato che è stato registrato da entrambi gli individui che sono stati vaccinati due volte e da coloro che sono stati precedentemente infettati, ma anche in questo caso non è chiaro “se questo è più probabile con Omicron che con le altre varianti”.

“I vaccini esistenti hanno ancora il potenziale per fornire protezione, ma questa è la domanda più grande che deve essere risolta – probabilmente si saprà di più nelle prossime settimane.

“È più grave? Ancora una volta, è stato detto molto, ma non ci sono assolutamente indicazioni reali a questo punto. Non dovremmo presumere che sia troppo lieve o più grave. “

“Non possiamo portarlo via per sempre”

I leader dell’Unione, dello stato e del territorio si incontreranno martedì per discutere le modalità di quarantena dopo che Victoria, Nuovo Galles del Sud e Territorio della capitale australiana hanno chiesto di isolare tutti gli arrivi internazionali per 72 ore.

Il paese è già chiuso a otto paesi in Sud Africa e L’Australia ha posticipato la riapertura delle sue porte agli studenti internazionali e ai titolari di visto fino al 15 dicembre.

Inizialmente era previsto per mercoledì, ma le autorità volevano più tempo per valutare i rischi della variante Omicron che sembrava essere più trasmissibile.

Un lavoratore della benzina si trova accanto al titolo di un giornale a Pretoria, in Sud Africa.
Un lavoratore della benzina si trova accanto al titolo di un giornale a Pretoria, in Sud Africa. a lui attribuito: Dennis Farrell/AP

Il professor Kelly ha affermato che continuerà a incontrarsi quotidianamente con l’Australian Health Protection Principal Committee (AHPCC) per le prossime due settimane.

“Questa è una pausa fino a quando non potremo ottenere le informazioni di cui abbiamo bisogno, ma ci impegniamo a continuare a riaprire, questo è il consiglio e le decisioni che sono state prese la scorsa notte”, ha affermato.

“Non possiamo tenere fuori per sempre la variante Omicron. Alla fine, sarà qui.

Simbolo chevron destro

Non possiamo tenere fuori per sempre la variante Omicron

“Ancora più importante, ora stiamo facendo il possibile per rallentare questa introduzione e tutte le misure che sono state introdotte aiuteranno in questo”.

Ha aggiunto che è stato un “momento difficile” per l’Africa australe e ha ringraziato le autorità per la loro “estrema apertura e assistenza in termini di ciò che sanno”.

– con AAP

READ  Puoi risolverlo? un mucchio di spilli | Matematica