Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una startup di Singapore investe 3,2 miliardi di euro in Italia

Una startup di Singapore investe 3,2 miliardi di euro in Italia

Apri Editor's Digest gratuitamente

Una startup di semiconduttori con sede a Singapore investirà 3,2 miliardi di euro per creare una fabbrica di chip in Italia, creando centinaia di posti di lavoro, come parte della spinta dello Stato membro dell’UE ad attrarre investimenti nelle industrie ad alta tecnologia.

Silicon Box, recentemente valutata 1 miliardo di dollari, prevede di produrre chip per l’intelligenza artificiale, i veicoli elettrici e il calcolo ad alte prestazioni in un nuovo stabilimento nel nord Italia.

Lunedì il governo italiano e i funzionari dell’azienda hanno dichiarato che si prevede che l’impianto darà lavoro a 1.600 persone una volta pienamente operativo e creerà migliaia di posti di lavoro indiretti nella fornitura e nella logistica.

La mossa arriva mentre l’Unione Europea si pone l’ambizioso obiettivo di raddoppiare la propria capacità di produzione di semiconduttori entro il 2030 portandola al 20% del totale globale, dal 10% nel 2021, nel tentativo di ridurre la dipendenza dalla Cina per le forniture strategiche come parte di un piano globale di produzione di semiconduttori. strategia di riduzione del rischio.

Adolfo Orso, ministro dell'Industria, ha affermato che negli ultimi mesi Roma ha inviato una task force in tutto il mondo con l'obiettivo di attrarre investimenti high-tech in Italia, un paese noto per le sue esportazioni di beni di lusso, cibo e vino.

“Le recenti turbolenze globali evidenziano la necessità di costruire una catena di fornitura di semiconduttori più resiliente in Europa”, ha detto Orso lunedì, aggiungendo che i chip sono “al centro dell’attenzione”. [the Italian government’s] Priorità strategiche.

READ  Meloni lascia oggi il G7 per affrontare la crisi delle inondazioni in Italia

Ha espresso la speranza che l'investimento del Silicon Fund “serva da catalizzatore per ulteriori investimenti e innovazioni in Italia”.

Funzionari italiani hanno affermato che Roma fornirà sostegno finanziario attraverso sovvenzioni al Fondo Silicon. Hanno rifiutato di specificare quanto l’UE deve accettare prima di andare avanti.

La struttura si concentrerà sulla produzione di “microchip”, un metodo di produzione di semiconduttori che mira a migliorare le prestazioni dei processori assemblando insieme molti piccoli componenti, anziché l’approccio tradizionale di stampare tutto su un singolo pezzo di silicio.

I sostenitori, come Intel, affermano che i chip più piccoli possono offrire ai progettisti maggiore flessibilità, ad esempio combinando componenti di fascia alta con componenti più vecchi ed economici. Ma possono anche essere più costosi e complessi da produrre.

La notizia dell’investimento arriva mesi dopo che il governo del primo ministro Giorgia Meloni si è formalmente ritirato dall’accordo chiave del presidente Xi Jinping sulla Belt and Road, una mossa che molti in Italia temono possa portare Pechino a ritorsioni contro gli interessi economici italiani.

L'Italia sperava di convincere Intel a realizzare un impianto avanzato di confezionamento e assemblaggio di chip, come parte dei piani della società americana di aumentare la capacità produttiva in tutta Europa. Sebbene il progetto fosse stato annunciato, non fu mai completato.

Allo stesso tempo, il governo tedesco ha promesso il sostegno statale ai produttori internazionali di chip che investono nella più grande economia europea. Intel sta spendendo 30 miliardi di euro per due fabbriche lì, e riceverà 9,9 miliardi di euro in sovvenzioni per il suo progetto, il più grande investimento straniero nella storia del paese nel dopoguerra.

READ  Il costruttore navale italiano Fincantieri sta cercando di abbassare la leva nel rinnovamento del business

Silicon Box è stata fondata nel 2021 dalla coppia marito e moglie che ha fondato il produttore di chip Marvell, quotato negli Stati Uniti, e dall'attuale CEO Han Byung-joon.

Da allora, ha raccolto capitali da investitori tra cui l'indiana Tata Electronics, la Taiwan United Microelectronics e il produttore statunitense di apparecchiature per chip a contratto Lam Research. Ora è valutato a 1 miliardo di dollari dopo aver raccolto 200 milioni di dollari in un secondo round a gennaio.

Hahn ha detto lunedì che l'Italia ha le infrastrutture e le risorse umane necessarie per rendere il progetto un successo, e ha sottolineato “l'iniziativa del governo per sostenere e semplificare l'ambiente imprenditoriale”.

“L’Italia offre un eccezionale ecosistema di istruzione superiore con una forte tradizione nel campo dell’ingegneria e della scienza”, ha aggiunto.

Lo stabilimento Silicon Box sarà costruito nel Nord Italia industriale. La sede definitiva non è stata ancora definita e i lavori dovrebbero iniziare quest’anno.

Report aggiuntivi di Giuliana Ricozzi a Roma e Tim Bradshaw a Londra

Video: La corsa per la supremazia dei semiconduttori | Film FT